0 5 minuti 2 settimane


Una società senza contanti sarebbe l’unghia nella bara della libertà e della libertà, offrendo una centralizzazione che Marx poteva solo sognare. L’esistenza di una backdoor governativa o di uno spyware diventa una possibilità reale e, visti i precedenti dello Stato, una reale probabilità. Quindi, ovviamente, la possibilità di tracciare, bloccare e persino impostare date di scadenza sul denaro, saranno commercializzati come “caratteristiche” per proteggere il pubblico.

Fedcoin Si parte con un giro di prova

Per quanto riguarda i 5,9 milioni di americani considerati “non bancato”, cioè, coloro che non hanno conti correnti o di risparmio (i poveri, i deboli e i vulnerabili) possono aspettarsi che la vita diventi più difficile. Questo è il prezzo che paghiamo per l’intervento del libero mercato.

All’inizio della settimana, la Federal Reserve Bank di New York ha fatto il annuncio:

I membri della comunità bancaria degli Stati Uniti lanciano un proof of concept per una piattaforma regolamentata per la liquidazione di asset digitali

La spiegazione può avere senso solo per chi è esperto di tecnologia crittografica:

I membri della comunità bancaria statunitense hanno annunciato oggi il lancio di un progetto Proof of Concept (PoC) che esplorerà la fattibilità di una piattaforma di moneta digitale interoperabile nota come rete di responsabilità regolamentata (RLN). Utilizzando la tecnologia del registro distribuito, la piattaforma proposta creerebbe opportunità di innovazione per migliorare i regolamenti finanziari e includerebbe la partecipazione di banche centrali, banche commerciali di varie dimensioni e soggetti non bancari regolamentati.

Fondamentalmente, Fedcoin sta avanzando ed è ora in fase di test:

Il PoC di 12 settimane testerà una versione del design RLN che opera esclusivamente in dollari USA in cui le banche commerciali emettono denaro digitale simulato o “token” – che rappresentano i depositi dei propri clienti – e regolano attraverso riserve di banca centrale simulate su un multi -entity registro distribuito.

Alcuni dei più grandi istituti finanziari sono coinvolti in questo programma di 12 settimane:

BNY Mellon, Citi, HSBC, Mastercard, PNC Bank, TD Bank, Truist, US Bank e Wells Fargo.

Più:

La tecnologia è fornita da SETL con Digital Asset, alimentato da Amazon Web Services. Anche Swift, il fornitore globale di servizi di messaggistica finanziaria, partecipa all’iniziativa per supportare l’interoperabilità nell’ecosistema finanziario internazionale.

Da Bitcoin a Dogecoin, sembra che ci siano poche speranze a lungo termine per coloro che amano la privacy e l’autonomia quando le più grandi società e aziende fintech collaborano con la Federal Reserve per lanciare una Central Bank Digital Currency (CBDC).

Vuoi sapere chi altro lavorava con i federali? Cortesia Coindesk:

L’ex CEO di FTX Sam Bankman-Fried è stato, fino alla scorsa settimana, un importante donatore politico – ha donato 5,2 milioni di dollari alla campagna presidenziale del presidente degli Stati Uniti Joe Biden e ha speso altri 40 milioni di dollari a sostegno di candidati principalmente democratici in vista delle elezioni di metà mandato di novembre – e una figura influente in Washington.

Bankman-Fried incontrava regolarmente regolatori e legislatori, valutando come regolamentare l’industria delle criptovalute. Era un sostenitore vocale di un disegno di legge, in particolare: il bipartisan Digital Commodities Consumer Protection Act (DCCPA), un disegno di legge ancora in corso…

Sappiamo che alcuni CBDC stanno arrivando, così come una maggiore regolamentazione. E data la traiettoria di entrambi, lo è anche una società senza contanti. Ciò che è meno certo è se Sam Bankman-Fried, per la sua colpevolezza in quello che potrebbe equivalere a uno dei più grandi furti di tutti i tempi, andrà mai in prigione.

Robert Aro è un dottore commercialista (CPA, CA) di Toronto che scrive per il blog Mises Power and Market su questioni riguardanti la Federal Reserve e le banche centrali. Attualmente è iscritto alla scuola di specializzazione del Mises Institute, lavorando per il suo master in economia austriaca. Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Istituto Mises.

GreatGameIndia è attivamente preso di mira da potenti forze che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo il pagamento volontario per i contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web tramite UPI, PayPal e Bitcoin.

Sostieni GreatGameIndia



Source link

Lascia un commento

Leggi anche