0 5 minuti 1 settimana

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici


Immagine: i prezzi delle case sono scesi a un ritmo record a giugno a causa dell'aumento dell'inflazione e dei tassi sui mutui

(Natural News) I prezzi delle case si stanno raffreddando negli Stati Uniti grazie a un forte calo della domanda immobiliare a giugno, stimolato dall’aumento dell’inflazione e dai tassi sui mutui.

Sebbene i prezzi delle case rimangano più alti rispetto a un anno fa, i guadagni sono rallentati al ritmo più veloce visto da quando questo parametro è stato registrato per la prima volta negli anni ’70. Il continuo squilibrio tra domanda e offerta, con il persistere della grave carenza del mercato immobiliare, ha aiutato i rialzi dei prezzi a rimanere forti.

Mortgage News Daily ha riferito che il tasso medio su un mutuo a tasso fisso di 30 anni è salito al di sopra del 6% a giugno. Sebbene da allora sia sceso nella fascia inferiore del 5 per cento, è ancora molto più alto dei tassi nella fascia del 3 per cento osservati all’inizio dell’anno.

Il presidente di Black Knight Data & Analytics, Ben Graboske, ha spiegato: “Il rallentamento è stato generalizzato tra i primi 50 mercati a livello metropolitano, con alcune aree che hanno subito un raffreddamento ancora più pronunciato. In effetti, il 25% dei principali mercati statunitensi ha visto la crescita rallentare di tre punti percentuali a giugno, con quattro punti in decelerazione di quattro o più punti solo in quel mese”.

Tuttavia, ha aggiunto che il mercato dovrebbe sperimentare altri sei mesi di questo tipo di decelerazione prima che la crescita dei prezzi possa tornare alle sue medie di lungo periodo. Ci vogliono circa cinque mesi, ha osservato, perché l’impatto dei tassi di interesse si realizzi completamente sui prezzi delle case.

Forte calo dei prezzi a San Jose, Seattle e San Francisco

I cali più bruschi sono stati osservati nei mercati che in precedenza detenevano i prezzi più alti del paese. Ad esempio, il valore medio di una casa a San Jose, in California, è sceso del 5,1% negli ultimi due mesi, che è stato il calo più grande visto in uno dei principali mercati e ammontava a una riduzione del prezzo di $ 75.000.

Brighteon.TV

A Seattle, nel frattempo, i prezzi sono diminuiti del 3,8 per cento negli ultimi due mesi per una riduzione di $ 30.000. A completare i primi cinque mercati con le maggiori riduzioni di prezzo c’erano San Francisco (in calo del 2,8%, o $ 35.000), San Diego (in calo del 2%, o $ 19.500) e Denver (in calo dell’1,4%, o $ 8.700).

Rifornimento di abitazioni che tornano ai livelli pre-pandemia in alcune zone

Allo stesso tempo, l’offerta di case in vendita è aumentata del 22 per cento negli ultimi due mesi. Sebbene si tratti di un aumento significativo, è comunque inferiore del 54% rispetto ai livelli disponibili dal 2017 al 2019.

San Francisco è la prima area metropolitana i cui livelli di inventario sono tornati ai valori pre-pandemia a seguito di una carenza di scorte del 32% all’inizio dell’anno. Nel frattempo, San Jose era solo dell’1% in meno rispetto ai suoi livelli normali dopo aver iniziato il 2022 con un deficit del 50%. Anche Las Vegas e Seattle si stanno avvicinando ai livelli di inventario pre-pandemia, mentre Austin e Phoenix hanno visto il disavanzo dei livelli di inventario ridotto della metà negli ultimi due mesi.

L’inventario complessivo della nazione è passato da 1,7 mesi di fornitura all’inizio dell’anno a 2,6 mesi a giugno, ma per creare un mercato equilibrato è necessario un inventario di almeno sei mesi di fornitura.

Secondo Graboske, avremmo bisogno di più di un anno di questi aumenti da record per vedere i livelli di inventario normalizzarsi. Attualmente c’è una carenza nazionale superiore a 700.000 annunci.

Vale la pena notare, tuttavia, che l’impatto di questi cali di prezzo non sarà sentito così profondamente dal proprietario medio di una casa come durante la Grande Recessione. Questo perché i proprietari di case di oggi stanno godendo di un capitale di gran lunga maggiore grazie ad anni di costante apprezzamento dei prezzi e di sottoscrizioni ristrette. Tuttavia, i prezzi elevati e l’aumento dell’inflazione stanno rendendo difficile per molte persone l’acquisto di una casa.

Le fonti per questo articolo includono:

CNBC.com

Money.Yahoo.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche