0 7 minuti 3 giorni


L’IRS Criminal Investigations ha sequestrato 3,4 miliardi di dollari in bitcoin rubati da The Silk Road da un uomo di nome Zhong, che sembra aver scoperto una debolezza in quel mercato del dark web che nel 2012 gli ha permesso di prelevare in qualche modo più monete dai conti che ha fatto lì che aveva piazzato.

I federali sequestrano 3,4 miliardi di dollari in Bitcoin rubati da Silk Road 1

La Via della Seta, un leggendario mercato della droga sul dark web, doveva essere un’economia malavita anarchica e non regolamentata. Invece, si è rivelato essere il regalo dell’IRS che continua a dare anni dopo che è stato messo offline.

Un georgiano di nome James Zhong ha ammesso di essere colpevole di frode telematica lunedì, nove anni dopo aver rubato più di 50.000 bitcoin dalla Via della Seta, secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Zhong ha rinunciato a quell’enorme quantità di bitcoin al DOJ come parte del suo patteggiamento; al momento del sequestro delle monete alla fine del 2021, questo importo sarebbe stato il più grande sequestro mai effettuato di qualsiasi tipo di valuta da parte del Dipartimento di Giustizia. Alla fine, i bitcoin sono stati scoperti sepolti in un barattolo di popcorn su quello che i documenti del tribunale definiscono un “computer a scheda singola”, insieme a più di $ 600.000 in contanti e metalli preziosi, tutti custoditi in una cassaforte nascosta sotto le assi del pavimento di Zhong ripostiglio bagno.

Il recente caso rappresenta l’ennesimo traguardo per IRS Criminal Investigations, o IRS-CI, che negli ultimi anni ha utilizzato tecniche di tracciamento di criptovalute che hanno portato a ritrovamenti da record di bitcoin ottenuti illegalmente e ai presunti hacker e riciclatori di denaro che hanno accumulato loro. Lavora spesso in collaborazione con la società di analisi blockchain Chainalysis. In effetti, Zhong è il secondo hacker di Silk Road a consegnare una scorta di monete da un miliardo di dollari all’IRS-CI; il primo, una persona senza nome, ha accettato l’anno prima di rinunciare a quasi 70.000 bitcoin che aveva rubato dal mercato della droga: una collezione di monete da record, ancora più grande, che era valutata a $ 1 miliardo al momento dei tassi di cambio Bitcoin più bassi. Il caso IRS-CI contro due presunti riciclatori di denaro a New York, accusati di aver rubato 4,5 miliardi di dollari in criptovalute dall’exchange Bitfinex, ha infranto entrambe le pietre miliari all’inizio di quest’anno.

“Grazie al tracciamento delle criptovalute all’avanguardia e al buon lavoro di polizia vecchio stile, le forze dell’ordine hanno individuato e recuperato questo impressionante deposito di proventi del crimine”, ha scritto il procuratore degli Stati Uniti Damian Williams, procuratore del distretto meridionale di New York, in una dichiarazione sull’ultimo atto d’accusa e sequestro a 10 cifre. “Questo caso dimostra che non smetteremo di seguire i soldi, non importa quanto sapientemente nascosti, anche fino a un circuito stampato sul fondo di una scatola di popcorn.”

I federali sequestrano 3,4 miliardi di dollari in Bitcoin rubati da Silk Road 2
La cassaforte nascosta dove gli investigatori hanno trovato una scatola di popcorn contenente un dispositivo di archiviazione con i 3,36 miliardi di dollari di Zhong in Bitcoin.

Zhong sembra aver scoperto una debolezza in quel mercato del dark web che nel 2012 gli ha permesso di prelevare in qualche modo più monete dai conti che ha fatto lì di quante ne avesse depositate, secondo un affidavit dell’IRS-CI che documenta il suo furto degli oltre 50.000 bitcoin dalla Via della Seta. L’affidavit descrive in dettaglio come si è registrato per una serie di account sul sito Web con nomi come “thetormentor” e “dubba”, ha effettuato un deposito di monete nel portafoglio Bitcoin di ciascun account e poi ha ritirato ripetutamente l’intero importo detenuto lì in un solo secondo moltiplicare il suo denaro per un certo numero di volte. Secondo quanto riferito, questo ha sfruttato un bug di Silk Road che consentiva quei prelievi rapidi senza prima verificare che i fondi richiesti fossero ancora presenti nell’account di un utente. In questo modo, [Zhong]utilizzando ciascuno degli account fraudolenti, ha spostato almeno circa 50.000 Bitcoin da Silk Road in pochi giorni”, si legge nell’affidavit, firmato dall’agente speciale dell’IRS-CI Trevor McAleenan.

Zhong sembra aver mantenuto quell’enorme guadagno inaspettato quasi del tutto intatto nei nove anni che seguirono, forse per paura che trasformarlo in valute tradizionali potesse attirare l’attenzione delle forze dell’ordine. Anche se gli agenti dell’IRS-CI sono stati in grado di collegare i soldi di Zhong ai suoi conti su uno scambio di criptovaluta sconosciuto, che ha permesso loro di apprendere la sua identità, sembra che anche tale eroica moderazione sia stata vana. La situazione di Zhong è abbastanza simile a quella del precedente hacker di Silk Road, noto solo come Individuo X nei documenti del tribunale, che ha utilizzato una vulnerabilità simile per rubare circa 70.000 bitcoin dal sito Web e conservarli per più di sette anni. Tuttavia, nessuna accusa contro l’individuo X è stata resa pubblica, presumibilmente a causa della natura imprevedibile delle discussioni su grandi asset bitcoin. Zhong, al contrario, sta attualmente rischiando fino a 20 anni di carcere dopo essere stato giudicato colpevole di frode telematica.

Ross Ulbricht, il creatore del sito, è stato arrestato dopo che la Via della Seta è stata chiusa da un’importante operazione delle forze dell’ordine alla fine del 2013. Ulbricht è stato condannato all’ergastolo e condannato a pagare 183 milioni di dollari di risarcimento. Tuttavia, in un’altra insolita svolta degli eventi, il debito di Ulbricht è stato completamente estinto in cambio del suo accordo a non reclamare nessuno dei restanti 70.000 bitcoin che erano stati sequestrati dalla Via della Seta dall’individuo X.

Può sembrare strano che qualcuno abbia pagato l’inventore della restituzione della Via della Seta con bitcoin prelevati da quel sito. Tuttavia, sembra che ce ne sia abbastanza per andare in giro in un momento in cui i sequestri di criptovaluta IRS-CI portano regolarmente miliardi di dollari per il Tesoro degli Stati Uniti.

GreatGameIndia è attivamente preso di mira da potenti forze che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo il pagamento volontario per i contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web tramite UPI, PayPal e Bitcoin.

Sostieni GreatGameIndia



Source link

Lascia un commento

Leggi anche