0 5 minuti 1 giorno


Una delle domande più comuni che mi vengono poste dai non vaccinati deriva dalle preoccupazioni per lo “spargimento”. Poiché i vaccini a mRNA sono in fase di sviluppo da parte del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti DARPA dal 2011, ci si sarebbe aspettati che tutti i test preclinici necessari sarebbero stati completati prima dell’annuncio dell’Operazione Warp Speed.

La guida della FDA del 2015 sugli studi sulla diffusione di prodotti genici con terapie geniche, che sono definiti come “tutti i prodotti che esercitano i loro effetti mediante trascrizione e/o traduzione di materiale genetico trasferito e/o mediante integrazione nel genoma dell’ospite e che sono somministrati nella forma di acidi nucleici, virus o microrganismi geneticamente modificati”.[i] Secondo questa affermazione, i vaccini a mRNA sono effettivamente prodotti di terapia genica e avrebbero dovuto essere sottoposti a questi studi di escrezione da ricercatori finanziati dalla DARPA molto tempo fa.[ii] Purtroppo, queste attente fasi di sviluppo sono state saltate dall’inizio nel nostro programma di sviluppo del vaccino in stile militare, e ora il pubblico è alle prese con il problema dell’acido nucleico e della perdita di proteine ​​Spike come potenziale preoccupazione tra coloro che hanno lavorato così duramente per rimanere in buona salute e privo di vaccinazione COVID-19. Nel documento più completo finora sulla diffusione, l’ex ricercatrice dell’Inserm, la dott. aspettarsi di contenere particelle di queste dimensioni.[iii]

Il Dr. Peter McCullough discute il potenziale per la diffusione del vaccino mRNA
Il Dr. Peter McCullough discute il potenziale per la diffusione del vaccino a mRNA 2

Fertig et al, hanno dimostrato che l’mRNA circola nel sangue per almeno due settimane senza alcuna riduzione della concentrazione fino a quel momento.[iv] Allo stesso modo, Hanna et al, hanno trovato l’mRNA nel latte materno.[v] Esistono meno dati sullo spargimento di proteine ​​​​Spike, ma non è molto lontano per capire che questo rientra nel regno della realtà. Le domande cardine sono: 1) per quanto tempo una persona vaccinata di recente rischia di trasmettere ad altri? 2) l’mRNA del capannone può essere assorbito dal ricevente e iniziare a produrre la proteina Spike proprio come la vaccinazione? 3) lo spargimento della proteina Spike può causare malattie come avviene nei vaccinati (ad es. miocardite, coaguli di sangue, ecc.)? È tempo che gli errori del DOD BARDA e del NIH BARDA vengano corretti immediatamente da quelle agenzie che finanziano i necessari studi indipendenti sullo spargimento per garantire la sicurezza pubblica di coloro che hanno saggiamente rimandato la vaccinazione contro il COVID-19. Questa ricerca dovrebbe preferibilmente essere condotta mentre i prodotti attuali vengono messi in pausa e immessi sul mercato per proteggere gli altri a rischio. Fino ad allora, semplicemente non possiamo rispondere a queste domande per coloro che hanno sacrificato così tanto per rimanere “purosangue”.

[i] Progettazione e analisi di studi sulla diffusione di terapie geniche basate su virus o batteri e linee guida sui prodotti oncolitici per l’industria AGOSTO 2015

[ii] Il Dipartimento della Difesa guida la vaccinazione di massa mentre la FDA e le aziende produttrici di vaccini non sono in grado di fermarla del Dr. Peter McCullough | 8 novembre 2022 | Sanità, Militare, Politica,

[iii] Stato attuale delle conoscenze sull’escrezione di mRNA e spike prodotti dai vaccini mRNA anti-COVID-19; possibilità di contaminazione dell’entourage delle persone vaccinate da questi prodotti da Helene Banoun Infectious Diseases Research 2022;3(4):22. https://doi.org/10.53388/IDR20221125022

[iv] Fertig TE, Chitoiu L, Marta DS, Ionescu VS, Cismasasiu VB, Radu E, Angheluta G, Dobre M, Serbanescu A, Hinescu ME, Gherghiceanu M. L’mRNA del vaccino può essere rilevato nel sangue a 15 giorni dalla vaccinazione. Biomedicine. 28 giugno 2022;10(7):1538. doi: 10.3390/biomedicines10071538. PMID: 35884842; PMCID: PMC9313234.

[v] Hanna N, Heffes-Doon A, Lin X, et al. Rilevazione di vaccini a RNA messaggero COVID-19 nel latte materno umano. JAMA Pediatr. Pubblicato online il 26 settembre 2022. doi:10.1001/jamapediatrics.2022.3581

Peter Andrew McCullough è un cardiologo americano. È stato vice capo della medicina interna presso il Baylor University Medical Center e professore presso la Texas A&M University. Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Sottopila.

GreatGameIndia è attivamente preso di mira da potenti forze che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo il pagamento volontario per i contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web tramite UPI, PayPal e Bitcoin.

Sostieni GreatGameIndia



Source link

Lascia un commento

Leggi anche