0 12 minuti 2 settimane

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici

Cosa abbiamo imparato dall’odiare i non vaccinati

Di Susan Dunham

Il campo di battaglia è ancora caldo, dopo la guerra del Canada ai non vaccinati. I mandati si sono allentati ed entrambe le parti inciampano di nuovo in qualcosa che assomiglia alla vecchia normalità, tranne per il fatto che c’è un infortunio nuovo e presente fatto alle persone che abbiamo cercato di rompere. E nessuno ne vuole parlare.

Solo poche settimane fa, l’obiettivo riconosciuto dei nostri leader era quello di rendere la vita invivibile ai non vaccinati. E come collettivo deputato, abbiamo moltiplicato con la forza quel dolore, portando la lotta nelle nostre famiglie, nelle nostre amicizie e nei nostri luoghi di lavoro. Oggi affrontiamo la dura verità che nulla di tutto ciò era giustificato e, così facendo, scopriamo una lezione preziosa.

È stato un rapido passaggio dalla rettitudine alla crudeltà e, per quanto possiamo incolpare i nostri leader per la spinta, siamo responsabili di essere caduti nella trappola nonostante un migliore giudizio.

Sapevamo che l’immunità in declino metteva un gran numero di vaccinati alla pari con la minoranza sempre più piccola di non vaccinati, ma li abbiamo contrassegnati per una persecuzione speciale. Abbiamo detto che non avevano “fatto la cosa giusta” consegnando i loro corpi all’assistenza statale, anche se sapevamo che l’opposizione di principio a una cosa del genere non ha prezzo in ogni circostanza. E ci lasciamo davvero credere che entrare in un altro blocco inefficace sarebbe colpa loro, non colpa della politica tossica.

E così è stato grazie all’ostinata ignoranza della scienza, dell’educazione civica e della politica che abbiamo spremuto i non vaccinati nella misura in cui lo abbiamo fatto.

Abbiamo inventato una nuova rubrica per il buon cittadino e, non essendolo noi stessi, ci siamo divertiti a prendere come capro espiatorio chiunque non fosse all’altezza. Dopo mesi di blocchi ingegnerizzati, avere qualcuno da incolpare e da bruciare è stato semplicemente bello.

Quindi non possiamo tenere la testa alta, come se credessimo di avere la logica, l’amore o la verità dalla nostra parte mentre auguravamo ferocemente la morte ai non vaccinati. Il meglio che possiamo fare è sederci nella consapevolezza della nostra rabbiosa disumanità per aver messo da parte così tanti.

La maggior parte di noi che ha messo alla berlina i non conformi l’ha fatto perché sembrava una vittoria certa, come se i non vaccinati non sarebbero mai sopravvissuti ininterrottamente. In effetti, la nuova normalità promessa sembrava imbattibile, quindi ci siamo schierati con essa e abbiamo creato sacchi da boxe con le resistenze.

Ma scommettere contro di loro è stato un feroce imbarazzo per molti di noi che ora hanno appreso che i mandati avevano solo il potere che davamo loro. Non è stato attraverso una silenziosa obbedienza che abbiamo evitato il dominio infinito delle aziende farmaceutiche e dei checkpoint medici a ogni porta. È stato grazie alle persone che abbiamo cercato di abbattere.

Quindi, per quelli di noi che non sono tra i pochi senza speranza che pregano per la restituzione dei mandati, potremmo trovare una gratitudine interiore per i non vaccinati. Abbiamo abboccato odiandoli, ma la loro perseveranza ci ha fatto guadagnare il tempo di vedere che ci sbagliavamo.

Sembra che in questo momento i mandati torneranno, ma questa volta c’è la speranza che più di noi li vedano per quello che sono: un crescente autoritarismo che non ha alcuna preoccupazione per il nostro benessere. Se c’è un nemico, è il gioco di fiducia del potere statale e il trasparente tentativo di dividerci. Ascoltando che sembra la nostra migliore possibilità di redenzione.


I non vaccinati saranno vendicati

Chiaro discorso di Jomo Thomas

Ventisette mesi dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato che il mondo era attanagliato da una “mortale” pandemia di Covid, le opinioni e le opinioni variano su chi avesse ragione o torto e se la scienza sia stata sacrificata nella ricerca di inquinare la mente delle persone, e piegare la propria volontà per motivi diversi dalla salute e dalla sicurezza della popolazione mondiale.

Abbiamo ampiamente citato un articolo scritto da Susan Dunham, una giornalista australiana vaccinata la cui opinione è degna di considerazione.

“Se il Covid fosse un campo di battaglia, sarebbe ancora caldo con i corpi dei non vaccinati”.

Per fortuna i mandati stanno finendo ed entrambe le parti della guerra tornano alla nuova normalità.

I non vaccinati sono gli eroi degli ultimi due anni in quanto hanno permesso a tutti noi di avere un gruppo di controllo nel grande esperimento, ed evidenziare la carenza dei vaccini Covid.

I non vaccinati portano molte cicatrici e ferite in battaglia poiché sono le persone che abbiamo cercato di spezzare mentalmente, ma nessuno vuole parlare di ciò che abbiamo fatto loro e di ciò che hanno costretto “The Science” a svelare.

Sapevamo che l’immunità in declino dei completamente vaccinati aveva lo stesso profilo di rischio di altri all’interno della società, come la minoranza dei non vaccinati; eppure li abbiamo contrassegnati per una persecuzione speciale.

Abbiamo detto che non avevano ‘fatto la cosa giusta per il bene superiore’ consegnando i loro corpi e l’autonomia medica allo Stato.

Molti dei cosiddetti esperti di salute e leader politici hanno ammesso che l’obiettivo era quello di rendere la vita quasi invivibile per i non vaccinati, che è stata moltiplicata molte volte dalla folla collettiva, con la lotta diffusa nei luoghi di lavoro, nelle amicizie e nelle riunioni di famiglia.

Oggi, la dura verità è che nulla di tutto ciò era giustificato poiché siamo passati rapidamente dalla rettitudine alla crudeltà assoluta.
Potremmo incolpare i nostri leader e gli esperti di salute per la spinta, ma ogni individuo all’interno della società deve essere ritenuto responsabile per essere caduto nella trappola ben strutturata.

Lo abbiamo fatto pur sapendo benissimo che l’opposizione di principio non ha prezzo quando si tratta di ciò che entra nei nostri corpi, e ci siamo lasciati indurre con l’inganno a credere che entrare in un altro blocco inefficace sarebbe colpa dei non vaccinati e non colpa dei tossici politica dei vaccini inefficaci.

Ci siamo divertiti a fare da capro espiatorio ai non vaccinati perché dopo mesi di lockdown architettati da leader politici accecati dal potere, avere qualcuno da incolpare e da bruciare sul rogo, si sentiva bene.

Credevamo di avere la logica, l’amore e la verità dalla nostra parte, quindi era facile augurare la morte ai non vaccinati.

Quelli di noi che hanno ridicolizzato e deriso i non conformi lo hanno fatto perché eravamo imbarazzati dal loro coraggio e dai loro principi e non pensavamo che i non vaccinati sarebbero sopravvissuti ininterrottamente, e abbiamo trasformato le resistenze in sacchi da boxe.

{Fauci, Rachelle Walensky, Biden, l’Ayatollah dei Caraibi Gonsalves, lo sputo non vaccinato Camillo Gonsalves, Gaston Browne, Stop Jack assing yoself Keith Rowley} e l’altro cast in ruoli importanti devono essere ritenuti responsabili per aver diffamato i non vaccinati in pubblico e aver alimentato la rabbia sociale mob mediatici.

La folla, i nazisti mascherati e i discepoli del vaccino sono stati imbarazzati dallo “scommettere contro” i non vaccinati perché i mandati avevano solo il potere che gli davamo.

Non è stata la conformità che ha posto fine al dominio delle grandi aziende farmaceutiche, di Bill Gates e delle sue numerose organizzazioni e del World Economic Forum… È stato GRAZIE alle persone che abbiamo cercato di mettere in imbarazzo, ridicolizzare, deridere e demolire.

Dovremmo tutti cercare di trovare un po’ di gratitudine interiore per i non vaccinati mentre abbiamo abboccato odiandoli perché la loro perseveranza e il loro coraggio ci hanno dato il tempo di vedere che ci sbagliavamo.

Quindi, se mai dovessero tornare i mandati per Covid o qualsiasi altra malattia o virus, si spera che molti di noi saranno svegli e vedranno il crescente autoritarismo che non si preoccupa del nostro benessere e riguarda più il potere e il controllo.
La guerra ai non vaccinati è andata perduta e dovremmo esserne tutti molto grati.

Susan Dunham ha affrontato la situazione dal punto di vista di coloro che si sono innamorati del comando ipnotico di disprezzare chiunque – amici e familiari compresi – si sia rifiutato di acquistare la narrativa ufficiale sugli scatti del covid.
Sorprendentemente, anche ora, con tutto ciò che sappiamo sui jab, la guerra contro i non vaccinati continua, e mentre la compassione sta lentamente tornando, l’ignoranza delle basi è ancora abbondante.

Di recente, l’editorialista del Los Angeles Times Michael Hiltzik ha detto alla CNN, “molti di loro hanno promosso politiche sconsiderate e pericolose e hanno portato con sé persone innocenti. Ognuna di quelle morti è un momento insegnabile; sfortunatamente, non abbiamo imparato le lezioni… Come dovremmo reagire alla morte degli unvaxxati? Un segno distintivo del pensiero civile è che tutta la vita è preziosa. Tuttavia, coloro che hanno deliberatamente ignorato i consigli medici rifiutando un vaccino noto per ridurre il rischio di gravi malattie dovute al virus, compreso il rischio per gli altri, e finiscono in un ospedale o nella tomba possono essere visti come se ricevessero i loro giusti meriti.’

Miltzik non ha ancora vissuto il momento di lucidità vissuto da Dunham. Invece, insiste: “Deridere l’anti-vaxxer è macabro ma necessario”.

Alcuni come Dunham riconoscono l’errore nel loro modo di pensare e chiedono un cambiamento. Altri, come Hiltzik, hanno subito il lavaggio del cervello da fearporn. Non possono collegare i punti e vedere che un vaccino che non previene l’infezione o la diffusione non può mai proteggere gli altri.

Quindi, coloro che ottengono il jab non hanno alcun vantaggio rispetto a coloro che non lo fanno. Entrambi rappresentano lo stesso rischio per gli altri. E, se entrambi rappresentano lo stesso rischio, perché prendere di mira uno per insulto e non l’altro. È al di là dell’irrazionale, ma tale è la mente di coloro che sono sotto l’incantesimo ipnotico. Sono incapaci nel peggiore dei modi, incapaci di vedere la realtà.

Un numero sufficiente di persone imparerà la lezione di umiltà sottolineata da Dunham? Hanno riconosciuto abbastanza l’errore dei loro modi o cadranno di nuovo nella stessa trappola? Solo il tempo lo dirà. Ma ricorda questo; prima sono venuti per i vaccinati. Potresti essere il prossimo.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche