0 8 minuti 2 settimane

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!


Già nel settembre scorso, mese di inizio dell’ondata di proteste in Iran, Musk aveva fatto sapere che avrebbe fornito il servizio internet Starlink con l’obiettivo di promuovere la libera circolazione delle informazioni.

Ad oggi SpaceX ha in orbita più di 3.600 satelliti Starlink, che coprono 25 paesi e oltre 145.000 utenti in tutto il mondo. Che ruolo ha Musk nel complesso militare-industriale?

Il sostegno di Elon Musk all’operazione per il cambio di regime in Iran da parte dell’impero statunitense

Elon Musk ha annunciato che sta aiutando a contrabbandare centinaia di dispositivi di comunicazione satellitare Starlink in Iran. Il miliardario sudafricano lo ha ammesso il 26 dicembre rispondendo a un tweet che lodava i manifestanti iraniani per essersi rifiutati di coprirsi i capelli. “Quasi 100 star link sono attivi in Iran”, ha twittato, sottintendendo chiaramente una motivazione politica per il suo lavoro….

L’operazione di Musk in Iran è sorprendentemente simile alle sue azioni in Ucraina all’inizio di quest’anno – un’altra priorità assoluta per gli Stati Uniti. Dopo l’invasione russa di febbraio, Musk si è guadagnato la benevolenza del mondo dopo aver dichiarato che avrebbe “donato” migliaia di terminali Starlink all’Ucraina per mantenere il Paese online. Tuttavia, questi sono stati forniti esclusivamente alle forze armate ucraine e hanno presto costituito la spina dorsale degli sforzi per fermare l’avanzata russa. L’esercito ucraino utilizza i servizi Starlink per qualsiasi cosa, dalle immagini termiche, all’acquisizione di bersagli, ai colpi di artiglieria e alle chiamate zoom.

Con oltre 20.000 terminali in funzione, i media occidentali affermano che Starlink è una ” lifeline” e uno “strumento indispensabile” senza il quale la resistenza ucraina sarebbe stata spezzata. Il governo è d’accordo: “SpaceX e Musk rispondono rapidamente ai problemi e ci aiutano”, ha dichiarato di recente il vice primo ministro Mykhailo Fedorov, aggiungendo che non c’è “nessuna alternativa” ai prodotti di Musk per le sue forze armate.

Tuttavia, è presto emerso che la donazione di Musk potrebbe non essere stata così generosa come si pensava. L’USAID – un’agenzia governativa americana che spesso agisce come un’organizzazione per il cambio di regime – aveva pagato discretamente un prezzo elevato a SpaceX per inviare praticamente l’intero stock di Starlink in Ucraina.

A dicembre, Fedorov ha dichiarato che più di 10.000 terminali aggiuntivi sarebbero stati presto consegnati al suo Paese. Non è chiaro chi li pagherà, ma è noto che SpaceX e il governo degli Stati Uniti avevano negoziato due mesi prima il finanziamento di ulteriori attrezzature per l’Ucraina.

Musk e il complesso militare-industriale

Sebbene il ruolo del controverso miliardario nelle operazioni di cambio di regime e nelle guerre per procura americane possa sorprendere alcuni, la realtà è che Elon Musk ha avuto legami estremamente stretti con lo Stato di sicurezza nazionale degli Stati Uniti praticamente fin dall’inizio della sua carriera.

La Central Intelligence Agency è stata coinvolta sia nella creazione che nell’espansione di SpaceX. Particolarmente importante per la storia dell’azienda è Michael Griffin, ex presidente e direttore operativo del venture capitalist della CIA, In-Q-Tel, fondato per identificare individui e aziende che potessero lavorare con o per la CIA, con l’obiettivo di mantenere il vantaggio tecnologico dello stato di sicurezza nazionale degli Stati Uniti rispetto ai suoi avversari.

Griffin ha creduto subito in Musk, definendolo il futuro “Henry Ford” dell’industria missilistica. Griffin era così desideroso di avere il sudafricano a bordo che lo accompagnò in un viaggio a Mosca all’inizio del 2002 (ancora prima della fondazione di SpaceX) per acquistare missili balistici intercontinentali dalle autorità russe – un fatto difficile da credere vista la realtà geopolitica odierna.

I tentativi di Musk di acquistare razzi russi sono falliti e per molti anni sembrava probabile che SpaceX potesse essere un enorme flop. Nel 2006, l’azienda si trovava in acque finanziarie difficili ed era ancora lontana da qualunque lancio di successo. Ma Griffin, che all’epoca era a capo della NASA, ha corso un grosso “rischio”, secondo le sue stesse parole, assegnando a SpaceX un contratto da 396 milioni di dollari.

Grazie alla generosità del governo, SpaceX è diventata un gigante e impiega circa 11.000 persone. Eppure i suoi legami con lo Stato di sicurezza nazionale statunitense sono più stretti che mai. I clienti più importanti dell’azienda sono le forze armate e altre agenzie governative, che hanno pagato miliardi di dollari per lanciare in orbita i loro satelliti spia e altre apparecchiature ad alta tecnologia. Nel 2018, ad esempio, SpaceX si è aggiudicata un contratto per lanciare nello spazio un sistema GPS da 500 milioni di dollari di Lockheed Martin. Sebbene i portavoce abbiano voluto sottolineare l’utilità civile del satellite, è chiaro che il suo scopo principale è quello militare e di sorveglianza.

Tuttavia, anche questa gigantesca iniezione di denaro non è bastata a fermare l’emorragia dell’azienda. Nel 2008, Musk riteneva probabile il fallimento sia di SpaceX che della sua azienda di veicoli elettrici Tesla. Fortunatamente, SpaceX è stata salvata da un assegno inaspettato di 1,6 miliardi di dollari da parte della NASA.

SpaceX ha anche contratti con l’Air Force per il lancio in orbita dei suoi satelliti di comando, con la Space Development Agency per l’invio di dispositivi di tracciamento nello spazio e con il National Reconnaissance Office per il lancio dei suoi satelliti spia. Questi satelliti sono utilizzati da tutte le “cinque grandi” agenzie di sorveglianza, tra cui la CIA e la NSA.

Questa cooperazione è aumentata di recente. I documenti ottenuti da The Intercept mostrano che il Pentagono prevede un futuro in cui i razzi di Musk saranno utilizzati per dispiegare una ” squadra militare di reazione rapida” in qualsiasi parte del mondo. Il Dipartimento della Difesa ha anche stretto una partnership con SpaceX per esplorare la possibilità di lanciare i rifornimenti nello spazio e di riportarli sulla Terra invece di farli volare in aria, il che consentirebbe agli Stati Uniti di agire più rapidamente che mai in tutto il mondo.

A dicembre, inoltre, SpaceX ha annunciato una nuova divisione aziendale chiamata Starshield, un marchio di hardware esplicitamente militare che si concentrerà sull’ottenimento di grandi contratti con il Pentagono, secondo quanto riportato dalla CNBC. Il nuovo motto del marchio è “sostenere la sicurezza nazionale”.

È quindi giusto dire che Musk e la sua azienda sono le pietre miliari sia del programma di sorveglianza globale di cui ci hanno avvertito persone come Edward Snowden, sia della capacità degli Stati Uniti di condurre guerre globali senza fine.

Traduzione a cura di Nogeoingegneria

ARTICOLO COMPLETO OMS

Se volete essere aggiornati sulle novità, iscrivetevi al CANALE TELEGRAM https://t.me/NogeoingegneriaNews

ELON MUSK, È UN JOKER, UN JOLLY?

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte.
NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche