0 2 minuti 11 mesi

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici

Il governatore di New York Kathy Hochul (D) ha annunciato che potrebbe attingere alla Guardia Nazionale per colmare la carenza di personale ospedaliero causata da lavoratori non vaccinati che non rispetteranno la scadenza del lunedì per ricevere l’iniezione.

Nel tentativo di fare pressione sugli operatori sanitari che non hanno preso il jab, Hochul ha rilasciato a dichiarazione Sabato delineando come potrebbe dichiarare lo stato di emergenza per sostituirli con operatori sanitari fuori dallo stato e membri della Guardia Nazionale con formazione medica per mantenere gli ospedali adeguatamente forniti di personale.

“Stiamo ancora combattendo contro il COVID per proteggere i nostri cari e dobbiamo combattere con ogni strumento a nostra disposizione”, ha affermato il governatore Hochul. “Sto monitorando da vicino la situazione del personale e abbiamo un piano per aumentare la nostra forza lavoro sanitaria e contribuire ad alleviare gli oneri sui nostri ospedali e altre strutture sanitarie”.

“Raccomando tutti gli operatori sanitari che si sono fatti avanti per farsi vaccinare, ed esorto tutti gli operatori sanitari rimanenti che non sono vaccinati a farlo ora in modo che possano continuare a fornire assistenza”, ha aggiunto.

Circa il 16% dei 450.000 dipendenti ospedalieri dello stato – circa 70.000 lavoratori – non ha ancora ricevuto il vaccino per il COVID, ha affermato l’ufficio del governatore.

Migliaia di newyorkesi sono stati protestando il mandato del vaccino COVID da quando è stato imposto all’inizio di questo mese.

Nonostante la narrativa dei media che gli ospedali siano sopraffatti a causa della carenza di lavoratori, ospedali e centri medici si preparano comunque a licenziare migliaia di lavoratori che non vogliono o hanno bisogno di fare l’iniezione di COVID.


Alex Jones scopre l’orribile storia della polizia della Georgia che vaccina con la forza una festa di matrimonio afroamericana contro il loro volere.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche