0 2 minuti 2 mesi

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!


Lavorare insieme in un mondo frammentato” è il tema dell’incontro annuale 2023 a Davos, Klosters, dal 16 al 20 gennaio 2023. Parteciperanno oltre 2.500 leader del governo, delle imprese e della società civile.

Nel suo discorso di apertura, Klaus Schwab ha detto:

“Questa guerra è davvero un punto di svolta nella storia e ‘rimodellerà’ il nostro panorama politico ed economico per gli anni a venire.” – Klaus Schwab.

Lavorare insieme in un mondo frammentato” è il tema della conferenza annuale 2023, che si svolgerà dal 16 al 20 gennaio 2023 a Davos, Klosters. Parteciperanno oltre 2.500 leader della politica, dell’economia e della società civile.

“In un momento cruciale per il mondo, l’incontro annuale del 2023 riunirà più di 2.500 leader della politica, degli affari e della società civile. La pandemia di Covid-19 e la guerra in Ucraina hanno innescato grandi cambiamenti. Il promesso “decennio di azione” potrebbe trasformarsi in un decennio di incertezza e fragilità se non si affrontano i rischi sistemici.

Per gestire l’attuale cascata di crisi, ma soprattutto per guidare cambiamenti tangibili e positivi per il sistema a lungo termine, il World Economic Forum ospita a gennaio il suo 53° incontro annuale per riaffermare il valore e la necessità del dialogo e della cooperazione pubblico-privato.

I temi chiave per il 2023 includono:

  1. Crisi energetica e alimentare nel contesto di un nuovo sistema per l’energia, il clima e la natura
  2. Economia ad alta inflazione, bassa crescita e alto debito sotto un nuovo sistema di investimenti, commercio e infrastrutture
  3. L’industria è contraria nel contesto di un nuovo sistema che sfrutta le tecnologie all’avanguardia per l’innovazione e la resilienza del settore privato
  4. Vulnerabilità sociali nel contesto di un nuovo sistema del lavoro, delle competenze e della cura
  5. Rischi geopolitici legati a un nuovo sistema di dialogo e cooperazione in un mondo multipolare



Source link

Lascia un commento

Leggi anche