0 5 minuti 2 settimane



Immagine: i cosiddetti

(Natural News) L’affidavit del “primo giorno” di FTX è finalmente entrato nel registro (22-11068, US Bankruptcy Court for the District of Delaware), e ciò che rivela, tra le altre cose, è che il cosiddetto processo di “auditing” dietro lo scambio di criptovaluta fallito era gravemente carente nella migliore delle ipotesi.

Sarà un lungo processo arrivare al fondo di ciò che è accaduto, ma secondo il nuovo CEO e liquidatore della società John Ray III, che ha anche supervisionato lo scioglimento e la liquidazione di Enron, ciò che è già stato scoperto è semplicemente scioccante.

“Mai nella mia carriera ho visto un fallimento così completo dei controlli aziendali e una così completa assenza di informazioni finanziarie affidabili come si è verificato qui”, ha detto Ray.

“Dall’integrità dei sistemi compromessa e dalla supervisione normativa difettosa all’estero, alla concentrazione del controllo nelle mani di un gruppo molto ristretto di individui inesperti, non sofisticati e potenzialmente compromessi, questa situazione non ha precedenti”.

Finora, Ray è stato in grado di individuare solo “una frazione” delle risorse digitali del gruppo FTX che i liquidatori sperano di recuperare durante la procedura fallimentare del capitolo 11, che alla fine diventerà anche procedura fallimentare del capitolo 7.

Al momento della stesura di questo documento, solo $ 740 milioni di criptovaluta sono stati protetti in portafogli “freddi” offline dove sono protetti dagli hack. Questa è solo una piccola frazione degli oltre 50 miliardi di dollari di passività che la società ha rivelato nella sua dichiarazione di fallimento.

I rendiconti finanziari “controllati” di FTX non dovrebbero essere attendibili, afferma Ray

Sulla base di ciò che Ray ha detto di aver scoperto finora, molti dipendenti del gruppo FTX, inclusi alcuni dei suoi dirigenti senior, “non erano a conoscenza delle carenze o della potenziale commistione di risorse digitali”, anche se sappiamo che SBF lo sapeva.

Brighteon.TV

Oltre a ciò, Ray ha sottolineato che nessuno dei presunti rendiconti finanziari “controllati” di FTX dovrebbe essere attendibile perché tutti sono stati chiaramente manomessi, rendendoli falsi.

I liquidatori stanno lavorando per ricostruire i bilanci delle varie entità FTX che esistevano, e lo stanno facendo da zero, dicono.

Sappiamo che FTX “non ha mantenuto il controllo centralizzato dei suoi contanti” e non è nemmeno riuscito a mantenere un elenco accurato dei conti bancari e dei firmatari dei conti. Per quanto riguarda i partner bancari della società ormai defunta, è stata prestata pochissima attenzione – non abbastanza, ha detto Ray – alla loro solvibilità.

Non è chiaro quanti soldi avesse il gruppo FTX al momento in cui ha presentato istanza di fallimento. Tuttavia, finora sono stati identificati circa 560 milioni di dollari attribuibili a varie entità FTX.

I consulenti di ristrutturazione hanno già concluso che, nel complesso, FTX era un’impresa profondamente imperfetta, per dirla gentilmente. SBF in genere comunicava internamente utilizzando applicazioni che eliminano rapidamente i messaggi dopo che sono stati inviati e ha incoraggiato tutti i dipendenti a fare lo stesso.

I fondi aziendali sono stati utilizzati anche come un salvadanaio per acquistare case e altri oggetti personali per dipendenti e dirigenti aziendali. Era più o meno solo un’operazione di furto camuffata da legittimo business delle criptovalute.

“Alle Bahamas, so che i fondi aziendali del gruppo FTX sono stati utilizzati per acquistare case e altri oggetti personali per dipendenti e consulenti”, ha affermato Ray.

“Capisco che non sembra esserci documentazione per alcune di queste transazioni come prestiti e che alcuni beni immobili sono stati registrati a nome personale di questi dipendenti e consulenti nei registri delle Bahamas”.

FTX inoltre non disponeva di un’adeguata governance aziendale e non ha mai nemmeno tenuto riunioni del consiglio di amministrazione. Nell’approvare gli esborsi per la retribuzione dei dipendenti, le richieste sono state effettuate utilizzando le stesse app di chat con eliminazione automatica con i supervisori che hanno risposto con “emoji personalizzati”.

Le ultime notizie sull’implosione di FTX sono disponibili su CryptoCult.news.

Le fonti per questo articolo includono:

BKData.com

ZeroHedge.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche