0 11 minuti 2 settimane

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!


I bambini vengono presi di mira e venduti per sesso in America ogni giorno.”—John Ryan, Centro nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati

Ci vuole un tipo speciale di male per prostituire e trafficare un bambino per il sesso, eppure questo male cammina tra noi ogni minuto di ogni giorno.

Considera questo: ogni due minuti viene comprato un bambino e venduto per il sesso.

Centinaia di giovani ragazze e ragazzi—alcuni di appena 9 anni– vengono comprati e venduti per il sesso, tanti quanti 20 volte al giorno.

Gli adulti acquistano bambini per sesso almeno 2,5 milioni di volte all’anno solo negli Stati Uniti.

Solo in Georgia, si stima che 7.200 uomini (metà dei quali sulla trentina) cercano di acquistare sesso con ragazze adolescenti ogni mesecon una media di circa 300 al giorno.

In media, un bambino potrebbe esserlo stuprata da 6.000 uomini durante un periodo di cinque anni.

È stimato che almeno da 100.000 a 500.000 bambini, maschi e femmine, vengono comprati e venduti per sesso negli Stati Uniti ogni anno, con ben 300.000 bambini a rischio di tratta ogni anno. Alcuni di questi bambini vengono rapiti con la forza, altri sono fuggitivi e altri ancora vengono venduti al sistema da parenti e conoscenti.

Lo stupro infantile è diventato Grandi affari in America.

Questo non è un problema riscontrato solo nelle grandi città.

Sta accadendo ovunque, proprio sotto il nostro naso, nelle periferie, nelle città e nei paesi di tutta la nazione.

Come sottolinea Ernie Allen del National Center for Missing and Exploited Children, “L’unico modo per non trovarlo in nessuna città americana è semplicemente non cercarlo.”

Come tanti dei mali in mezzo a noi, il traffico sessuale (e la sessualizzazione dei giovani) è una malattia culturale radicata nel cuore oscuro dello stato di polizia americano. Parla di una corruzione sordida e di vasta portata che si estende dalle più alte sedi del potere (governativo e aziendale) fino agli angoli più nascosti e si affida al nostro silenzio e alla nostra complicità per chiudere un occhio sulle malefatte.

Si stima che il numero di bambini che rischiano di essere oggetto di tratta o che siano già stati venduti al commercio sessuale riempirebbe 1300 scuolabus.

Internet è diventato il mezzo principale di predatori sessuali che prendono di mira e vendono bambini piccoli per il sesso. “Un bambino su cinque online riceve proposte sessuali attraverso piattaforme di gioco e altri social media. E quei forum di sfruttamento sessuale orientati al non contatto sono in aumento “, ha affermato il ricercatore Brian Ulicny.

Non sono solo le ragazze a essere vulnerabili.

Secondo A Stati Uniti oggi relazione investigativa, “i ragazzi costituiscono circa il 36% dei bambini coinvolti nell’industria del sesso statunitense (circa il 60% sono donne e meno del 5% sono maschi e femmine transgender).”

Ogni anno, l’età delle ragazze e dei ragazzi che vengono comprati e venduti diventa sempre più giovane.

L’età media delle vittime di tratta è di 13 anni. Eppure, come ha sottolineato il capo di un gruppo che combatte la tratta, «pensiamo a cosa significa media. Ciò significa che ci sono bambini di età inferiore ai 13 anni. Ciò significa bambini di 8, 9, 10 anni.”

Sono minori di 13 anni che vengono trafficati”, ha osservato una vittima di tratta di 25 anni. “Sono bambine.”

Questo è il piccolo sporco segreto dell’America.

Ma cosa o chi sta guidando questo cattivo appetito per la carne giovane? Chi compra un bambino per il sesso?

Altrimenti uomini comuni da tutti i ceti sociali. “Potrebbero essere il tuo collega, medico, pastore o coniuge”, scrive il giornalista Tim Swarens, che ha trascorso più di un anno a indagare sul commercio sessuale in America.

Secondo l’investigatore criminale Marc Chadderdon, questi “compratori” – i cosiddetti uomini “comuni” che guidano la domanda di sesso con bambini – rappresentano uno spaccato della società americana: ogni età, ogni razza, ogni estrazione socio-economica, poliziotti, insegnanti, operatori penitenziari, pastori, ecc.

Le forze di polizia americane, piene di corruzione, brutalità, cattiva condotta sessuale e abuso di droghe, rappresentano un altro aspetto del problema: la polizia è diventata sia predatori che ruffiani. Come la Investigatore di Filadelfia rapporti, “Centinaia di agenti di polizia in tutto il paese si sono trasformati da protettori in predatori, usando il potere del loro distintivo per estorcere sesso.”

Le ragazze giovani sono particolarmente vulnerabili a questi predatori in blu.

L’ex agente di polizia Phil Stinson lo stima la metà delle vittime di crimini sessuali della polizia sono minorenni di età inferiore ai diciotto anni. Secondo Il WashingtonPostuno studio nazionale lo ha scoperto Il 40% dei casi segnalati di cattiva condotta sessuale della polizia ha coinvolto adolescenti.

Ad esempio, in California, un sergente di polizia, un veterano delle forze di polizia da 16 anni, è stato arrestato per violentare una ragazza di 16 anni che era tenuta prigioniera e venduta per sesso in una casa in un quartiere di lusso.

Un capo della polizia della Pennsylvania e il suo amico sono stati arrestati per presunto stupro di una giovane ragazza centinaia di volte…per via orale, vaginale e anale più volte alla settimana– nel corso di sette anni, a partire da quando aveva 4 anni.

Due poliziotti della polizia di New York sono stati accusati di aver arrestato un’adolescente, di averla ammanettata e di averla portata con un furgone senza contrassegno in un parcheggio vicino, dove l’hanno violentata e costretta a fare sesso orale con loropoi l’ha lasciata all’angolo di una strada vicina.

Il New York Times riferisce che “lo era un vice dello sceriffo a San Antonio accusato di aver aggredito sessualmente la figlia di 4 anni di una donna guatemalteca priva di documenti e minacciando di espellerla se avesse denunciato l’abuso.”

E poi ci sono eventi sportivi nazionali come il Super Bowl, dove i trafficanti di sesso sono stati sorpresi a vendere minorenni, alcuni di appena 9 anni. Indipendentemente dal fatto che il Super Bowl sia o meno una “manna” per i trafficanti di sesso, come sostengono alcuni, rimane una fonte di reddito redditizia per l’industria del traffico sessuale di minori e un’attrazione per coloro che sono disposti a pagare per stuprare bambini piccoli.

Infine, come ho documentato in una colonna precedente, la cultura sta preparando questi giovani a essere preda di predatori sessuali.

I social media rendono tutto troppo facile. Come riportato da un centro stampa, “Trovare ragazze è facile per i magnaccia. Cercano sui… social network. Loro e i loro assistenti visitano i centri commerciali, le scuole superiori e le scuole medie. Li raccolgono alle fermate degli autobus. Sul carrello. Il reclutamento da ragazza a ragazza a volte accade. Sono diventate anche case famiglia e rifugi per giovani obiettivi primari per i trafficanti.

Raramente questi bambini entrano volontariamente nella prostituzione. Molti iniziano come fuggiaschi o usa e getta, solo per essere rapiti da magnaccia o anelli sessuali più grandi. Altri, persuasi a incontrare uno sconosciuto dopo aver interagito online attraverso uno dei tanti siti di social network, si ritrovano rapidamente iniziati alle loro nuove vite come schiave del sesso.

Secondo il Centro nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati, quasi 800.000 bambini scomparire ogni anno (circa 2.185 bambini al giorno).

Per quelli trafficati, è un incubo dall’inizio alla fine.

Quelli venduti per sesso hanno un aspettativa di vita media di sette annie quegli anni sono un incubo vivente di stupri senza fine, droghe forzate, umiliazioni, degrado, minacce, malattie, gravidanze, aborti, aborti spontanei, torture, dolore e sempre la paura costante di essere uccisi o, peggio, di far soffrire chi ami o ucciso.

Un filo conduttore intessuto nelle esperienze della maggior parte dei sopravvissuti è l’essere costretti ad andare senza dormire né mangiare finché non hanno raggiunto la loro quota di sesso di almeno 40 uomini.

Come racconta David McSwane in un pezzo agghiacciante per il Herald-Tribune: “A Oakland Park, un sobborgo industriale di Fort Lauderdale, gli agenti federali nel 2011 hanno incontrato un bordello gestito da una coppia sposata. All’interno di “The Boom Boom Room”, come era noto, i clienti pagavano una tassa e ricevevano un preservativo e un timer e venivano lasciati soli con uno degli otto adolescenti del bordello, bambini di appena 13 anni. ha testimoniato che ha agito come sicurezza, mentre una ragazza di 17 anni ha detto a un giudice federale che lo era costretto a fare sesso con ben 20 uomini a notte.”

Un particolare giro di traffico sessuale si rivolgeva specificamente ai lavoratori migranti impiegati stagionalmente nelle fattorie di tutti gli stati del sud-est, soprattutto Carolina e Georgia, sebbene sia un’attività fiorente in ogni stato del paese. I trafficanti trasportano le donne di fattoria in fattoria, dove i lavoratori migranti si mettevano in fila fuori dalle baracche, fino a 30 alla voltaper fare sesso con loro prima che venissero trasportati in un’altra fattoria dove il processo sarebbe ricominciato da capo.

Questo male crescente è, a tutti gli effetti, allo scoperto.

Sfortunatamente, come documento nel mio libro Battlefield America: la guerra al popolo americano e nella sua controparte immaginaria I diari di Erik Blairla guerra del governo al traffico sessuale, proprio come la guerra del governo al terrorismo, alla droga e alla criminalità, è diventata una scusa perfetta per infliggere più tattiche da stato di polizia (punti di controllo della polizia, perquisizioni, sorveglianza e maggiore sicurezza) a un pubblico vulnerabile mentre facciamo poco per proteggere effettivamente i nostri figli dai predatori sessuali.

Il fatto che così tanti bambini continuino a essere vittimizzati, brutalizzati e trattati come un carico umano è dovuto a tre cose: primo, una domanda dei consumatori che è sempre più redditizia per tutti i soggetti coinvolti, tranne le vittime; due, un livello di corruzione così invasivo su scala sia locale che internazionale che c’è poca speranza di lavorare attraverso canali consolidati per il cambiamento; e tre, un silenzio inquietante da parte di individui che non si pronunciano contro tali atrocità.


Le grandi banche e il piano FMI per rubare i tuoi soldi




Source link

Lascia un commento

Leggi anche