0 8 minuti 1 giorno

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!


Le persone danneggiate significano grandi affari per Big Pharma

Guarire i pazienti è un modello di business sostenibile? Questo è ciò che gli analisti di Goldman Sachs hanno chiesto in un rapporto dell’aprile 2018 sulla “rivoluzione del genoma”. Gli analisti non erano d’accordo, sostenendo che c’erano pochi soldi da guadagnare da “cure una tantum”. Ma potresti guadagnare infinite somme di denaro con persone con lesioni croniche, sostenevano.

Un recente rapporto del team di Phinance Technologies, che esamina i dati del Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti fino a novembre 2022, mostra un drammatico aumento della disabilità tra le persone di età compresa tra 16 e 64 anni, in coincidenza con l’introduzione dei vaccini. Trattare queste persone sarà sicuramente un modello di business praticabile per Big Pharma per il prossimo futuro.

In che modo questo si collega allo straordinario numero di feriti e morti che secondo gli esperti sono causati dai vaccini Covid?

dott Richard Ennos, professore in pensione di biologia evolutiva presso l’Università di Edimburgo, è l’ultimo eminente scienziato a chiedere l’immediato ritiro dei vaccini mRNA Covid, scrivendo: “Ci sono chiari segnali di sicurezza che indicano danni al sistema linfatico, cuore e cervello.” indicano la riproduzione femminile”.

Questa è stata la conclusione a cui è giunto il dott. Ennos a seguito di un’analisi approfondita dei dati dettagliati raccolti dalla UK Medicines and Healthcare products Regulatory Agency (MHRA) nel suo database degli eventi avversi del vaccino Covid-19, che l’agenzia ha rilasciato dopo un ritardo di oltre 18 mesi finalmente concordato. Ha affermato che la condivisione dei dati grezzi è troppo gravosa, anche se i dati grezzi vengono immediatamente inviati a Pfizer e Moderna.

dott Ennos è aspro nei confronti dell’MHRA, scrivere la sua regolare raccolta di rapporti sui cartellini gialli è “un esercizio per difendere i vaccini Covid-19 dalle critiche piuttosto che proteggere il pubblico britannico dai vaccini Covid-19”. Si lamenta che i rapporti mancano di rigore scientifico, che mancano di un’unica analisi statistica a sostegno delle conclusioni, e li definisce “un affronto al gran numero di persone che sono state ferite o uccise facendo quello che hanno fatto”.

Dedicando il suo rapporto all’innocente pubblico britannico e ai medici devoti che hanno presentato i rapporti del cartellino giallo, Ennos scrive: “Voglio che tu sappia che la tua sofferenza e i tuoi sforzi non sono stati vani”.

Il lavoro del dott. Ennos dà seguito a una lettera aperta che il Dr. Tess Lawrie nel giugno 2021 al Dr. June Raine, direttore dell’MHRA, ha chiesto di interrompere l’introduzione di massa dei vaccini COVID dopo aver scoperto che “è stato segnalato un numero elevato di decessi e reazioni avverse ai farmaci correlati al vaccino COVID-19 segnalati tramite il sistema della carta gialla”.

dott Ennos e il Dott. Lawrie non è solo. Nelle ultime due settimane il Dott. Joseph Fraiman, autore principale di uno studio peer-reviewed che ha rianalizzato i dati degli studi sul vaccino Covid di Pfizer e Moderna, la sospensione immediata della vaccinazione: “Abbiamo prove conclusive che i vaccini provocano morte cardiaca improvvisa. Prima di lui, l’eminente cardiologo britannico Dr. Aseem Malhotra, che ha anche condotto uno studio peer-reviewed sui vaccini, la sospensione. Il principale cardiologo americano Dr. Anche Peter McCullough ha chiesto l’immediata sospensione dei vaccini, dicendo: “Voglio essere molto chiaro su questo. Il vaccino sta uccidendo persone, e un gran numero di persone per di più”.

Masanori Fukushima, illustre oncologo, professore emerito all’Università di Kyoto e direttore del Translational Research Informatics Centre, è d’accordo. Insieme ad altri eminenti professori giapponesi, ha chiesto l’interruzione immediata dell’uso dei vaccini a mRNA, che descrive come “una catastrofe senza precedenti”. Non ha idea di quante persone siano realmente morte in Giappone, e il rapporto sui 2.000 morti è solo la “punta dell’iceberg”.

Masanori è uno specialista in epidemiologia farmaceutica, che chiama lo “studio della prevenzione dei disastri legati alla droga”. È stato attivo nella valutazione dei vaccini Covid e prevede di citare in giudizio il governo giapponese per essersi rifiutato di divulgare informazioni vitali che potrebbero salvare vite umane.

Masanori afferma di aver esortato i funzionari del governo a rivelare la mortalità per Covid tra i vaccinati rispetto ai non vaccinati il ​​1° agosto 2022. Dopo averlo bloccato per due mesi, hanno rifiutato. Apparentemente il governo aveva già pubblicato queste informazioni ed era stato dimostrato che il tasso di mortalità per le persone di età inferiore ai 65 anni era inferiore nei non vaccinati rispetto ai vaccinati. Masanori ritiene che ciò sia stato imbarazzante per il governo, che si è rifiutato di rilasciare ulteriori informazioni.

È interessante notare che il governo del NSW ha anche divulgato i decessi per Covid in base allo stato di vaccinazione per il periodo da maggio a dicembre 2022 e queste statistiche hanno anche mostrato un tasso di mortalità leggermente inferiore nei non vaccinati rispetto ai vaccinati. Come il Giappone, il NSW non riporterà più i decessi per Covid in base allo stato di vaccinazione.

Tuttavia, quando i Centers for Disease Control e la Food and Drug Administration hanno indagato su un possibile collegamento tra il vaccino bivalente Covid/influenzale di Pfizer e un aumento del rischio di ictus, hanno affermato in pochi giorni che era “molto improbabile” che la causa fosse il vaccino. Come ha osservato un esperto, la Securities and Exchange Commission ha ripetutamente indagato su Bernie Madoff senza trovare alcuna prova di frode.

Parte del problema sembra essere la cattura da parte delle autorità di regolamentazione su larga scala internazionale.

dott Raine ha tenuto un discorso in cui si vantava che l’MHRA fosse passata dall’essere un regolatore a un “facilitatore” e che l’MHRA avesse “strappato il libro delle regole” nella regolamentazione dei vaccini Covid.

Negli Stati Uniti esiste una porta girevole tra le grandi aziende farmaceutiche e le autorità di regolamentazione, di cui Scott Gottlieb è solo l’esempio più importante. Ha lavorato alla FDA, poi nel settore privato, tornando come commissario della FDA e facendo parte del consiglio di amministrazione di Pfizer dal 2019. Allo stesso modo, Stephen Hahn è stato capo della FDA dal 2019 al 2021 prima di diventare chief medical officer di Flagship Pioneering, la società di venture capital dietro Moderna.

Un altro problema è il fatto che i vaccini hanno ottenuto l’approvazione di emergenza negli Stati Uniti e l’approvazione provvisoria in Australia, guadagnando alle aziende farmaceutiche un risarcimento che sembra renderle indifferenti ai danni che i vaccini hanno causato. E il controllo dei social media da parte dell’amministrazione Biden negli Stati Uniti e la Trusted News Initiative a livello internazionale hanno protetto i produttori di vaccini da quasi tutte le critiche. Finora, questo sembra essere un modello di business più sostenibile rispetto alla cura dei pazienti.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche