Gli americani si riversano sulle carte di credito mentre i prezzi aumentano


I prezzi si mantengono cresce più velocemente dei salari. I controlli di stimolo sono ormai lontani. I risparmi si stanno esaurendo. Come fa l’americano medio a sbarcare il lunario?

L’unica opzione è caricarlo.

Ed è esattamente quello che stanno facendo gli americani.

Il debito dei consumatori è aumentato al ritmo più veloce degli ultimi 20 anni a febbraio.

Il debito totale dei consumatori è aumentato di $ 41,8 miliardi dell’11,3% a febbraio, secondo gli ultimi dati della Federal Reserve. È stato un aumento dell’11,3% su base annua e il tasso di crescita più alto dal novembre 2001. Gli analisti avevano previsto un modesto guadagno di 15 miliardi di dollari.

Gli americani ora devono un totale di $ 4,48 trilioni di credito al consumo.

I dati sul debito dei consumatori della Federal Reserve includono il debito della carta di credito, i prestiti agli studenti e i prestiti automobilistici, ma non tengono conto del debito ipotecario. Quando includi i mutui, i consumatori statunitensi sono sepolti sotto oltre $ 15 trilioni di debiti.

Gli americani hanno caricato le loro carte di credito a un ritmo vertiginoso a febbraio. Il credito revolving, principalmente il debito delle carte di credito, è aumentato di un enorme 20,7%. I consumatori americani hanno aggiunto 18 miliardi di dollari alle fatture delle loro carte di credito solo nel mese di febbraio. Il debito delle carte di credito statunitensi ora supera i 1,06 trilioni di dollari.

Con l’aumento dei tassi di interesse, gli americani pagheranno presto di più in tasse di interesse ogni mese e molti vedranno aumentare i pagamenti minimi. Il pagamento annuale degli interessi sul debito statunitense è già avvenuto è aumentato di $ 16,4 miliardi in soli sei mesi.

Come Axios ha detto, “I pagamenti degli incentivi dell’era COVID alle famiglie americane sono un lontano ricordo, così come il cuscino di risparmio che hanno creato brevemente. E ricorda, questi dati sono arrivati prima il peggio dell’attuale aumento dei prezzi della benzina”.

Il credito non revolving, compresi i prestiti agli studenti e i prestiti automobilistici, è aumentato di $ 23,8 miliardi, con un aumento dell’8,4% su base annua. Gli americani ora hanno 3,4 trilioni di dollari di debito non rotativo. Un aumento dei prestiti agli studenti ha spinto il totale verso l’alto.

Gli americani, in generale, tenevano le carte di credito nei portafogli e pagavano i saldi al culmine della pandemia nel 2020. Questo è il comportamento tipico dei consumatori durante una recessione economica. I saldi delle carte di credito erano oltre $ 1 trilione quando è iniziata la pandemia. Sono scesi al di sotto di tale livello nel 2020. Abbiamo assistito a piccoli rialzi nei saldi delle carte di credito a febbraio e marzo dello scorso anno quando è iniziata la ripresa, con un forte calo ad aprile quando è stata lanciata un’altra tornata di controlli di stimolo. Ma gli americani hanno ricominciato a prendere in prestito sul serio a maggio. Da allora, abbiamo assistito a un costante aumento del debito dei consumatori culminato nell’impennata decennali di febbraio.

I funzionari della Federal Reserve affermano che saranno in grado di aumentare i tassi di interesse e inasprire la politica monetaria perché l’economia è forte. Ma i livelli crescenti del debito sembrano indicare che l’apparente forza economica è una cortina fumogena. L’esaurimento delle carte di credito non è un modello economico sostenibile. Gli americani possono sbarcare il lunario prendendo in prestito plastica per un po’, ma le carte di credito hanno dei limiti. E l’aumento del tasso di interesse spingerà i saldi verso quei limiti ancora più velocemente.

In poche parole, la Federal Reserve e il governo degli Stati Uniti hanno costruito una “ripresa economica” post-pandemia su stimoli e debito. Si basa sui consumatori che spendono denaro di stimolo preso in prestito e distribuito dal governo federale o gestiscono le proprie carte di credito.

E lo stimolo è sparito.

Come Peter Schiff ha sottolineato in un recente podcastl’economia non è più forte di quanto non fosse dopo la crisi del 2008 e la banca centrale è pronta a portare via proprio ciò che sostiene l’economia.

È solo una bolla più grande. Appare più forte solo alla Fed che non capisce che questa forza artificiale è puramente una funzione di tutta questa eroina monetaria che la Fed ha iniettato nell’economia. Ora stanno minacciando di rimuoverlo e pensano che in qualche modo l’economia rimarrà alta come un aquilone se toglieranno le droghe che sono la ragione per cui è alta. Non accadrà”.


TUTTE LE T-SHIRT INFOWARS SONO IN EDIZIONE LIMITATA!

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

VISITA ORA



Source link

Lascia un commento Annulla risposta