0 7 minuti 11 mesi

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Recentemente, in questa rubrica è stata fatta un’analisi critica del privilegio dei segreti di Stato. La scorsa settimana il governo ha toccato due nuovi minimi. Ecco lo sfondo.

Un privilegio legale è la capacità di una parte in una controversia di mantenere le comunicazioni segrete dal tribunale e dall’avversario perché la politica pubblica ritiene che il libero flusso di informazioni in determinate comunicazioni private sia un bene più grande della sua divulgazione pubblica.

Esempi comuni di ciò sono il privilegio medico-paziente, il privilegio sacerdote-penitente e il privilegio matrimoniale.

In tutti e tre i casi, il legislatore ha deciso che chi fa affidamento sulla propria privacy in queste situazioni non deve temere che le proprie comunicazioni vengano divulgate.

Quindi, se riveli al tuo medico un fatto imbarazzante che ti aiuterà a curarli, non devi preoccuparti che il medico stia dicendo la verità. Lo stesso vale per il tuo confessore e, nella maggior parte degli stati, per il tuo coniuge.

I tribunali prendono i privilegi così seriamente che esercitarli in modo tempestivo può impedire la divulgazione del contenuto di una comunicazione privilegiata, anche se tale divulgazione è ordinata da un mandato di comparizione, anche se tale divulgazione fosse fondamentale per l’esito del caso e anche se che la divulgazione fosse grave avrebbe impedito l’ingiustizia. Pertanto, gli avvocati devono essere meticolosi nell’uso dei privilegi.

La maggior parte dei privilegi deriva da interazioni personali oneste e quotidiane. Uno di questi è stato creato con la frode.

Il privilegio dei segreti di stato è nato quando gli avvocati del governo hanno detto a un giudice federale che le informazioni sulla costruzione di un aereo utilizzato a livello nazionale dall’intelligence militare erano protette dal privilegio dei segreti di stato. L’aereo si è schiantato e i passeggeri, dipendenti del governo, sono stati uccisi ei loro coniugi volevano citare in giudizio il produttore dell’aereo per danni.

Il giudice ha accettato l’affermazione del governo secondo cui l’identità del produttore e quindi il design dell’aeromobile erano segreti di Stato. I coniugi hanno perso la causa.

Cinquant’anni dopo, i giornalisti che hanno presentato una richiesta per la libertà di informazione hanno appreso che il design dell’aereo non aveva segreti. Le autorità federali erano state imbarazzate dall’incidente e volevano proteggere il governo da ulteriori imbarazzo e il produttore di aerei da controversie, quindi hanno mentito e inventato un privilegio che è stato accettato dalla corte.

Ma il danno era già fatto. I coniugi innocenti dei dipendenti del governo morti hanno perso una causa che avrebbero sicuramente vinto, e la Corte Suprema ha creato dal nulla un altro privilegio, uno che solo il governo può rivendicare.

Dalla creazione di questo privilegio, le agenzie federali lo hanno utilizzato dozzine di volte per scoraggiare azioni legali contro il governo. In realtà, l’hanno usato per impedirsi di portare a termine i procedimenti delle forze dell’ordine, che hanno rilasciato alcuni imputati che le autorità federali hanno dichiarato ai tribunali pericolosi e colpevoli di gravi crimini.

La scorsa settimana, in un’aula militare a Guantanamo Bay, a Cuba, e davanti alla Corte Suprema, la passione del governo per la segretezza e la necessità di eludere l’imbarazzo e la responsabilità hanno toccato un nuovo minimo.

Nei procedimenti preliminari, gli avvocati spesso discutono in tribunale sull’ammissibilità dei documenti nel caso. Nel caso Gitmo, il giudice ha ordinato al governo di rilasciare migliaia di pagine di documenti – molti relativi alla tortura dell’imputato – con l’oscuramento di segreti di Stato. Un documento redatto nasconde le parole revisionate, mentre il resto del documento è generalmente leggibile.

Al termine dell’udienza su questo caso, l’avvocato difensore si è recato al tavolo del governo e ha mostrato ai pubblici ministeri più di 1.000 pagine di documenti che erano stati contrassegnati come classificati ma non avevano redazione.

L’avvocato difensore l’aveva ricevuto dalla CIA in base al Freedom of Information Act!

Questi erano gli stessi documenti che l’accusa aveva oscurato perché i documenti oscurati – dal punto di vista del governo – erano segreti di stato, la cui divulgazione avrebbe danneggiato la sicurezza nazionale.

Il giudice ha incaricato gli avvocati del governo di rivedere tutti i documenti oscurati e corroborare eventuali revisioni. Secondo la CIA, che ha redatto e declassificato i documenti, nessuno degli annerimenti nella versione governativa dei documenti che i difensori hanno portato in aula conteneva alcun segreto.

Sempre la scorsa settimana, in un processo in cui un gruppo di uomini musulmani ha accusato l’FBI di spionaggio non autorizzato, il governo ha affermato di non poter difendere il caso senza rivelare segreti di Stato e che il caso dovrebbe quindi essere archiviato. L’argomentazione del governo è assurda, perché l’informatore sotto copertura dell’FBI che si è unito al gruppo e li ha spiati era così violento e provocatorio che gli stessi imputati lo hanno denunciato all’FBI, i suoi superiori!

E due giudici della Corte Suprema, conoscendo l’origine fraudolenta del privilegio del segreto di Stato, hanno suggerito durante l’udienza che il governo non può avere entrambi – né rivelando i cosiddetti segreti davanti alla giuria, né pagando la sorveglianza illecita.

Che cosa sta succedendo qui?

Si dice che gli avvocati che ingannano i loro avversari e mentono alla corte paghino a caro prezzo. Possono affrontare sanzioni disciplinari, fino alla perdita della licenza per esercitare la professione di avvocato, o il loro caso può anche essere archiviato, o il caso contro i loro clienti può essere vinto da un avversario per la loro cattiva condotta.

Ma il governo punisce raramente il proprio popolo. Poiché questo è un governo che non ha limiti ai suoi poteri, ci siamo abituati ai suoi eccessi. Quando il governo usa le risorse che ci ha tolto per mentire, imbrogliare, rubare, torturare e uccidere – e non c’è indignazione – abbiamo raggiunto un nuovo livello morale.

La sensibilità della nostra coscienza collettiva è stata offuscata dal comportamento ripetitivo di un governo i cui funzionari e agenti lavorano senza distinguere tra giusto e sbagliato, e in totale disprezzo per le leggi che hanno giurato di rispettare. Perché lo tolleriamo?



Source link

Lascia un commento

Leggi anche