0 5 minuti 6 giorni



Immagine: il giudice avvia una causa contro l'FBI dopo che l'ufficio ha

(Natural News) Ancora una volta, il deep state è colpevole di proteggere i propri a spese degli americani comuni.

Il mese scorso, un giudice federale della California ha intentato una causa sostenendo che l’FBI ha letteralmente rubato milioni in contanti, gioielli e altri oggetti di valore da circa 1.400 cassette di sicurezza dopo aver fatto irruzione in una società privata ritenuta coinvolta nel riciclaggio di denaro per i criminali.

“Una causa intentata ad agosto ha affermato che l’FBI e l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti a Los Angeles hanno ottenuto mandati contro US Private Vaults a Beverly Hills, in California, nascondendo dettagli critici al giudice che li ha approvati”, Business Insider segnalato all’inizio di ottobre. “Nella sua sentenza, il giudice del tribunale distrettuale R. Gary Klausner non ha riscontrato irregolarità nel modo in cui il governo ha ottenuto o eseguito i mandati per il raid. Ha respinto l’azione collettiva intentata per conto delle persone le cui scatole erano state sequestrate.

Klausner, un incaricato di George W. Bush, ha riconosciuto nella sua sentenza che la società del caveau è stata chiusa dopo il raid del 2021, e da allora i suoi proprietari si sono dichiarati colpevoli di una cospirazione per riciclare il denaro della droga.

Un portavoce dell’FBI ha fatto finta che l’agenzia fosse il dipartimento federale più costituzionale.

“La sentenza odierna del tribunale distrettuale chiarisce che gli agenti che indagano su attività criminali presso i depositi privati ​​statunitensi non hanno fuorviato il tribunale e afferma la posizione dell’FBI secondo cui l’indagine è stata condotta senza dolo e in modo coerente con la legge, le politiche dell’FBI e la costituzione degli Stati Uniti, ” ha raccontato Laura Eimiller Business Insider.

Brighteon.TV

L’outlet ha riportato inoltre:

La causa è stata intentata dopo che gli agenti dell’FBI hanno fatto irruzione nella filiale di Beverly Hills di US Private Vaults, sequestrando più di 86 milioni di dollari in contanti, oltre a gioielli e oro da 1.400 cassette di sicurezza. Ha detto che gli oggetti dei proprietari non erano ancora stati restituiti e che gli agenti hanno ingannato un giudice per ottenere il mandato.

Nessuna delle persone che possedevano le scatole è stata incriminata dopo quasi cinque anni di indagini; varie agenzie hanno concluso che “il problema era l’attività stessa”, affermano i documenti del tribunale.

Eimiller ha affermato riguardo agli articoli non restituiti che gli agenti “hanno delineato prove di illeciti criminali diffusi nei documenti depositati in tribunale, stabilendo una semplice procedura per restituire i contenuti salvaguardati ai possessori di scatole che non erano altrimenti soggetti alla confisca dei beni”.

Tuttavia, Robert Frommer, un avvocato che rappresenta almeno 400 querelanti nell’azione collettiva, ha osservato in una precedente dichiarazione del tribunale che il governo “non sapeva cosa ci fosse in quelle scatole, chi le possedesse o cosa, semmai, quelle persone avevano fatto.

“La portata di ciò che ha fatto l’FBI è senza precedenti”, ha detto il deposito. “Questa è stata la più grande rapina a mano armata nella storia degli Stati Uniti, ed è stata commessa dall’FBI”.

Frommer ha confermato di Business Insider via e-mail che intendeva appellarsi alla sentenza di Klausner.

Rob Johnson, un avvocato che sta lavorando con Frommer, ha affermato che la sentenza è stata davvero una “decisione scioccante” che “costituirà un pericoloso precedente che consentirà all’FBI e ad altre forze dell’ordine di aggirare il quarto emendamento”.

“La decisione fornirà al governo un piano per aprire cassette di sicurezza, armadietti e altri spazi privati ​​e prendere il contenuto con confisca civile”, ha aggiunto.

“Non c’è dubbio che presenteremo ricorso”, ha osservato ulteriormente.

Tuttavia, Eimiller ha continuato a difendere l’indifendibile.

“L’FBI mantiene le sue indagini in corso su US Private Vaults, un’attività che ha facilitato criminalmente il traffico di droga e il riciclaggio di denaro e che ha consentito ai clienti di conservare i loro proventi criminali in modo anonimo in cassette di sicurezza”, ha affermato.

È degno di nota il fatto che nessuno dei clienti di Frommer – gli effettivi possessori di scatole a cui l’FBI ha rubato la loro proprietà – sia stato accusato di attività criminale, rendendolo ancora più evidente che questo furto è reale.

Le fonti includono:

News.Yahoo.com

NaturalNews.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche