0 5 minuti 5 mesi


Questo avviene quando il comitato del 6 gennaio esamina il presunto ruolo dell’allora presidente Donald Trump nell’insurrezione, così come nei giorni precedenti l’attacco. Secondo quanto riferito dai media statunitensi, Trump ha fatto pressioni su Pence affinché sostenesse le sue affermazioni di frode elettorale e respingesse i risultati elettorali di Joe Biden in diversi stati chiave, cosa che Pence si è rifiutato di fare.

Il rappresentante Bennie Thompson del Mississippi, il capo del comitato ristretto della Camera a guida democratica che indaga sull’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021, afferma che i membri si aspettano di convocare l’ex vicepresidente Mike Pence per testimoniare questo mese, NPR segnalato.

In un’intervista con l’outlet, Thompson ha discusso le aspettative di pianificazione per la richiesta Pence.

“Penso che potresti aspettartelo prima della fine del mese”, ha detto Thompson.

L’aspetto di Pence è fondamentale, secondo quanto riferito, ha aggiunto, soprattutto perché l’ex vicepresidente in seguito ha pubblicato una lettera in cui affermava che non si sarebbe dimesso dal suo incarico cerimoniale fino alle audizioni del comitato del 6 gennaio.

“Il vicepresidente è stato messo in una situazione difficile. Il presidente stava esercitando molte pressioni su di lui per infrangere la legge e ha tenuto duro”, ha affermato. “E a causa del suo rispetto per la legge, c’erano persone che sono venute in Campidoglio un anno fa per volerlo impiccare. E quindi, se non altro, il nostro comitato ha davvero bisogno di sentire quali sono le sue opinioni su quanto accaduto il 6 gennaio”.

Secondo il rapporto, il comitato si incontrerà a porte chiuse la prossima settimana per finalizzare i piani per Pence e la richiesta volontaria.

Tuttavia, non è chiaro se l’ex vicepresidente accetterà l’invito.

Secondo i media, il comitato sta attualmente provando per eseguire uno sguardo più profondo alla cerchia ristretta di Trump, nonché a nuovi appelli pubblici per una testimonianza volontaria. Il Comitato ha richiesto che il conduttore di Fox News Sean Hannity e i rappresentanti repubblicani Scott Perry della Pennsylvania e Jim Jordan dell’Ohio siano apparsi davanti ad esso nelle ultime settimane, sebbene nessuno abbia espresso il desiderio di farlo.

Inoltre, Thompson non escluderebbe ulteriori richieste di testimoni dalla cerchia più stretta di Trump, tra cui Ivanka Trump, figlia di Trump ed ex aiutante senior della Casa Bianca.

“Senti, siamo assolutamente aperti a chiunque venga volontariamente nel comitato”, ha spiegato Thompson. “Se in effetti pensiamo che qualcuno abbia informazioni di cui abbiamo bisogno come comitato e ottenere una citazione per la partecipazione di quella persona è importante, allora lo faremo”.

Secondo Thompson e altri membri del comitato, Ivanka Trump ha cercato di persuadere suo padre a sospendere la rivolta numerose volte quel giorno.

“Abbiamo informazioni che Ivanka ha cercato di convincere il presidente a annullare ciò che stava accadendo al Campidoglio. Non abbiamo tutte le informazioni. Ecco perché ci piacerebbe avervi accesso”, ha aggiunto Thompson.

Maggiori informazioni sulle suppliche di Ivanka Trump a suo padre sull’assalto, secondo Thompson, sono presumibilmente contenute nei documenti della Casa Bianca che sono il oggetto di una battaglia giudiziaria. Trump ha perso diversi round in tribunale federale nel suo tentativo di impedire al comitato di vedere un sottoinsieme di quei record, e lui ora sta chiedendo la Suprema Corte di intercedere.

“Quindi pensiamo che una volta che avremo accesso a questo, aiuterà a chiarire tutte le gocce e le gocce di informazioni che stiamo ricevendo”, ha detto Thompson.

Più di 50 citazioni hanno secondo quanto riferito è stato emesso dalla commissione sono stati esaminati 350 testimoni, sono stati ottenuti più di 45.000 documenti e sono stati perseguiti quasi 350 suggerimenti. Secondo il rapporto, il comitato sta anche lavorando per emettere “raccomandazioni significative” per nuove leggi.

Tra le opzioni potrebbero rientrare le riforme dell’Electoral Count Act o nuove sanzioni per il blocco di un’azione ufficiale, come la certificazione dei risultati delle elezioni presidenziali.

Secondo diversi rapporti, la giuria sta correndo per completare la sua indagine prima delle elezioni di metà mandato di novembre, temendo che se i repubblicani riprendessero il controllo della camera bassa potrebbero porre fine alle indagini.


Lo staff di Trump pubblica documenti che dimostrano che la richiesta di protezione nazionale il 6 gennaio è stata respinta

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

Let's go Brandon Anti Biden Trump T-shirt

VISITA ORA



Source link

Lascia un commento

Leggi anche