0 6 minuti 1 settimana

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici


Immagine: il colpo COVID di Pfizer UCCIDE un bambino di 9 anni senza condizioni preesistenti solo due settimane dopo la vaccinazione

(Notizie naturali) Il vaccino mRNA del coronavirus di Wuhan (COVID-19) sviluppato da Pfizer e dal suo partner tedesco BioNTech ha reclamato la vita a un bambino di nove anni della California.

La morte della ragazza è stata inclusa nei dati diffusi il 27 luglio dal Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS). Secondo il sistema, alla ragazza è stata iniettata la prima dose del vaccino BNT162b2 il 13 dicembre 2021. È morta due settimane dopo, il 27 dicembre 2021.

La bambina ha avuto dolore addominale, mal di gola e dolore al petto circa due o tre giorni prima della sua morte. Non presentava condizioni preesistenti, come da rapporto VAERS. Nell’intervallo di 14 settimane tra la sua vaccinazione e la sua morte, non ha visitato uno studio medico o un pronto soccorso.

La morte della ragazza è stata tra i 12.232 eventi avversi legati al vaccino COVID-19 per bambini di età compresa tra 5 e 11 anni tra il 14 dicembre 2020 e il 22 luglio 2022. Un totale di 101 segnalazioni di convulsioni nella suddetta fascia di età compreso quell’importo totale. Nel rapporto sono state incluse anche quarantasette segnalazioni di coagulazione del sangue e 24 segnalazioni di infiammazione cardiaca – miocardite e pericardite. (Correlati: i vaccini COVID hanno riscontrato un aumento del rischio di miocardite nei bambini di oltre il 13.000 percento.)

Per i bambini di età compresa tra sei mesi e cinque anni, in VAERS sono stati registrati un totale di 2.429 eventi avversi correlati al vaccino. Ci sono stati 23 casi di convulsioni, 15 casi di disturbi della coagulazione del sangue e quattro segnalazioni di infiammazione cardiaca nella coorte durante lo stesso periodo.

Inoltre, gli eventi avversi correlati al vaccino per la fascia di età dai 12 ai 17 anni tra il 14 dicembre 2020 e il 22 luglio 2022 sono stati pari a 32.835, inclusi 44 decessi. La maggior parte di questi eventi avversi è stata collegata al vaccino mRNA Pfizer.

Brighteon.TV

Delle 657 segnalazioni di infiammazione cardiaca per questa fascia di età, 645 casi, pari a circa il 98%, sono stati attribuiti al vaccino Pfizer. BNT162b2 è stato anche collegato al 100% dei disturbi della coagulazione del sangue e alla sindrome da tachicardia ortostatica posturale (POTS). Gli individui affetti da POTS sperimentano un battito cardiaco più veloce ogni volta che cambiano posizione, ad esempio da sdraiati a in piedi e viceversa.

La maggior parte dei genitori non permette ai propri figli di vaccinarsi contro il COVID, secondo il sondaggio

Data la morte del bambino di nove anni e il numero di eventi avversi correlati al vaccino tra i bambini di età compresa tra sei mesi e 17 anni, non sorprende che un numero significativo di genitori non volesse iniettare ai propri figli il vaccino COVID-19 .

Un sondaggio condotto dal monitoraggio dei vaccini COVID-19 della Kaiser Family Foundation (KFF), i cui risultati sono stati pubblicati il ​​26 luglio, rifletteva questo sentimento. È emerso che il 43% dei genitori intervistati non aveva in programma di ottenere il vaccino COVID-19 per i propri bambini di età inferiore ai cinque anni, un salto del 13% rispetto al 30% dei genitori che aveva affermato lo stesso un anno fa.

Il sondaggio KFF ha anche rilevato che il 64% dei genitori di tendenza repubblicana con bambini di età compresa tra sei mesi e quattro anni non si farà vaccinare. Il sentimento era simile anche tra i genitori non vaccinati, con il 64% che afferma che il proprio figlio seguirà il loro esempio.

“Le preoccupazioni dei genitori per gli effetti collaterali e per la novità dei vaccini sono evidenti quando spiegano con parole loro perché non faranno vaccinare subito il loro bambino per COVID-19”, ha affermato KFF. Ha anche citato “preoccupazioni sull’efficacia del vaccino e la sensazione che il vaccino non sia necessario” come ragioni per cui gli intervistati rifiutano il vaccino per i loro figli.

Inoltre, il sondaggio KFF ha rilevato che il 55% dei genitori intervistati ritiene che le informazioni sui vaccini COVID-19 provenienti dalle agenzie federali siano “confuse”.

“La precedente ricerca KFF COVID-19 Vaccine Monitor ha rilevato che molti genitori di bambini di età inferiore ai cinque anni pensavano che le informazioni sui vaccini COVID-19 per i bambini di quella fascia di età fossero confuse. A seguito della recente autorizzazione all’uso di emergenza da parte della FDA di due vaccini COVID-19 per bambini di età compresa tra sei mesi e quattro anni, molti genitori continuano a trovare poco chiare le informazioni delle agenzie federali”.

Visita VaccineDeaths.com per altre storie sui bambini che muoiono dopo la vaccinazione contro il COVID-19.

Guarda questo video su un rapporto VAERS su 63 bambini di età inferiore a tre anni che sono morti a causa del vaccino COVID-19.

Questo video è dal canale The Prisoner in poi Brighteon.com.

Altre storie correlate:

VAERS: i vaccini COVID-19 hanno ferito oltre 50.000 bambini.

Un bambino di 7 anni è morto per arresto cardiaco 13 giorni dopo l’iniezione di Pfizer, secondo i dati VAERS.

Il bambino di due anni MORTE durante gli esperimenti di vaccino Covid-19 di Pfizer sui bambini.

Studio: 397 bambini con diagnosi di infiammazione cardiaca dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19 di Pfizer.

I dati del vaccino VAERS COVID mostrano un aumento delle segnalazioni di lesioni gravi, poiché i bambini di 5 anni iniziano a ricevere colpi.

Le fonti includono:

ChildrensHealthDefense.org

MedAlerts.org

KFF.org

Brighteon.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche