0 6 minuti 1 settimana

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!



Immagine: il bot basato sull'intelligenza artificiale ha richiesto con successo il rimborso a Wells Fargo utilizzando la voce FALSA

(Natural News) Joshua Browder, il fondatore di DoNotPay, ha mostrato in un video condiviso su Twitter la capacità del suo strumento di intelligenza artificiale (AI) appena lanciato di gestire le chiamate del servizio clienti per conto degli utenti.

Browder ha affermato che utilizzando una versione generata dall’intelligenza artificiale della propria voce, Browder ha richiesto con successo un rimborso a Wells Fargo, una multinazionale di servizi finanziari con sede a San Francisco.

La startup, nota per l’automazione di attività come la richiesta di multe per il parcheggio e l’annullamento di abbonamenti, commercializza questo nuovo sistema “robot” con il grido di battaglia: “Perché sopportare una lunga chiamata con una banca quando un comodo robot basato sull’intelligenza artificiale può gestirlo per te?”

“Abbiamo in programma di rendere lo strumento pubblicamente disponibile con una gamma di voci personalizzate generiche, ma avere la voce dell’utente sarà un’opzione premium”, ha detto Browder Scheda madre in una chat online.

Da allora il tweet è stato rimosso per apparentemente violare le regole di Twitter.

Nel video si sente la voce finta di Bowder che dice: “Ciao, sto chiamando per ottenere un rimborso per le spese di bonifico bancario”. Il rappresentante del servizio clienti ha quindi chiesto il nome e il cognome del chiamante, che è una procedura operativa standard per la sicurezza. Il bot ha fornito facilmente le informazioni personali. L’intelligenza artificiale e l’agente hanno quindi discusso delle commissioni di bonifico contestate, stabilendo infine le commissioni addebitate negli ultimi tre mesi.

Grande gioco India Il sito di notizie ha riferito che la conversazione tra di loro suonava molto “pomposa e innaturale” poiché c’erano lunghe pause mentre il bot elaborava le risposte dei rappresentanti in modo da poter scherzare.

Brighteon.TV

“È difficile non provare simpatia per l’operaio di Wells Fargo che ha dovuto rimanere in silenzio mentre il bot svolgeva i suoi compiti. Tuttavia, il bot sembra essere riuscito a garantire i rimborsi richiesti, in base al video “, afferma l’articolo.

Come consueto segno di gentilezza e gratitudine delle persone reali, il bot ha persino chiuso la conversazione dicendo “grazie per il tuo aiuto”. Browder si è anche vantato di come i suoi robot abbiano chiamato Wells Fargo una dozzina di volte per testare il flusso.

L’imprenditore britannico-americano ha rivelato che lo strumento è stato creato utilizzando una combinazione di Resemble.ai (una piattaforma che consente agli utenti di generare le proprie voci di intelligenza artificiale), GPT-J (un modello di linguaggio casuale open source) e i modelli di intelligenza artificiale di DoNotPay per il copione. In precedenza, DoNotPay utilizzava bot guidati dall’intelligenza artificiale per negoziare le fatture di Comcast.

In una dichiarazione di risposta, Wells Fargo ha affermato che dopo aver esaminato le registrazioni delle chiamate, la conversazione non è avvenuta nel modo in cui è stata presentata nel video. “Sembra che la registrazione video del cliente di questa chiamata sia stata modificata in modo da sembrare che un bot stesse interagendo con un rappresentante del servizio clienti”, ha affermato la società, ma Browder ha detto Scheda madre il video non è stato modificato, ad eccezione della rimozione del suo numero di conto dall’inizio della clip.

Bowder: “Avvocato robot” offre servizi legali più economici

Nel frattempo, a febbraio si svolgerà un processo giudiziario sull’intelligenza artificiale, con un avvocato robot DoNotPay pronto a difendere un essere umano in tribunale per la prima volta. (Correlato: gli esseri umani non possono competere con l’intelligenza artificiale – “Non è nemmeno vicino”, afferma il premio Nobel.)

Browder ha detto che la sua compagnia pagherà fino a 1.000 dollari a due imputati che andranno in tribunale per il traffico per indossare occhiali intelligenti che raddoppieranno come loro avvocati. I luoghi delle udienze non sono stati resi noti per impedire ai giudici di far deragliare le acrobazie in anticipo. Ogni imputato avrà la possibilità di rinunciare se lo desidera.

“Il mio obiettivo è che il consumatore ordinario e medio non debba mai più assumere un avvocato”, ha detto il proprietario della startup.

Bowder ha detto al Bestia quotidiana che gli occhiali intelligenti di CatXQ registreranno il procedimento e un chatbot basato su GPT-3 di OpenAI, famoso per la trascrizione di ballate e saggi di scuola superiore su richiesta, offrirà argomenti legali in tempo reale.

Gli occhiali avranno lenti quadrate e una sottile montatura nera, che può connettersi ai dispositivi tramite Bluetooth e fornire suoni direttamente alla coclea di chi li indossa, l’organo uditivo nell’orecchio interno, attraverso la conduzione ossea, che è simile a come funzionano alcuni apparecchi acustici.

Il chatbot esisterà sul telefono dell’imputato come una normale app, assorbendo l’audio attraverso il microfono del dispositivo e dettando argomenti legali attraverso gli occhiali.

FutureTech.news ha più storie su “scoperte” tecnologiche futuristiche come i robot AI.

Guarda il video qui sotto in cui il principale consigliere del World Economic Forum, Yuval Noah Harari, ha rivelato che l’intelligenza artificiale può assumere il controllo dell’umanità.

Questo video è dal canale Thrivetime Show su Brighteon.com.

Altre storie correlate:

I militari statunitensi sperimentano l’intelligenza artificiale in grado di predire il futuro.

L’UE propone una legislazione per limitare la tecnologia di riconoscimento facciale e le applicazioni di intelligenza artificiale “ad alto rischio”.

Quali sono i rischi posti dall’intelligenza artificiale generale?

L’intelligenza artificiale potrebbe SPAZZARE L’umanità, avvertono i ricercatori di Oxford e Google.

Le fonti includono:

GreatGameIndia.com

Twitter.com

VICE.com

TheDailyBeast

Brighteon.com





Source link

Lascia un commento

Leggi anche