0 6 minuti 2 mesi

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!


L’Unione economica eurasiatica (EAEU) sta accelerando la progettazione di un sistema di pagamento comune, che è stato discusso attentamente per quasi un anno con i cinesi sotto la guida di Sergey Glazyevministro dell’EAEU responsabile per l’Integrazione e la Macroeconomia.

I BRICS creano un nuovo sistema di pagamento per aggirare il dollaro

Attraverso il suo organismo di regolamentazione, la Commissione economica eurasiatica (CEE), la EAEU ha appena esteso una proposta molto seria alle nazioni BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) che, soprattutto, sono già sulla buona strada per trasformarsi in BRICS+: una sorta di G20 del Sud del mondo.

Il sistema includerà un’unica carta di pagamento – in diretta concorrenza con Visa e Mastercard – unendo la già esistente MIR russa, UnionPay cinese, RuPay indiana, Elo brasiliana e altre.

Ciò rappresenterà una sfida diretta al sistema monetario progettato (e imposto) dall’Occidente, a testa alta. E arriva sulla scia dei membri BRICS che stanno già effettuando il loro commercio bilaterale in valute locali e aggirando il dollaro USA.

Questa unione EAEU-BRICS era in preparazione da tempo e ora si muoverà anche verso la prefigurazione di un’ulteriore fusione geoeconomica con le nazioni membri della Shanghai Cooperation Organization (SCO).

L’EAEU è stata istituita nel 2015 come unione doganale di Russia, Kazakistan e Bielorussia, a cui si sono uniti un anno dopo Armenia e Kirghizistan. Il Vietnam è già un partner di libero scambio EAEU e anche l’Iran, recentemente membro della SCO, sta concludendo un accordo.

La EAEU è progettata per implementare la libera circolazione di beni, servizi, capitali e lavoratori tra i paesi membri. L’Ucraina sarebbe stata un membro EAEU se non fosse stato per il colpo di stato di Maidan nel 2014, ideato dall’amministrazione Barack Obama.

Vladimir Kovalyov, consigliere del presidente della Cee, ha riassunto il tutto al quotidiano russo Izvestia. L’obiettivo è creare un mercato finanziario congiunto e la priorità è sviluppare uno “spazio di scambio” comune: “Abbiamo compiuto progressi sostanziali e ora il lavoro si concentra su settori come le banche, le assicurazioni e il mercato azionario”.

Presto sarà istituito un nuovo organismo di regolamentazione per il proposto sistema finanziario congiunto EEU-BRICS.

Nel frattempo, la cooperazione commerciale ed economica tra EAEU e BRICS è aumentata di 1,5 volte solo nella prima metà del 2022.

La quota dei BRICS nel fatturato totale del commercio estero della EAEU ha raggiunto il 30 percento, ha rivelato Kovalyov al BRICS International Business Forum lo scorso lunedì a Mosca:

“È consigliabile combinare le potenzialità delle istituzioni di sviluppo macrofinanziario BRICS e EAEU, in particolare la BRICS New Development Bank, l’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB), nonché le istituzioni nazionali di sviluppo. Ciò consentirà di ottenere un effetto sinergico e garantire investimenti sincroni in infrastrutture sostenibili, produzione innovativa e fonti energetiche rinnovabili”.

Qui vediamo ancora una volta la crescente convergenza non solo dei BRICS e dell’EAEU, ma anche delle istituzioni finanziarie profondamente coinvolte nei progetti nell’ambito delle Nuove Vie della Seta guidate dalla Cina, o Belt and Road Initiative (BRI).

Fermare l’era del saccheggio

Come se tutto ciò non fosse abbastanza rivoluzionario, il presidente russo Vladimir Putin sta alzando la posta in gioco chiedendo un nuovo sistema di pagamento internazionale basato su blockchain e valute digitali.

Il progetto per un tale sistema è stato recentemente presentato al 1° Forum economico eurasiatico a Bishkek.

Al forum, l’EAEU ha approvato un progetto di accordo sul collocamento transfrontaliero e la circolazione di titoli negli Stati membri e ha modificato i regolamenti tecnici.

Il prossimo grande passo è organizzare l’agenda di una riunione cruciale del Consiglio economico supremo eurasiatico il 14 dicembre a Mosca. Putin ci sarà, di persona. E non c’è niente che gli piacerebbe di più che fare un annuncio rivoluzionario.

Tutte queste mosse acquistano ancora più importanza in quanto si collegano al commercio interconnesso e in rapida crescita tra Russia, Cina, India e Iran: dalla spinta della Russia a costruire nuovi gasdotti per servire il suo mercato cinese – a Russia, Kazakistan e Uzbekistan che discutono di un’unione del gas sia per le forniture domestiche che per le esportazioni, in particolare verso il principale cliente Cina.

Lentamente ma inesorabilmente, ciò che sta emergendo è il quadro generale di un mondo irrimediabilmente fratturato caratterizzato da un doppio sistema di commercio/circolazione: uno ruoterà attorno ai resti del sistema del dollaro, l’altro si sta costruendo incentrato sull’associazione di BRICS, EAEU, e SCO.

Spingendo ancora più avanti, la recente patetica metafora coniata da un pacchiano capo eurocrate: la “giungla” si sta staccando dal “giardino” con una vendetta. Possa la frattura persistere, poiché un nuovo sistema di pagamento internazionale – e quindi una nuova valuta – mirerà a fermare definitivamente l’era del saccheggio incentrata sull’occidente.

Pepe Escobar è editorialista di The Cradle, editor-at-large di Asia Times e analista geopolitico indipendente focalizzato sull’Eurasia. Dalla metà degli anni ’80 ha vissuto e lavorato come corrispondente estero a Londra, Parigi, Milano, Los Angeles, Singapore e Bangkok. È autore di innumerevoli libri; il suo ultimo è Raging Twenties. Questo articolo è stato originariamente pubblicato su La culla.

GreatGameIndia è attivamente preso di mira da potenti forze che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo il pagamento volontario per i contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web tramite UPI, PayPal e Bitcoin.

Sostieni GreatGameIndia



Source link

Lascia un commento

Leggi anche