0 8 minuti 6 giorni


dailyexpose.uk: i dati ufficiali rilasciati dall’Office for National Statistics mostrano che i decessi infantili sono aumentati in modo significativo rispetto alla media quinquennale dal lancio del vaccino mRNA Covid-19 di Pfizer.

Il 13 settembre 2021, il professor Chris Whitty, Chief Medical Officer per l’Inghilterra, ha scritto al governo del Regno Unito consigliando di offrire almeno una dose del vaccino Pfizer Covid-19 a tutti i bambini di età superiore ai 12 anni.

Lo ha fatto nonostante il fatto che il Comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione (JCVI) si sia opposto perché ha concluso che i benefici non superano necessariamente i rischi. La ragione di ciò è che il numero di bambini che si ammalano gravemente, figuriamoci muoiono, di Covid-19 è trascurabile e c’è la possibilità che i bambini sviluppino miocardite (infiammazione dei muscoli cardiaci) come effetto collaterale.

Per la prima volta nella storia, il governo del Regno Unito ha scelto di ignorare il consiglio del JCVI e di introdurre invece l’iniezione di Covid-19 con effetto immediato per tutti i bambini di età superiore ai 12 anni.

La seguente analisi dei dati dell’Ufficio per le statistiche nazionali (ONS) mostra le conseguenze di questa decisione finora …

L’ONS pubblica numeri settimanali sui decessi nel 2021, il qui e ha già pubblicato un set di dati sui decessi medi quinquennali per il 2015-2019, il qui si può accedere.

Abbiamo utilizzato i numeri di entrambi i set di dati per la nostra analisi. Entrambi possono essere scaricati in modo da poter verificare l’esattezza dei nostri numeri.

Il 13 settembre, giorno in cui Chris Whitty ha raccomandato al governo del Regno Unito di offrire il vaccino contro il Covid ai bambini, è caduto nella settimana 37 del 2021. Grazie ai piani che erano già stati attuati sotto la direzione del ministro della Salute Sajid Javid, il SSN ha potuto avviare vaccinare immediatamente i bambini. Abbiamo quindi analizzato tutti i decessi dalla settimana 38.

Il grafico seguente mostra il numero di decessi settimanali tra la settimana 38 e la settimana 45 per tutti i bambini di età compresa tra 10 e 14 anni in Inghilterra e Galles nel 2021 e la media quinquennale nel 2015-2019.

Il numero di decessi nei bambini di età compresa tra 10 e 14 anni è stato superiore alla media quinquennale in ogni singola settimana da quando è stata offerta loro un’iniezione di Covid-19, con l’eccezione della settimana 42. Il bilancio delle vittime più alto è stato registrato alla settimana 40, con 11 decessi rispetto ai 4 decessi nel set di dati medi di 5 anni. Ciò equivale a un aumento del 175% dei decessi alla sola settimana 40.

Il grafico seguente mostra il numero cumulativo di decessi a settimana tra la settimana 38 e la settimana 45 per tutti i bambini di età compresa tra 10 e 14 anni in Inghilterra e Galles nel 2021 e il set di dati mediano di 5 anni 2015-2019.

Tra la 38a e la 45a settimana del set di dati della media quinquennale, ci sono stati un totale di 41 decessi in bambini di età compresa tra 10 e 14 anni. Tuttavia, nello stesso periodo di quest’anno si sono verificati un totale di 59 decessi infantili. Si tratta di un aumento del 44% rispetto alla media quinquennale da quando è stata offerta loro un’iniezione di Covid-19.

Il grafico seguente mostra il numero di decessi settimanali tra la settimana 38 e la settimana 45 tra tutti i bambini maschi di età compresa tra 10 e 14 anni in Inghilterra e Galles nel 2021 e la media a 5 anni nel 2015-2019.

Il numero di decessi nei bambini maschi di età compresa tra 10 e 14 anni è stato superiore alla media quinquennale per ogni singola settimana a cui è stata offerta un’iniezione di Covid-19, ad eccezione delle settimane 42 e 43, dove era inferiore, e alla settimana 44 dove è rimasta lo stesso. Il numero più alto di decessi è stato registrato alla settimana 40, con 7 decessi rispetto a 2 decessi nella media di 5 anni. Ciò equivale a un aumento del 250% dei decessi alla sola settimana 40.

Il grafico seguente mostra il numero cumulativo di decessi settimanali tra la settimana 38 e la settimana 45 per tutti i bambini maschi di età compresa tra 10 e 14 anni in Inghilterra e Galles nel 2021 e il set di dati mediano di 5 anni 2015-2019.

Tra la 38a e la 45a settimana del set di dati sulla media quinquennale, ci sono stati un totale di 24 decessi in bambini maschi di età compresa tra 10 e 14 anni. Tuttavia, nello stesso periodo di quest’anno ci sono stati un totale di 34 decessi tra i bambini maschi. Si tratta di un aumento del 42% rispetto alla media quinquennale da quando è stata offerta loro un’iniezione di Covid-19.

Il grafico seguente mostra il numero di decessi settimanali tra la settimana 38 e la settimana 45 di tutte le bambine di età compresa tra 10 e 14 anni in Inghilterra e Galles nel 2021 e la media a 5 anni nel 2015-2019.

Il numero di decessi nelle bambine di età compresa tra 10 e 14 anni è stato superiore alla media quinquennale per ogni singola settimana in cui è stata offerta un’iniezione di Covid-19, ad eccezione della settimana 41 quando era inferiore e delle settimane 42 e 45 quando era lo stesso. Il numero più alto di decessi è stato registrato alla settimana 40, con 4 decessi rispetto ai 2 decessi nel set di dati mediano di 5 anni. Ciò equivale a un aumento del 100% dei decessi nella sola settimana 40.

Il grafico seguente mostra il numero cumulativo di decessi settimanali tra la settimana 38 e la settimana 45 per tutte le bambine di età compresa tra 10 e 14 anni in Inghilterra e Galles nel 2021 e la media quinquennale 2015-2019.

Tra la 38a e la 45a settimana del set di dati della media quinquennale, ci sono stati un totale di 17 decessi nelle bambine di età compresa tra 10 e 14 anni. Tuttavia, nello stesso periodo di quest’anno ci sono stati un totale di 25 decessi tra le bambine. Si tratta di un aumento del 47% rispetto alla media quinquennale da quando è stata offerta loro un’iniezione di Covid-19.

Questi numeri non sono astronomici, ovviamente, ma c’è una buona ragione per cui lo sono perché i bambini generalmente non muoiono. Tanto più preoccupante è il fatto che il numero di decessi nei bambini a cui è stata offerta un’iniezione di Covid-19 è aumentato in modo significativo.

La correlazione ovviamente non è sinonimo di causalità, ma sembra esserci una montagna di coincidenze associate ai vaccini Covid-19. È solo un’altra coincidenza o è colpa di queste iniezioni?

Quello che è certo è che le autorità del Regno Unito dovrebbero indagare con urgenza sul motivo per cui i decessi di bambini, maschi e femmine sono superiori del 44%, 42% e 47% alla media quinquennale da quando è stata loro somministrata un’iniezione di Covid-19.

Scopri tutto di te con il test del DNA più completo

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche