0 4 minuti 1 settimana



Il fotografo assunto da Balenciaga per scattare foto di bambini che tengono in mano orsacchiotti BDSM afferma di essere stato trasformato in un capro espiatorio dall’azienda di moda.

Come noi evidenziato ieri, c’è stato clamore dopo che le immagini per promuovere la collezione Primavera/Estate 2023 della settimana della moda di Parigi di Balenciaga mostravano ragazze con in mano borse di orsetti di peluche adornate con attrezzi da bondage.

Gli orsi sono visti indossare lucchetti, reti da pesca, imbracature di cuoio, oltre a caviglie e polsi.

Un altro tribunale fotografico ha mostrato documenti riguardanti Ashcroft v Free Speech Coalition, un caso della Corte Suprema del 2002. Il caso ha annullato una parte del Child Pornography Prevention Act (CPPA) del 1996, stabilendo che la pornografia infantile “virtuale” è un discorso protetto.

Nonostante alcuni “controllori dei fatti” abbiano etichettato la questione come una “assurda teoria del complotto”, Balenciaga si è scusata pubblicamente per la controversia e ha affermato che stavano perseguendo un’azione legale contro i responsabili.

Il marchio di moda ha affermato che il servizio fotografico includeva articoli “non approvati” a cui non era stato dato il via libera per apparire nella campagna.

Tuttavia, ora sembra che questo potrebbe essere stato solo uno stratagemma deliberato per deviare la colpa.

Il famoso fotografo Gabriele Galimberti ha affermato che lo scatto doveva essere basato sul tema del dare e ricevere regali, traendo ispirazione dalla sua serie di fotografie “toy story”.

Galimberti ha risposto alla minaccia di azione legale di Balenciaga dicendo a Newsweek: “Non sono nella posizione di commentare [on] Le scelte di Balenciaga, ma devo sottolineare che non avevo il diritto di scegliere in alcun modo né i prodotti, né i modelli, né la combinazione degli stessi”.

In altre parole, Galimberti sostiene che Balenciaga lo abbia gettato sotto un autobus e che la società stessa sia stata responsabile della creazione dell’allestimento del servizio fotografico pedo-friendly.

L’argomento secondo cui lo scandalo rappresenta qualcosa di marcio all’interno di Balenciaga è stato rafforzato da altre prove.

Come ha sottolineato un utente di Twitter, in un servizio fotografico separato di Balenciaga, un libro di Michaël Borremans, un pittore belga, appare sulla scrivania accanto a una modella.

Alcuni dei dipinti di Borremans raffigurano bambini nudi che sembrano essere traumatizzati o coinvolti in una sorta di ambiente violento.

Nel frattempo, Kim Kardashian, ambasciatrice di Balenciaga, si è rifiutata di commentare la questione, nonostante abbia condannato pubblicamente il suo futuro ex marito Kanye West per le parole offensive che ha pubblicato su Twitter.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA!

Nell’era della censura di massa nella Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Ho bisogno che ti iscrivi alla mia newsletter gratuita qui.

Sostieni il mio sponsor – Forza turbo – una spinta sovralimentata di energia pulita senza il calo.

Ottieni l’accesso anticipato, i contenuti esclusivi e il dietro le quinte seguendomi su Locali.

—————————————————————————————————————————





Source link

Lascia un commento

Leggi anche