0 6 minuti 7 giorni

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE



Immagine: i proprietari di panetterie in Germania protestano contro le bollette energetiche alle stelle in mezzo al peggioramento della crisi energetica in Europa

(Notizie naturali) Una panetteria tedesca ha visto la bolletta del gas salire a € 330.000 ($ 323.900) dopo che una nuova società energetica ha risolto il suo contratto con l’azienda che garantiva prezzi fissi fino alla fine del 2023.

Eckehard Vatter, il proprietario della catena di panifici Vatter, si è lamentato di aver avuto solo 14 giorni per pagare il conto. Fino a un anno fa, l’azienda pagava solo € 5.856 ($ 5747,66) ogni mese per i suoi grandi forni di cottura e riscaldamento.

Ora, la bolletta energetica della panetteria è salita a 75.000 euro (73.612,50 dollari), che ammontavano a 330.000 euro (323.900 dollari) per quattro mesi e mezzo di consumo energetico. Il nuovo fornitore di energia non ha nemmeno fornito una ragione per il suo aumento del 1.200 percento dei prezzi dell’energia.

A peggiorare le cose per Vatter, il panificio è considerato un “artigianato” ai sensi del diritto commerciale, il che significa che non può ricevere alcun sostegno dal governo anche se negli ultimi anni ha pagato 19,9 milioni di euro (19,53 milioni di dollari) di tasse. Al contrario, i panifici industriali che producono pane a buon mercato possono beneficiare di aiuti da Berlino.

Fondata nel 1955, la catena di prodotti da forno Vatter conta 35 negozi e 430 dipendenti nello stato della Bassa Sassonia. Sebbene l’azienda abbia superato ogni crisi sin dalla sua fondazione, le cose non sono mai andate così male come ora.

Vatter non è solo nella sua situazione. Peter Hemmerle, proprietario della panetteria Heinz Hemmerle a Muelheim, ha affermato di aspettarsi che la bolletta elettrica annuale della sua azienda quadruplichi a 1,2 milioni di euro (1,18 milioni di dollari). Il panificio utilizza l’elettricità per far funzionare le sue impastatrici e le sue celle frigorifere.

Daniel Schneider, capo dell’associazione tedesca dei prodotti da forno, ha dichiarato: “Nel settore della panificazione, molte aziende sono in acqua fino al collo, non sanno più come sostenere i costi”.

Brighteon.TV

Di conseguenza, centinaia di proprietari di panetterie sono scesi in piazza il 14 settembre. Hanno protestato nel centro di Hannover, la capitale della Bassa Sassonia, per attirare l’attenzione sul peggioramento della loro situazione.

Berlino promette di affrontare l’aumento vertiginoso dei prezzi dell’energia

Persone in tutto il continente avevano pubblicato foto virali di bollette energetiche assurdamente alte nelle ultime settimane. Ciò ha spinto Berlino ad annunciare un pacchetto di aiuti da 65 miliardi di euro (63,80 miliardi di dollari) per attutire cittadini e imprese dai costi energetici alle stelle. Questa proposta, approvata dalla coalizione tripartita di governo tedesca, ha portato i sussidi energetici totali dall’inizio della guerra Russia-Ucraina a quasi 100 miliardi di euro (98,15 miliardi di dollari).

Tra le misure ci sono pagamenti una tantum a milioni di pensionati vulnerabili e piani per utilizzare i profitti imprevisti delle aziende energetiche. Ciò significa che ci sarà una nazionalizzazione strisciante del settore energetico.

Pochi giorni dopo l’annuncio del pacchetto di aiuti, il ministro dell’Economia Robert Habeck ha promesso di aiutare le piccole e medie imprese in un discorso a Berlino, affermando che apriranno un “ampio ombrello di salvataggio” che consentirà alle piccole e medie imprese di rifugiarsi. Habeck – che è anche vice cancelliere tedesco e ministro del clima – ha accusato la scarsa leadership, lo stato delle infrastrutture del paese e la sua eccessiva dipendenza dall’energia russa.

Secondo Habeck, il gas naturale liquefatto (GNL) potrebbe essere la chiave per risolvere la crisi energetica della Germania. Ma con i problemi infrastrutturali e la mancanza di carburante sul mercato aperto, sono ancora prevedibili problemi significativi. (Correlati: la carenza di gas naturale sta peggiorando in Europa e scatenerà una crisi alimentare nei prossimi mesi: rapporto.)

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump lo ha messo in guardia quattro anni fa.

“La Germania diventerà totalmente dipendente dall’energia russa se non cambierà immediatamente rotta”, ha affermato in un discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 2018. “Fare affidamento su un unico fornitore estero può rendere una nazione vulnerabile a estorsioni e intimidazioni”.

Visitare PowerGrid.news per ulteriori aggiornamenti sulla crisi energetica in corso in Europa.

Guarda il video qui sotto per ulteriori informazioni sulla crisi energetica fuori controllo in Europa.

Questo video è del Canale Puretrauma357 attivo Brighteon.com.

Altre storie correlate:

La russa Gazprom ha ridotto del 60% i flussi di gas naturale verso la Germania: l’Europa occidentale sta per ricevere l’incubo di “energia verde” che ha sempre desiderato.

INSANELY VULNERABLE: Se la Russia interromperà la fornitura di uranio arricchito alle compagnie elettriche statunitensi, i reattori nucleari americani chiuderanno entro un anno.

Lo stoccaggio di gas in Germania raggiunge minimi record poiché la Russia interrompe le spedizioni di fertilizzanti e il continente europeo vacilla per gli elevati costi di riscaldamento.

Le fonti includono:

ZeroHedge.com

AA.com.TR

DailyFetched.com

Brighteon.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche