0 6 minuti 2 settimane

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici


Immagine: il passaporto del vaccino canadese per affrontare l'indagine federale sulla privacy

(Natural News) Il passaporto del vaccino canadese per i viaggiatori deve affrontare un’indagine federale dopo che è stata presentata una denuncia relativa alla privacy contro di esso.

L’Office of the Privacy Commissioner for Canada (OPC) ha confermato l’indagine contro l’app ArriveCAN, che funge da passaporto per i vaccini per canadesi e turisti. La denuncia presentata in forma anonima ha esortato il commissario a indagare su come l’app raccoglie e utilizza le informazioni personali. Introdotta per la prima volta nell’aprile 2020 durante la pandemia del coronavirus di Wuhan (COVID-19), Ottawa ha successivamente imposto l’app per canadesi e turisti che desiderano entrare nel paese.

“Il nostro ufficio ha ricevuto e sta attualmente indagando su un reclamo che solleva preoccupazioni in merito alla raccolta di informazioni personali tramite ArriveCAN e al successivo utilizzo delle informazioni”, ha affermato l’OPC in un’e-mail del 27 luglio. L’ufficio ha scritto l’e-mail in risposta a una richiesta inviata dall’esperta di tecnologia Bianca Wylie in merito all’app. L’ufficio del commissario ha aggiunto di non poter fornire ulteriori informazioni in quanto l’indagine è ancora in corso.

Questa non è stata la prima volta che ArriveCAN è stato esaminato. Nel giugno 2020, all’OPC è stato chiesto di indagare sull’app. Alla fine ha concluso ad agosto che ArriveCAN non ha avuto problemi per quanto riguarda la privacy.

I sostenitori della privacy hanno messo in dubbio l’app sin dalla sua introduzione. Le loro domande erano incentrate sul tipo di dati personali che raccoglie e per quanto tempo questi dati vengono conservati e condivisi tra enti governativi.

L’e-mail dell’OPC a Wylie ha rilevato che il commissario per la privacy Daniel Therrien ha consultato Ottawa e ha fornito raccomandazioni al Agenzia per la salute pubblica del Canada e la Canada Border Services Agency (CBSA) durante lo sviluppo di ArriveCAN. Queste raccomandazioni includevano la limitazione dei tipi di dati raccolti e la garanzia che l’app fosse rilevante per il monitoraggio e l’applicazione delle regole di quarantena COVID-19.

Brighteon.TV

“Sono felice di vedere che qualcuno ha intrapreso questa azione, ma oggi non so abbastanza dove andrà a finire”, ha affermato l’esperto di tecnologia.

ArriveCAN afflitto da altri problemi oltre alla privacy

ArriveCAN è stato lanciato per la prima volta come volontario nell’aprile 2020, ma è stato reso obbligatorio per le persone che entrano in Canada per via aerea nel novembre 2020. È stato quindi esteso a chiunque entri in Canada via terra nel marzo 2021. (Correlato: i canadesi dovranno presentare il passaporto per il vaccino COVID quando si viaggia in aereo, mare o treno.)

Tuttavia, ha guadagnato notorietà per i suoi problemi tecnici che spesso hanno lasciato i canadesi frustrati e bloccati negli aeroporti. Il sindacato che rappresenta gli agenti di frontiera canadesi ha anche criticato ArriveCAN per aver trasformato agenti CBSA in prima linea in consulenti IT. I difetti sull’app stavano inducendo gli agenti di frontiera a capire come utilizzarla invece di concentrarsi sulla sicurezza.

Uno di questi problemi ha colpito i possessori di smartphone Apple che sono entrati di recente in Canada. Queste persone hanno ricevuto un messaggio errato da ArriveCAN dicendo che dovevano mettersi in quarantena nonostante non avessero sintomi di COVID-19. Ottawa alla fine ha riconosciuto questo problema.

Anche l’uso continuato di ArriveCAN come passaporto per i vaccini è stato oggetto di un attento esame, dato che altre misure COVID-19 come maschere obbligatorie e mandati sui vaccini venivano evitate. Wylie e altri esperti hanno anche avvertito che il governo canadese sta riutilizzando l’app in uno strumento di screening pre-doganale che non ha nulla a che fare con la salute pubblica.

Secondo Wylie, la miriade di problemi con ArriveCAN dovrebbe far riflettere Ottawa sul motivo per cui utilizza ancora l’app. “La preoccupazione è che non esiste una governance in atto per questa app pubblica, e questo è mancato dall’inizio”, ha affermato.

Scrivere per Recupera la reteil giornalista online Didi Rankovic ha sottolineato che ArriveCAN funge da “evidente esempio dello scenario peggiore di cui molti hanno messo in guardia – [that of] Le misure COVID-19 introdotte con il pretesto della necessità di proteggere la salute pubblica, solo per trasformarsi in politiche e strumenti restrittivi permanenti, con uno scopo in continua evoluzione”.

Guarda il primo ministro canadese Justin Trudeau parlare dell’implementazione dei passaporti per i vaccini tramite l’app ArriveCAN di seguito.

Questo video è dal canale OnlyTruth4Me in poi Brighteon.com.

Altre storie correlate:

Il nuovo passaporto cinese per il vaccino COVID-19 potrebbe creare un pericoloso precedente.

Il Canada vuole richiedere i PASSAPORTI VACCINI per gli americani che attraversano il confine.

L’Irlanda del Nord sospende il sistema di passaporto dei vaccini a seguito di un incidente di esposizione ai dati.

I governi si stanno preparando per l’implementazione del passaporto vaccinale globale mentre le pecore vaxxate si sottomettono volentieri alla tirannia medica.

Ecco che arriva: se vuoi salire a bordo di un aereo o viaggiare all’estero, dovrai avere un “passaporto per i vaccini” COVID.

Le fonti includono:

ReclaimTheNet.org

GlobalNews.ca

Brighteon.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche