0 6 minuti 1 settimana

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici



I teschi del Bolshoi Tyakh sono conservati in un piccolo museo nella città di Kamennomostsky nella Repubblica di Adygea, in Russia.

Nel gennaio 2016, una storia su due teschi molto strani trovati nel Regione montuosa caucasica della Russia sono stati trovati dove i ricercatori avevano precedentemente trovato oggetti nazisti dall’occupazione nazista di quella provincia durante la seconda guerra mondiale.

I teschi si trovano in un piccolo museo nella città di Kamennomostsky (Каменномостский) nella Repubblica di Adygea, che è un soggetto federale della Russia e si trova vicino al Mar Nero.

La città si trova a poche decine di chilometri dalla città di Maikop (Майкоп). Il museo di questa città si chiama Belovode (&Беловодье) e Vladimir Malikov è il proprietario di questo incredibile museo.

Il Museo Belovode è un’attrazione turistica che ospita tutti i tipi di oggetti trovati nella regione. Ha una vasta collezione di fossili, ossa di dinosauro e tutti i tipi di altri manufatti.

Ha anche manufatti dell’occupazione nazista di questa regione. Questi oggetti nazisti sono stati tutti trovati in buone condizioni, portando a supporre che Malikov abbia trovato un tesoro ben conservato.

Vladimir Malikov ha detto che alcuni anni fa gli speleologi hanno trovato due teschi insoliti in una grotta sul monte Bolshoi Tyakh (Большой Тхач), che si trova a circa 50 miglia a sud-est di Kamennomostsky – il villaggio che molti turisti attraversano per raggiungere le montagne del Caucaso per ottenere .

Uno dei due teschi è molto insolito. Malikov afferma che la presenza del foro nella parte inferiore del cranio dove si attacca la colonna vertebrale dimostra che questa creatura camminava eretta su due gambe.

È anche molto insolito che il cranio non abbia una volta cranica come negli esseri umani. Inoltre non ha mascelle. L’intera testa è un solido guscio osseo.

Le grandi orbite si gonfiano all’indietro e poi abbiamo estensioni a forma di corno.

Ha inviato foto ai paleontologi ma non sono stati in grado di spiegarlo correttamente. Secondo le fonti, alcuni ricercatori avevano eseguito una serie di test su uno dei teschi (Cranio 1) e avevano scoperto che aveva almeno 4.000 anni.

A parte queste informazioni di base e alcune foto scattate dai visitatori del museo, non ci sono altri dettagli su questi due stranissimi teschi.

Tuttavia, Vladimir Malikov ha permesso ai visitatori di fotografare i teschi da tutte le angolazioni e sono abbastanza sicuri che siano veri teschi.

In questo caso, la cosa notevole è che i due teschi sono così strani e insoliti che possiamo escludere qualsiasi origine umana o addirittura ominide.

Potremmo chiamarli umanoidi, ma sono molto diversi da un normale teschio umano.

Nell’immagine di copertina si possono vedere i due teschi esposti nel museo. Il cranio superiore nella prima immagine ha attirato la maggior parte dell’attenzione, ma anche il cranio inferiore è molto diverso da un normale cranio umano.

Vista frontale del cranio 1: gli occhi sono in avanti, suggerendo una natura predatoria. L’orbita dell’occhio è allungata e non rotonda come negli esseri umani. Il suo bordo non è liscio ma ondulato.

Soprattutto la parte superiore del cerchio orbitale ha un bordo a dente di sega. Le narici sono molto piccole quadrate. In un cranio umano, le narici sono più grandi e triangolari.

I due fori sottostanti, su ciascun lato, hanno un canale che corre verso l’alto e di lato. Sono queste vie aeree extra o luoghi in cui è stato attaccato un muscolo forte?

Vista laterale del cranio 1: la faccia va dritta verso il basso e si curva all’indietro nella parte inferiore. Nota la cucitura. Non c’è mascella inferiore come negli esseri umani. L’intera testa è costituita da placche craniche fuse insieme alle cuciture.

Vista posteriore del teschio 1: da questa angolazione sembra il teschio di a erbivoro animale.

Vista dal basso del teschio 1: la faccia del teschio è sul tavolo. Le orbite si trovano nella parte inferiore dell’immagine. Puoi vedere l’apertura della “bocca” nella foto sopra. Guarda le strane rientranze a sinistra ea destra sopra i buchi.

The Skull 2: Gli occhi sono in avanti, suggerendo che anche questo è un predatore. Questo cranio ha anche due estensioni laterali, ma più in alto rispetto al cranio 1.

Le parti superiori sono rotte. Le orbite sono più piccole che nel cranio 1, ma qui sono leggermente inclinate lateralmente verso l’alto. Questa creatura sembra avere un naso grosso.

Sebbene le narici siano ancora più piccole di quelle umane, le creste intorno a loro e lo spesso osso divisorio tra i due fori suggeriscono un naso spesso e carnoso. Anche le narici sono rettangolari. Potrebbe aver avuto una mascella inferiore rimovibile che è stata persa.

Cosa ne pensi, questi teschi sono il risultato di una deformità? O questa è davvero la prova di un altro essere e di una civiltà che non ha mai trovato posto nei nostri libri di storia convenzionali?



Source link

Lascia un commento

Leggi anche