0 6 minuti 2 settimane



Immagine: gli esperti mettono in dubbio gli effetti a lungo termine della chirurgia della mutilazione del seno sulla qualità della vita dei giovani transgender

(Natural News) Uno studio recente ha affermato che le ragazze che hanno subito amputazioni al seno o mastectomie durante la transizione verso i maschi hanno migliorato la loro qualità di vita. Ma gli esperti hanno fortemente criticato la ricerca, definendo non affidabile il periodo di follow-up utilizzato nello studio.

Condotto da ricercatori della Northwestern Medicine e pubblicato nel Giornale dell’Associazione medica americana, lo studio ha coinvolto due gruppi di pazienti di età compresa tra 13 e 24 anni, in cui a un gruppo è stato amputato il seno sano come procedura per la cura di affermazione del genere. L’altro gruppo non ha subito la mutilazione.

Il team ha riferito che il gruppo che aveva subito l’amputazione del seno soffriva di meno disforia toracica rispetto al gruppo di controllo che non lo aveva fatto. Hanno ricevuto questo feedback tre mesi dopo gli interventi chirurgici. “La chirurgia superiore è associata a una migliore disforia toracica, incongruenza di genere e soddisfazione dell’immagine corporea in questa fascia di età”, ha concluso lo studio.

Tuttavia, gli esperti di medicina di genere hanno messo in dubbio la ricerca perché tre mesi sono troppo pochi per valutare i reali effetti di questa procedura radicale su bambini e giovani adulti sani.

“Non credo che dovrebbe plasmare l’assistenza clinica perché tre mesi dopo un’operazione, le persone possono facilmente sentirsi felici perché le complicazioni non si sono ancora verificate”, ha detto Stella O’Malley, psicoterapeuta e fondatrice di Genspect Fox News.

“Quello che dobbiamo sapere è come si sentono dopo un anno, come si sentono dopo cinque anni e come si sentono dopo 10 anni. Quindi hai qualcosa di statisticamente significativo e hai alcuni dati seri su cui puoi effettivamente modellare la tua assistenza clinica “, ha aggiunto. “Il modello affermativo ha solo 10 anni, quindi non abbiamo dati a lungo termine. Non sappiamo quale sia l’impatto di una mastectomia su una quattordicenne. Non sappiamo come sono quando hanno 24 anni perché non ci sono dati da mostrarci”.

Brighteon.TV

Detransitioner adolescente si rammarica della doppia mastectomia, fa causa ai medici

Chloe Cole, un’ex detransitioner da femmina a maschio (FTM) di 18 anni, ha detto di essersi pentita di essersi amputata il seno un anno dopo aver subito una doppia mastectomia. Ora sta facendo causa ai suoi medici che affermano il genere per negligenza medica. (Correlato: la detransizionatrice Chloe Cole per citare in giudizio i medici che l’hanno costretta a sottoporsi a procedure di “affermazione del genere”.)

Secondo la sua intenzione di citare in giudizio, Cole ha subito un trattamento transgender dannoso tra i 13 e i 17 anni, il che costituisce una violazione dello standard di cura. Ha preso bloccanti della pubertà e un trattamento off-label con ormoni sessuali incrociati e ha subito una doppia mastectomia quando aveva solo 15 anni.

“Ero solo un ragazzino. Non avevo davvero le facoltà mentali o l’esperienza di vita per essere in grado di capire davvero cosa stavo facendo a me stesso. E non mi hanno nemmeno fornito un quadro completo di ciò che potrebbe accadermi “, ha detto Cole Fox News.

Secondo Cole, le è stata data l’impressione che sarebbe stata più felice passando e diventando se stessa. Ha ammesso di essere stata inizialmente felice dopo essersi tagliata il seno sano. Tuttavia, quando è arrivata alla fine del processo di transizione, ha scoperto che non era la soluzione che le era stata promessa.

“Non solo ho avuto alcuni problemi di salute mentale in comorbilità, ma ho anche iniziato a svilupparne alcuni nel corso della mia transizione. Dopo due anni di testosterone, mi è stata diagnosticata la depressione e l’ansia e ho lottato con l’ideazione suicidaria “, ha detto.

Ma se avesse partecipato allo studio di cui sopra, sarebbe stata considerata una delle storie di successo.

“Storicamente, quando le persone che hanno subito interventi chirurgici di affermazione del genere sono state intervistate, sono molto felici e sono pochissime quelle che se ne pentono. E questi sono generalmente studi con adulti “, ha affermato la psicologa californiana Dr. Erica Anderson, che ha anche lei stessa effettuato la transizione.

Ma la sua preoccupazione è che se i giovani non ricevono tutto il sostegno che idealmente dovrebbero avere e si affrettano a superare il processo, non elaborano queste decisioni che cambiano la vita in modo maturo e adeguatamente valutato.

Visita MedicalViolence.com per ulteriori notizie relative alla mutilazione infantile e ad altri trattamenti “di affermazione del genere”.

Guarda il video qui sotto in cui Cole ha condiviso come si è sottoposta all’intervento di riaffermazione del genere e come se ne è pentita dopo un anno.

Questo video è dal canale Liberty Station su Brighteon.com.

Altre storie correlate:

L’ex FTM Chloe Cole denuncia la transizione di genere con un discorso potente, dicendo “l’ha quasi uccisa”.

Biden vuole che i bambini americani abbiano accesso illimitato ai farmaci per la castrazione transgender e agli interventi chirurgici di mutilazione.

L’establishment medico statunitense spinge la mutilazione genitale e la castrazione chimica sui bambini mentre il Regno Unito lancia l’allarme.

Per l’Associated Press, la “mutilazione infantile” è ora “chirurgia di affermazione del genere”.

Le fonti includono:

ThePostMillenial.com

JAMANetwork.com

FoxNews.com

LifeSiteNews.com

LibertyCenter.org

Brighteon.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche