0 6 minuti 1 anno

Diversi decenni prima dell’arrivo di Gesù sul pianeta, i romani parlavano già di un “reset”. Dopo tutti i secoli, l’umanità non era ancora soddisfatta di se stessa. Anche con un Impero, c’era ancora la condizione umana da affrontare. Gli uomini non riuscivano ancora ad andare d’accordo. Continuavano a sognare un tempo in cui tutti i torti della terra sarebbero stati corretti.

Virgilio era un tale sognatore, un poeta romano vissuto dal 70 al 19 a.C. È noto agli studenti latini di tutto il mondo per il suo Eneide, passaggi di cui sarebbe stato chiesto loro purtroppo di tradurre.

Un’altra opera di Virgilio contiene un brano che è stato con noi in America per tutta la nostra storia. In inglese si legge:

“Ora è giunta l’era finale del canto della Sibilla;

“Il grande ordine dei secoli nasce di nuovo.

“Ora ritorna la giustizia, ritorno del regno di Saturno;

“Ora una stirpe è inviata dall’alto dei cieli”.

Molti anni dopo, i cristiani del Medioevo avrebbero considerato i versi di Virgilio come una profezia di Cristo e del suo nuovo “ordine dei secoli”. Il Regno di Dio. La chiesa cattolica, forse.

E, naturalmente, non passò molto tempo dopo che Virgilio scrisse, che il Re di tutti i re nacque a Betlemme di Giudea. Perché non lasciare che si riferisca a Lui?

Virgilio sperava che qualcosa di buono sarebbe arrivato nel sistema del mondo, qualcosa che avrebbe creato un ordine di pace e bellezza e tutto il resto.

Gesù deve aver deluso i sognatori che seguivano Virgilio. La sua idea di “ordine mondiale” sembrava avere a che fare con il cuore degli uomini. Solo i giudei credenti ai quali Cristo apparve collegarono il regno interiore a quello visibile, previsto dai loro profeti.

Sì, un regno esterno è ancora nel nostro Libro, ma non è ancora apparso, e gli uomini hanno continuato a combattersi e ad odiarsi. E cercando il perfetto ordinamento dell’umanità.

Dopo la Roma pagana vennero gli sforzi di Papale Roma per unire tutti intorno alla loro versione di Cristo. Questa Roma ha tenuto il popolo di Dio lontano dalle sue stesse Scritture e ha imposto un dominio simile a un impero sulle persone di quei secoli che ora chiamiamo secoli bui. L’età dell’oro che sognavano viveva solo nei cuori dell’élite, quel gruppo che i regni degli uomini sembrano sempre produrre.

Napoleone e Hitler e Stalin e Mao e tutti gli altri aspiranti creatori di ordini del mondo sorsero e caddero senza una soluzione definitiva ai mali dell’uomo.

Ma aspetta. Abbiamo superato qualcosa. Una nazione più gentile e gentile. Un popolo destinato ad essere grande e in buona parte anche buono. Sicuramente potrebbero creare questo nuovo mondo? Beh, evidentemente lo pensavano. Hai mai guardato da vicino il grande sigillo degli Stati Uniti. O dietro una banconota da un dollaro?

Eccolo in bella vista. Virgilio vive. Le sue stesse parole, prese negli anni 1780 dalla storia romana e collocate per sempre nella tradizione della nostra nazione: Nuovo ordine dei secoli! “Nuovo ordine dei secoli”, dal poema. Un Nuovo Ordine Mondiale!

I nostri patrioti originari credevano davvero che avrebbero contribuito a portare la pace nel mondo, specialmente nel Nuovo Mondo che avevano conquistato. Il sogno è rimasto, nonostante le cose che accadono nelle suddette tirannie di Germania e Italia e Russia e Cina e le altre. L’America si è distinta.

Nella storia più recente, possiamo rintracciare NWO ripensando a Woodrow Wilson. La prima guerra mondiale era finita e il presidente voleva essere sicuro che ciò non accadesse mai più. Dobbiamo riunirci e parlare delle cose, ragionò. Il suo desiderio ha dato vita alla formazione della Società delle Nazioni.

Nata nel 1920, la Lega aveva quarantotto nazioni ad essa collegate subito dopo l’apertura degli affari. Ma il compito di tenere le mani degli uomini lontano dalla gola dell’altro si è rivelato troppo. Con alcuni successi limitati nel corso dei successivi vent’anni, il fallimento definitivo della Lega si è verificato quando l’ennesima guerra mondiale è arrivata in tutto il suo orrore e sangue.

Il Nuovo Ordine Mondiale avrebbe dovuto aspettare.

Ma forse non molto. Un libro con questo stesso nome è apparso nel 1940 da HG Wells. Il Nuovo Ordine Mondiale “ha affrontato l’ideale di un mondo senza guerre in cui la legge e l’ordine emanavano da un organo di governo mondiale…” Mi sembra più simile a quella teoria della cospirazione. E Wells non era nemmeno un fondamentalista. Nemmeno un cristiano. Stava semplicemente echeggiando inconsciamente il sogno di questo mondo, generato millenni fa, nel dominio di Satana.

Ma è un sogno che, una volta realizzato, non funzionerà troppo bene.


new world order
#profeta #Virgilio

Lascia un commento

Leggi anche