0 3 minuti 2 settimane


Richiesta di una regolamentazione globale.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau e il ministro della pubblica sicurezza Marco Mendicino stanno facendo il giro sottolineando la necessità di combattere le molestie online e la disinformazione.

Al vertice del G-20 a Bali, in Indonesia, Trudeau ha affermato che il Canada vuole regolamentare “le molestie e la violenza” online. Ha aggiunto che le piattaforme di social media canadesi hanno la responsabilità di “affrontare le molestie e la violenza online per garantire la fiducia nella tecnologia”.

“Mentre garantiamo e difendiamo sempre la libertà di parola, dobbiamo chiarire che il bullismo e l’attacco alle persone online non possono essere accettati”, ha affermato Trudeau.

Al vertice del G7 di Germania Il ministro della Pubblica Sicurezza Marco Mendicino ha detto agli altri ministri dell’Interno e della Sicurezza che bisogna combattere la disinformazione. Il 17 novembre ha twittato che “il G7 è unito” nell'”affrontare l’aumento della disinformazione e della disinformazione online”.

Il 19 novembre, Mendicino ha twittato che il Canada ospiterà un vertice del G7 per combattere la “disinformazione” il prossimo anno.

“Il Canada sta assumendo un ruolo di primo piano nel G7 e ha invitato i ministri dell’Interno e della pubblica sicurezza a un vertice per affrontare la disinformazione, che attualmente è una delle maggiori minacce per tutte le nostre democrazie”, ha twittato.

Ha aggiunto che un vertice in Canada aiuterebbe a “invertire la sceneggiatura e ad anticipare la curva della disinformazione”.

“Crediamo che il Canada e il G7 possano guidare qui”, ha continuato Mendicino.

Secondo Mendicino, il “mercato della disinformazione” è più ampio del “mercato delle informazioni affidabili” ei canadesi devono essere aiutati a distinguere tra i due.

Per combattere la disinformazione, ha proseguito Mendicino, le piattaforme online dovrebbero assicurarsi di rispettare i termini dei propri accordi con gli utenti”.

Durante il vertice, ha suggerito di insegnare agli studenti come individuare la disinformazione, le truffe online e le e-mail e i messaggi di testo fraudolenti.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche