0 1 minuto 3 giorni

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!



Immagine: il giudice dell'Illinois emette un ordine restrittivo che impedisce l'entrata in vigore del nuovo divieto di

(Natural News) Un giudice dello stato dell’Illinois ha sferrato un colpo per la libertà e il secondo emendamento dopo che la maggioranza democratica dello stato e il governatore, JB Pritzker, hanno approvato e firmato, rispettivamente, un nuovo divieto delle cosiddette “armi d’assalto”.

Pritzker ha firmato la misura pochi giorni fa, vietando le “armi d’assalto” e le riviste “ad alta capacità”, ma ora un giudice ha affermato che il legislatore e il governatore dominati dai democratici “hanno violato in modo oltraggioso” i requisiti procedurali previsti dalla costituzione dell’Illinois per accelerare la misura in legge .

Per il momento, l’ordine restrittivo riguarda solo 866 singoli querelanti che hanno firmato una delle numerose cause legali che contestano il divieto. Ma la sentenza invia anche un segnale di speranza a quei querelanti che probabilmente la loro causa avrà successo, che si applicherà a tutti gli altri sostenitori del Secondo Emendamento nello stato.

Inoltre, è l’ultima sentenza del tribunale contro i politici democratici armati di armi che stanno vacillando in tutto il paese dopo la storica sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti dello scorso anno in New York State Rifle Association, Inc. contro Bruenche ha ritenuto incostituzionale la legge statale sul porto d’armi (che sostanzialmente vietava a quasi tutti i residenti di portare legalmente un’arma).

“I querelanti vengono danneggiati immediatamente e irreparabilmente ogni giorno in cui viene negato il loro diritto fondamentale di portare armi”, ha scritto il giudice Joshua Morrison nella sua sentenza di 11 pagine, respingendo l’affermazione del governo statale secondo cui la legge non ha avuto un impatto su un diritto costituzionale fondamentale. Ha aggiunto che “i querelanti hanno mostrato una probabilità di successo” nella loro causa per far annullare la legge, nota come “Protect Illinois Communities Act”.

Brighteon.TV

“Questa Corte ritiene che gli imputati [Pritzker et al] ha violato in modo inequivocabile ed eclatante la regola delle tre letture della costituzione dell’Illinois al fine di eludere i requisiti costituzionali ed evitare il discorso pubblico”, continua la sentenza.

Il giudice ha anche ritenuto che la legge non sopravviverà probabilmente al vaglio del precedente stabilito dal Bruen dominante.

In effetti, la legge era già sotto assedio da parte di quasi tutti gli sceriffi dell’Illinois che hanno promesso di non applicarla, affermando di vedere il suo requisito di registrazione delle armi come un’enorme violazione della clausola di violazione del Secondo Emendamento.

In una lettera pubblicata su Facebook, lo sceriffo della contea di Greene, Rob McMillen, ha osservato che intende seguire la sua “morale, convinzioni e obblighi riguardanti la protezione dei diritti” dei cittadini della sua contea.

“Questi tipi di leggi mettono le forze dell’ordine e i pubblici ministeri in una situazione molto precaria, con noi che dobbiamo decidere di non far rispettare le leggi che sono state approvate dagli organi governativi”, ha scritto McMillen. “Ma, come vostro sceriffo della contea di Greene, non posso sedermi e lasciare che le leggi che privano i cittadini della contea di Greene dei loro diritti costituzionali, e non prendere posizione a sostegno dei cittadini contro un governo che vuole calpestare i loro diritti”.

Lo sceriffo della contea di Clinton Dan Travous, lo sceriffo della contea di Macoupin Shawn Kahl e lo sceriffo della contea di Monroe Neal Rohlfing hanno rilasciato dichiarazioni e impegni simili ai loro residenti ed elettori, affermando che i loro dipartimenti non sarebbero stati utilizzati per condurre alcuna indagine o effettuare arresti ai sensi delle disposizioni del legge per lo stesso motivo: la loro convinzione che i cittadini abbiano il diritto inalienabile di detenere e portare armi da fuoco legittime per “difesa, libertà e proprietà”.

Lo sceriffo della contea di Madison Jeff Connor, insieme al procuratore dello stato della contea Tom Haine, ha osservato in una dichiarazione congiunta che si aspettano che la legge dovrà affrontare sfide legali e “confidano che questo eccesso legislativo non reggerà”.

“Nel frattempo, rimaniamo concentrati sulla riduzione dei crimini violenti”, si legge nella lettera. “Pertanto, in attesa di ulteriori indicazioni da parte dei tribunali, l’ufficio dello sceriffo della contea di Madison non spenderà le sue risorse limitate per verificare se i proprietari di armi rispettosi della legge abbiano registrato le loro armi presso lo Stato, né l’ufficio dello sceriffo della contea di Madison arresterà o ospiterà altrimenti persone rispettose della legge esclusivamente a causa del mancato rispetto di [the law].”

Le fonti includono:

ZeroHedge.com

CharlieKirk.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche