0 15 minuti 1 settimana


È sensato presentare il tema della geoingegneria in una maratona tematica – con molti contributi provenienti da aree che possono essere assegnate al paranormale?

L’ho appena fatto.

Un senso ce l’ha, soprattutto alla luce delle numerose e interessantissime testimonianze che Red Ronnie ha presentato ieri con il titolo COERENZA, VERITÀ, VITA, SALVEZZA

Precisamente in questo contesto, vorrei far notare che il campo dei fenomeni paranormali è un’area di ricerca che, udite udite, è presa molto sul serio dai militari. Hanno un budget per indagare in queste aree misteriose. Come si può vedere, non tralasciano nulla, quindi si può imparare da loro. Lo spazio dell’invisibile è pieno di rivelazioni.  

Scrisse il New York Times nel 1984: Secondo tre nuovi rapporti, il Pentagono ha speso milioni di dollari in progetti segreti per indagare sui fenomeni extrasensoriali e per verificare se il puro potere della mente umana possa essere sfruttato per compiere vari atti di spionaggio e di guerra: penetrare in archivi segreti, ad esempio, localizzare sottomarini o far esplodere missili guidati in volo.
Inoltre, uno dei rapporti afferma che la preoccupazione per un divario di armi psichiche ha raggiunto la Casa Bianca in almeno un caso. Nel 1977, secondo questo resoconto, il Presidente Carter ordinò alla Central Intelligence Agency di condurre una revisione di alto livello della ricerca psichica dietro la cortina di ferro, nel tentativo di valutare una possibile minaccia sovietica….

Ho scelto un articolo su cinque esempi specifici e poi un film intitolato ” Third Eye Spies”, che racconta come la CIA ha studiato le capacità psichiche per oltre 20 anni al fine di utilizzarle nel suo programma di spionaggio top secret.

NOTA: Alcuni ritengono che la terra sia un grande riflettore che restituisce pensieri e sentimenti, e non solo di noi esseri umani, ma anche degli animali, delle piante, insomma di tutta la vita. Rudolf Steiner sembra essere tra questi e Wilhelm Reich. Rudolf Steiner ha parlato della corrispondenza tra la coscienza umana e i fenomeni atmosferici e geologici, quindi c’è molto da esplorare.

Maria Heibel

****************

5 storie vere sulle bizzarre ricerche dell’esercito sull’attività paranormale

E se vi dicessi che il Dipartimento della Difesa e la CIA hanno trascorso quattro decenni a ricercare la percezione extrasensoriale e la psicocinesi, cioè a piegare cucchiai con la mente?

Dagli anni Cinquanta agli anni Novanta, le comunità militari e di intelligence hanno indagato sui fenomeni psichici, hanno condotto missioni clandestine basate su soggetti ritenuti dotati di poteri soprannaturali e hanno gareggiato con l’Unione Sovietica in una corsa agli armamenti psichici.

In “Phenomena: The Secret History of the U.S. Government’s Investigations Into Extrasensory Perception and Psychokinesis”, pubblicato a marzo ( ndr del 2017), la giornalista investigativa Annie Jacobsen esplora il bizzarro mondo della ricerca sul paranormale finanziata dal governo.

La responsabilità del Dipartimento della Difesa e della CIA è quella di essere a conoscenza di ciò che il nemico sta elaborando e di creare programmi per contrastarlo”, afferma la Jacobsen. “È questo lo scenario dell’uovo e della gallina? È questo il complesso militare industriale?”.

Task & Purpose ha parlato con Jacobsen di come tutto sia iniziato e di come sia stato possibile arrivare a tanto. Ecco cinque storie assurde ma vere sulla ricerca del governo sui fenomeni psichici.

1. Tutto è iniziato con i nazisti, alcuni dei quali erano ossessionati dalla magia nera.

Nel 1945, con il regime nazista sconfitto, i membri di un’iniziativa d’élite di intelligence scientifica statunitense chiamata Operazione Alsos si diressero a Berlino per raccogliere quante più informazioni possibili sui progetti militari tedeschi. Nei resti bombardati di una villa in un quartiere benestante di Berlino sud-occidentale, scoprirono un nascondiglio di documenti e manufatti che facevano parte dell’Ahnenerbe, l’organizzazione scientifica di Heinrich Himmler, che era ben finanziata e di vaste dimensioni. Aveva persino un’intera sezione dedicata alla “Indagine sulle cosiddette scienze occulte”, scrive Jacobsen in “Phenomena”.

L’alto dirigente nazista era ossessionato dall’occulto. Su ordine di Himmler, gli ufficiali delle SS fecero incursioni nei territori occupati dalla Germania alla ricerca di artefatti legati alla magia, saccheggiando persino musei in Polonia, Ucraina e Crimea alla ricerca di testi mistici. Gli scienziati nazisti di Ahnenerbe setacciarono il mondo alla ricerca di oggetti come il Santo Graal e la Lancia del Destino, la lancia che si pensa abbia ucciso Cristo.

In quell’organizzazione c’erano… ESP, psicocinesi, radiestesia, un elemento di ciò che si potrebbe definire soprannaturale o paranormale”, dice Jacobsen. Nel seminterrato della villa, i ricercatori hanno trovato “resti di simboli e riti teutonici”, nonché il teschio di un bambino in “una fossa angolare di cenere”, secondo “Phenomena”.

In seguito abbiamo appreso che i sovietici avevano sequestrato una quantità equivalente di informazioni su questo stesso argomento e quando abbiamo saputo che stavano lavorando in questo settore, si potrebbe dire che questa è la storia dell’origine della corsa agli armamenti psichici”, afferma Jacobsen.

2. La corsa agli armamenti della Guerra Fredda si è estesa alla ricerca psichica.
L’incursione degli Stati Uniti nella ricerca psichica prese il via negli anni Cinquanta, quando si trattò di contrastare il controllo mentale sovietico – all’epoca ritenuto una preoccupazione legittima – e si basò, almeno in parte, sulle ricerche naziste scoperte ad Ahnenerbe. Sia gli Stati Uniti che l’Unione Sovietica si basarono sulle informazioni recuperate delle ricerche naziste, alcune delle quali descrivevano esperimenti condotti nei campi di concentramento, dove gli scienziati nazisti spingevano “la fisiologia umana agli estremi” e ne monitoravano i risultati, scrive Jacobsen in “Phenomena”.

Ora la CIA e il KGB effettuavano esperimenti simili, sostenendo che il programma dell’altra parte richiedeva contromisure per difendersi”, scrive Jacobsen.

Questa paura del controllo mentale sovietico era rafforzata da video di prigionieri di guerra americani che recitavano propaganda comunista, dice Jacobsen.

Oggi ci guardiamo indietro e diciamo: ‘È ridicolo, non è possibile fare il lavaggio del cervello a qualcuno’, ma di certo sembrava così quando si guardavano le vecchie immagini in bianco e nero di quei prigionieri di guerra”, spiega Jacobsen, aggiungendo che l’esplorazione del governo sui fenomeni psichici è iniziata come parte del programma MK Ultra. Il programma di controllo mentale sostenuto dalla CIA, MK Ultra, iniziato ufficialmente nel 1953, si è protratto fino agli anni ’60 e prevedeva la somministrazione ai cittadini americani di agenti biologici e chimici, come l’LSD o l’acido, spesso all’insaputa dell’individuo.

Mentre si occupavano di ricerca sulla mente e di come inserire il comportamento, è diventato significativo il sottoprogetto 58 di MK Ultra, che è il programma per l’uso di droghe, che chiamano psicofarmacologia, per migliorare il funzionamento psichico nelle persone psichiche”, dice l’autrice. “È un vero e proprio punto di partenza per capire come e perché è iniziata questa corsa contro i sovietici e perché è legittima sotto molti aspetti”.

Sia l’Unione Sovietica che il governo degli Stati Uniti hanno evidenziato le ricerche degli altri sul controllo mentale, sul controcontrollo mentale e sui fenomeni psichici in generale, come giustificazione per le loro ricerche.

 Si raccontava che gli americani avessero messo dei telepatici sui sottomarini nucleari, che i sovietici avessero dei raggi per il controllo mentale e che una sensitiva russa fosse così potente da poter fermare il cuore di una rana solo con la mente. Con ogni nuova voce, alcune basate su esperimenti reali, altre basate su campagne di disinformazione, la corsa agli armamenti psichici si intensificava.

3. Quella volta che un segretario con poteri psichici trovò un bombardiere sovietico abbattuto.

La ricerca governativa sui fenomeni psichici faceva spesso la spola tra il Dipartimento della Difesa e la CIA, con un programma che veniva chiuso dopo risultati inconcludenti, per poi essere riaperto con un nuovo nome. Negli anni ’70, il “programma di remote viewing” era di proprietà del Dipartimento della Difesa. La visione a distanza è essenzialmente l’idea che qualcuno possa visualizzare dettagli di persone e oggetti lontani attraverso la telecinesi.

Una piccola operazione era gestita dalla base aerea di Wright Patterson, in Ohio, e il suo capo aveva una segretaria, Rosemary Smith, che credeva di avere poteri psichici.

Era un programma con un budget molto ridotto, perché la maggior parte delle persone pensava che fosse una cosa da pazzi”, racconta Jacobsen. Le cose cambiarono nei momenti di emergenza, come nel 1976, quando al team di remote viewing fu affidata una missione incredibile.

Un bombardiere sovietico era caduto nelle giungle dell’Africa e la CIA e l’intelligence militare avevano utilizzato tutti i mezzi di raccolta di informazioni a loro disposizione, dalla tecnologia satellitare, alla sig-int, all’intelligence umana, ma non trovavano assolutamente nulla”, racconta Jacobsen.

Non avendo nulla da perdere, l’esercito contattò il servizio di remote viewing di Patterson, che “mise al lavoro la segretaria Rosemary Smith, la quale fu in grado di disegnare mappe che indicavano con precisione dove si trovava l’aereo, nel raggio di poche miglia”, racconta Jacobsen. “Il cablogramma è stato inviato alla CIA, che ha inviato una squadra paramilitare nella giungla e, vicino all’area in cui Rosemary Smith aveva detto che si trovava, ha visto un abitante del villaggio che trasportava un pezzo di aereo fuori dalla giungla, e questo li ha portati al sito dell’incidente”.

Si trattò di un evento sconvolgente, dice Jacobsen: “Un sensitivo fu in grado di produrre un’intelligenza concreta che nessun altro era in grado di fare”.

4. Poi c’erano gli uomini che fissavano le capre, tra le altre cose.

Un’unità dell’Esercito descritta nel libro di Jacobsen, nota come Detachment G, fu istituita da ufficiali di alto rango che non vedevano di buon occhio l’idea di assumere dei “sensitivi” per la ricerca, e per questo motivo crearono il programma all’interno dei ranghi dell’Esercito. Uno dei compiti dell’unità era la visione a distanza e, nel settembre 1979, il Consiglio di Sicurezza Nazionale chiese al Detachment G di usare i suoi poteri di visione a distanza per indagare su una base navale sovietica.

Mentre si concentrava su una foto in una busta chiusa, uno dei membri dell’unità ha descritto la visione di un edificio sulla costa, che odorava di gas e prodotti industriali. All’interno dell’edificio c’era un grande oggetto simile a una bara – un’arma – con le pinne, come uno squalo.

Pochi mesi dopo, la CIA ricevette immagini satellitari che mostravano che i sovietici avevano costruito un nuovo sottomarino con missili balistici. Reso famoso dalla designazione NATO, la classe Typhoon, il mastodontico sottomarino nucleare era noto in URSS come Akula. In russo significa “squalo”.

Se questo ricorda la base di “Gli uomini che fissano le capre”, è perché è così.

5. E indovinate un po’? La ricerca non è stata ancora abbandonata.

Attualmente, l’Office of Naval Research chiama questo programma Anomalous Mental Cognition”, dice Jacobsen, riferendosi a un programma da 3,9 milioni di dollari fondato dall’ONR nel 2014 per indagare sull’esistenza della precognizione, che viene definita “senso di ragno”. Sì, come nei fumetti.

Nel 2006, il sergente maggiore dell’esercito Martin Richburg percepì qualcosa di strano in un uomo in un bar in Iraq. Dopo aver fatto sgomberare il locale, scoprì un ordigno esplosivo improvvisato che l’uomo aveva lasciato dietro di sé. Che si tratti di istinto o di qualcosa di più, i ricercatori sono comprensibilmente curiosi di vedere se esiste un meccanismo per attivare questo tipo di intuizione.

A causa dello stereotipo che circonda l’ESP e, in realtà, tutto ciò che ha a che fare con il soprannaturale, la denominazione è cambiata. Ma Jacobsen sostiene che la ricerca continua e l’obiettivo di fondo rimane lo stesso

.”Essenzialmente, è questa idea che è diventata il centro e il tema di ‘Phenomena’, e cioè: si tratta di realtà o di fantasia?”, dice Jacobsen. ” Forse la tecnologia avanzata, questo notevole sistema di sistemi tecnologici che il governo ha sviluppato – che comprende la tecnologia informatica, la biotecnologia e la nanotecnologia – questa gamma di tecnologia avanzata ci permetterà di risolvere questo antico mistero, che esista o meno biologicamente la percezione extrasensoriale?”.

TRADUZIONE A CURA DI NOGEOINGEGNERIA 

https://www.businessinsider.com/5-true-stories-about-the-militarys-research-into-paranormal-activity-2017-6?r=US&IR=T

VEDI ANCHE

Razionalità razionale, parapsicologia e intelligenza artificiale nella ricerca militare e di intelligence da parte del governo degli Stati Uniti d’America.
e nella ricerca nel campo dell’intelligence da parte del governo degli Stati Uniti durante la guerra fredda.

https://academicworks.cuny.edu/cgi/viewcontent.cgi?article=1140&context=hc_sas_etds

Spie psichiche. La scienza della guerra fredda e il complesso militare-occulto

https://www.degruyter.com/document/doi/10.1515/9783110416411-014/html

Hackeraggio dei registri Akashici: Il prossimo dominio per le operazioni di intelligence militare?

https://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/02604027.2019.1703159

Il lato soprannaturale dell’Accademia Militare degli Stati Uniti a West Point

https://www.army.mil/article/229265/the_supernatural_side_of_u_s_military_academy_at_west_point

https://documents2.theblackvault.com/documents/dtic/a202099.pdf

The Pentagon collected research that warned Soviets with “super-human abilities” could shoot lightning out of their hands

https://www.muckrock.com/news/archives/2017/oct/10/dia-soviet-zap/

THE PENTAGON’S TWILIGHT ZONE – The Washington Post

 

 

 

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte.
NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche