0 5 minuti 1 settimana

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici


Immagine: il gruppo canadese dell'hospice spinge a normalizzare l'eutanasia dei bambini che

(Natural News) Canadian Virtual Hospice (CVH) ha appena pubblicato un “libro di attività” per bambini che suggerisce che i bambini “soffrinti” sono i principali candidati per il suicidio assistito, noto anche come eutanasia.

Il 26 luglio, CVH ha annunciato al mondo tramite Twitter che la sua pubblicazione MAiD (Medical Assistance in Dying) è ora pronta. Era “[c]pensato per i giovani che hanno qualcuno nella loro vita che potrebbe avere la MAiD”, spiega il tweet insieme a una grafica colorata e pro-morte chiaramente progettata per attirare i bambini.

La pubblicazione contiene molte di queste immagini e grafica, oltre a caratteri giovanili, che alla fine portano i bambini a scoprire che ci sono tre “medicinali” che possono uccidere una persona. L’obiettivo è far sembrare normale ai bambini il suicidio assistito, oltre a fargli credere che non è solo per gli anziani.

MAiD è pieno di propaganda progettata per fare il lavaggio del cervello ai bambini facendogli credere che l’eutanasia sia facile, indolore – questo è molto controverso anche all’interno dei circoli dell’eutanasia – e appropriato per persone di tutte le età che stanno vivendo grandi difficoltà di vita.

Va di pari passo con un altro libro di attività simile chiamato “Io e la mia malattia” che allo stesso modo suggerisce il suicidio assistito “non fa male” ed è un modo normale per gestire il dolore cronico e altre malattie. (Correlati: l’eutanasia è apparentemente così diffusa in tutto il Canada che il paese ora ha un eccesso di organi e tessuti disponibili per il trapianto.)

“Se il messaggio inviato con questo libro di attività colorato e coinvolgente è che l’eutanasia è un atto normale, innocuo che *non fa male* ed è appropriato per chi soffre, come può un bambino malato e/o sofferente sfuggire al conclusione che potrebbe essere una soluzione adeguata per loro, soprattutto una volta che il MAiD sarà esteso ai minori maturi?” chiede Alex Schadenberg, scrivendo per Notizie di LifeSite.

Brighteon.TV

I contribuenti canadesi stanno finanziando la propria morte

Già nel 2004, CVH ha aperto la strada alla spinta virtuale per l’eutanasia in Canada. A quel tempo, CVH ha lanciato la prima “piattaforma” di risorse basata sul Web [that] potrebbe colmare alcune delle lacune nazionali nelle cure palliative”.

Lo sforzo di CVH sarebbe il primo tentativo di rendere l’eutanasia facile come una torta per i canadesi di accedere collegandoli virtualmente a una serie di specialisti sanitari orientati al suicidio assistito.

Nel 2004, CVH ha raggiunto il suo obiettivo con 34.000 casi. Nel 2020, quella cifra è salita a 2,3 milioni di casi.

CVH è pesantemente finanziato, tra l’altro, dai contribuenti canadesi. L’autorità sanitaria regionale di Winnipeg ci lancia soldi, così come Health Canada e Veteran Affaires Canada.

Secondo il dottor Joel Zivot, anestesista e medico di terapia intensiva presso il Emory University School of Medicine, non c’è modo di sapere veramente se l’eutanasia sia indolore o meno come affermato dai suoi sostenitori perché nessuno ha mai veramente tracciato il processo in una vittima.

“I monitor non vengono utilizzati”, dice. “Non ci sono monitor che misurano le onde cerebrali o l’attività cardiaca. I medici dicono che toglierebbe l’intimità dell’esperienza per la persona e la famiglia”.

In altre parole, probabilmente fa ferito per essere ucciso con i prodotti farmaceutici, e l’establishment sta solo fornendo scuse sull'”intimità” sul motivo per cui a nessuno dovrebbe essere permesso di scoprirlo con certezza.

Zivot vorrebbe vedere le autopsie condotte sui decessi MAiD per vedere esattamente come i veleni farmaceutici che mettono fine alla vita influiscono sul corpo di una persona. Evitare l’uso di agenti paralizzanti durante la procedura consentirebbe una valutazione più realistica dell’esperienza di un destinatario di MAiD, sostiene.

“I bambini che perdono un genitore o un fratello per suicidio possono essere profondamente traumatizzati dall’esperienza”, ha twittato il dottor Christopher Lyon, esprimendo preoccupazione per il nuovo libro di attività di CVH.

“Cosa succede ai bambini quando i medici *aiutano* il suicidio invece di fermarlo?”

Altre notizie correlate possono essere trovate su Evil.news.

Le fonti per questo articolo includono:

LifeSiteNews.com

NaturalNews.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche