0 11 minuti 2 mesi

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!


Un uomo è morto dopo il potenziamento della corona nella Charité di Berlino. La clinica ha attribuito la sua morte a malattie precedenti e ha persino mentito dicendo che i parenti non volevano un’autopsia. La famiglia ha lavorato a proprie spese. Ora è chiaro: probabilmente la colpa era della vaccinazione, probabilmente non un caso isolato.

La gestione della più grande clinica universitaria tedesca con la morte improvvisa del 76enne Burkhard Rosin dopo la sua terza vaccinazione contro il coronavirus evidenzia una scandalosa pratica tedesca nell’affrontare sospetti danni da vaccino e decessi.

Prima hanno negato il sospetto, poi a quanto pare hanno cercato di impedire un’indagine con una bugia.

I parenti hanno dovuto finanziare da soli l’autopsia. E quando una connessione è stata confermata, la Dresden City Clinic (sede di Friedrichstadt) ha vietato al suo patologo forense di rilasciare un’intervista alla stampa.

Rifiuto di indagare sulla causa

Per prima cosa: Rosin è crollato improvvisamente all’inizio di quest’anno, esattamente dieci giorni dopo il suo booster corona con la preparazione dell’mRNA delle società BioNTech e Pfizer. È stato rianimato più volte in ambulanza, cioè rianimato. Ma pochi giorni dopo morì nella Charité di Berlino.

Nel suo rapporto, l’ospedale universitario ha nominato la presunta causa della morte: il morbo di Parkinson di Rosin in connessione con la polmonite e la conseguente sepsi, cioè avvelenamento del sangue. Questo segnalato recentemente il Radiodiffusione della Germania centrale (MDR) dal titolo “Danni cerebrali dopo la vaccinazione – come le persone in lutto combattono per l’illuminazione”.

Il rapporto rivela ancora di più: i medici della Charité hanno respinto con veemenza l’indicazione della moglie e della figlia su un possibile collegamento con la vaccinazione. La figlia ha ricordato all’emittente che lì non volevano sentire la parola vaccinazione. Non appena è caduto, i medici hanno sottolineato che non poteva essere così. La vedova ha aggiunto: “È un tabù”.

Quando i due hanno finalmente letto la lettera dell’ospedale, sono rimasti scioccati. La Charité ha affermato che la famiglia non voleva l’autopsia sul defunto. Una vera e propria bugia: la clinica non gliel’ha chiesto affatto. La Charité stava cercando di impedire un’indagine? Se sì, in quanti casi è stato simile? (Un’indagine scioccante rivela che un governo ombra globale si è infiltrato in tutto e ha costruito un regime di vaccini globale)

Picchi nei polmoni, nel cuore, nei vasi sanguigni e nel cervello

Rispetto al MDR la Charité si è giustificata dicendo che i parenti avevano chiesto l’autopsia solo quando la salma era già stata consegnata al becchino. Non riusciva più a capire se l’ospedale universitario avesse inviato questa richiesta.

Madre e figlia si sono quindi attivate esse stesse, hanno trasferito il defunto all’Istituto di patologia della clinica municipale di Dresda ed esaminato a proprie spese. Lì, il medico senior Michael Mörz ha scoperto qualcosa di spaventoso.

Di conseguenza, la polmonite non era l’unica malattia acuta dei morti. Secondo Mörz, c’era anche un’infiammazione del cervello, dei vasi sanguigni e del cuore, cioè la miocardite, che è un noto effetto collaterale grave dopo un’iniezione di mRNA.

E: In tutti gli organi infiammati, il patologo ha rilevato la proteina spike prodotta dall’mRNA nelle cellule del corpo. Ciò contraddice le affermazioni dei produttori e delle autorità di regolamentazione, secondo le quali i preparati dovrebbero rimanere nel muscolo della parte superiore del braccio, cioè nel sito di vaccinazione.

Mörz è stato in grado di escludere un’infezione da virus corona. Secondo il patologo, questo caso non è l’unico nel suo genere. Ha fatto la stessa scoperta con circa altre 20 persone morte dopo la vaccinazione.

I patologi chiedono più autopsie

Il caso Rosin è diventato dem MDR noto perché Mörz lui come studia aveva pubblicato, in cui documentava con precisione le sue azioni. Il documento è stato ora rivisto.

L’emittente pubblica ha ripetutamente richiesto un’intervista alla Dresdner Klinikum con il medico senior che vi esercitava – invano: la struttura ha prima giustificato il suo rifiuto sottolineando che lo studio non era ancora stato rivisto.

Ha poi spiegato che la comunicazione pubblica “non ha senso al di là del discorso scientifico”. Inoltre, secondo la direzione della clinica, non vogliono prendere parte ai dibattiti politici.

Questo dà una visione profonda. Apparentemente, l’ospedale temeva per la sua buona reputazione a causa delle indagini sui danni del vaccino. Probabilmente non voleva essere messa alla berlina dai media e dai politici.

Dovrebbe essere infatti un dovere politico e medico controllare e comunicare coscienziosamente gli effetti delle droghe utilizzate su larga scala. Ma questo ovviamente non è desiderabile.

Mörz non è l’unico patologo che insiste sul fatto che coloro che sono morti in relazione a una vaccinazione contro il coronavirus dovrebbero essere sempre esaminati dalla medicina legale. Il patologo di Heidelberg Peter Schirmacher l’aveva già più di un anno fa pestato.

Aveva sottoposto ad autopsia 40 dei deceduti ed esposto la vaccinazione come probabile causa in circa un terzo. Lo stesso ha chiesto nei suoi confronti MDR il patologo di Münster Johannes Friemann. Ha già iniziato a indagare sulle morti per corona offerte.

merda e irresponsabilità

La stazione radiofonica è caduta nel vuoto nella politica e nelle sue istituzioni scientifiche. Il Ministero Federale della Salute (BMG) ha il MDR riferito al Paul Ehrlich Institute (PEI), che riferisce a lui, su richiesta.

Ancora una volta diceva: Il caso è stato ora incluso nelle statistiche. Non si riconosce un segnale di rischio per quanto riguarda le malattie del defunto.

Devi sapere come il PEI cerca segnali di rischio nei vaccini corona. Riguardo a questo segnalato RT DE già a ottobre: ​​l’Istituto federale confronta il numero di decessi sospetti segnalati in relazione temporale con la vaccinazione con tutti i decessi previsti nella popolazione.

In quanto tale, applica erroneamente il metodo statistico consolidato dell’analisi osservata rispetto a quella attesa (OvE).

Per determinare se il numero di persone effettivamente morte dopo una vaccinazione supera il numero di morti attese, dovrebbe includere tutti coloro che sono morti, indipendentemente da qualsiasi sospetto. Ma è proprio quello che non fa.

Invece, il PEI confronta i casi di segnalazione incompleti con un numero totale statisticamente previsto per tutte le cause di morte. Questa applicazione non scientifica di questo metodo descrive it sul proprio sito web alla voce “Sicurezza ed efficacia”.

Secondo l’ultimo PEI Safety Report non rinnovato dall’inizio di settembre e rendicontazione fino al 30 giugno 2022 contienele autorità avrebbero lanciato l’allarme solo se a quel punto fossero stati segnalati circa 200.000 decessi per vaccino.

Lo stesso vale per tutti gli altri casi sospetti, come l’infiammazione del muscolo cardiaco. I segnali di rischio sono quindi quasi impossibili e ci si può aspettare solo nel caso di malattie estremamente rare come la trombosi venosa cerebrale secondo AstraZeneca.

Insabbiamento organizzato?

Sorge anche la domanda: come vuole il PEI monitorare la sicurezza se molti casi non vengono né presi sul serio né registrati e indagati? Perché è esattamente quello che suggerisce il caso Rosin. Lo suggeriscono anche innumerevoli segnalazioni di sospette vittime del vaccino.

L’intera pratica politica e istituzionale mostra quanto poco entusiasmo ci sia per la ricerca sugli effetti collaterali del nuovo tipo di vaccino. La comunicazione pubblica sulle vaccinazioni è spesso come una pubblicità per i preparati: gli effetti collaterali sono minimizzati e l’efficacia è gonfiata. Rapporti come questo MDR sono ancora una rara eccezione.

Cosa c’è di più: per quasi un anno, il PEI ha tenuto segreto il numero al pubblico e alla stampa segnalato Casi sospetti di effetti indesiderati gravi e fatali in bambini e adolescenti.

Anche l’intero processo è impressionante da questo inchiesta l’autore secondo il Freedom of Information Act (IFG). Anche il BMG, che è autorizzato a dare istruzioni al PEI indica scarso interesse per chiarimenti.

Se si considera che al 30 settembre 2021 – ovvero solo un mese e mezzo dopo la raccomandazione di vaccinazione della Standing Vaccination Commission (STIKO) presso il Robert Koch Institute (RKI) per i dodici-17enni – il PEI aveva riportato cinque decessi in questa fascia di età segnalato e se si guarda al resto della pratica fino al caso sottoposto ad autopsia da Mörz, si sospetta:

Scandalo medico sull'invecchiamento Codex Humanus - Il libro dell'umanità Scandalo medico cancro

Non vogliono indagare sui danni del vaccino. Apparentemente non sono richieste prove, con conseguenze ancora sconosciute per molti.

Del MDRrelazione dovrebbe scuotere i politici, le autorità e l’opinione pubblica. In quanto mezzo pubblico, non può essere né accusato di “negazione” del virus Corona né liquidato come “canale diffamatorio”.

Finora, tuttavia, non vi è stata alcuna eco corrispondente.

Il 28 aprile 2020”Il codice di Hollywood: culto, satanismo e simbolismo: come i film e le star manipolano l’umanità“(anche con Amazzonia disponibile), con un emozionante capitolo: “La vendetta delle 12 scimmie, il contagio e il coronavirus, ovvero come la finzione diventa realtà“.

Il 15 dicembre 2020”Il codice musicale: frequenze, agende e servizi segreti: tra coscienza e sesso, droga e controllo mentale“(anche con Amazzonia disponibile), con un emozionante capitolo: “Le pop star come marionette d’élite al servizio del New Corona World Order“.

Il 10 maggio 2021”DUMB: bunker segreti, città sotterranee ed esperimenti: cosa nascondono le élite“(anche con Amazzonia disponibile), con un emozionante capitolo Adrenochrome e bambini liberati dai DUMB“.

Il 18 marzo 2022”La cospirazione musicale moderna: pop star, successi e videoclip – per il perfetto lavaggio del cervello“(anche con Amazzonia disponibile), con un emozionante capitolo “Stelle pro e contro la vaccinazione: “Die Ärzte”, “Die Toten Hosen”, Nena, Westernhagen, Eric Clapton, Neil Young e altri“.

Il 26 agosto 2022”The Hollywood Code 2: Prophetic Works, Alien Agenda, New World Order e Pedophilia – ce lo raccontano attraverso i film“(anche con Amazzonia disponibile), con un emozionante capitolo “Hollywood ha predetto la pandemia“.

Puoi ottenere un libro firmato a EUR 30,00 (tutti e cinque i libri a EUR 150,00) compresa la spedizione se invii un ordine a: info@pravda-tv.com.

Fonti: dominio pubblico/de.rt.com il 12/02/2022


Insabbiamento organizzato: il rapporto MDR rivela la pratica tedesca nell’affrontare i danni da vaccino

aikos2309

Source link

Lascia un commento

Leggi anche