0 3 minuti 2 mesi

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


Facebook ha nascosto post con il “#morto all’improvviso“hashtag perché afferma che alcuni di questi post violano i suoi standard comunitari di vasta portata. Quando gli utenti cercano questo hashtag, non vengono visualizzati risultati e Facebook mostra un messaggio in cui si afferma che i risultati sono nascosti.

Sebbene Facebook non specifichi quali regole presumibilmente violate da questi post, gli utenti di Twitter hanno utilizzato l’hashtag per condividere notizie su persone che sono morte improvvisamente. La maggior parte di questi post su Twitter rileva che coloro che sono morti sono stati completamente vaccinati per COVID-19 e alludono a una connessione tra i vaccini e la loro morte.

Se gli utenti di Facebook pubblicano contenuti simili con questo hashtag, è probabile che i post violino il divieto del gigante della tecnologia su un’ampia gamma di affermazioni sul vaccino COVID-19. Facebook vieta le affermazioni secondo cui “i vaccini sono tossici, pericolosi o causano autismo” e riduce la distribuzione di “storie scioccanti” sui vaccini. Uno degli esempi di una storia scioccante di Facebook è “Scoperta: guarda i 632 rapporti fatti di persone morte entro una settimana dall’assunzione del nuovo vaccino COVID-19”.

Il blocco di questo hashtag è l’ultimo di molti esempi di Facebook che censura contenuti critici o sollevano domande sui vaccini COVID-19. Durante la pandemia, Facebook ha anche censurato in massa contenuti anti-maschera, contenuti anti-blocco e contenuti che affermavano che il coronavirus proveniva da un laboratorio (una politica di censura che è stata improvvisamente revocata dopo che l’amministratore di Biden ha annunciato che avrebbe indagato sulle origini di COVID).

Non solo Facebook censura di massa i contenuti che vanno contro o mettono in discussione la guida del governo e la narrativa dei media legacy su COVID, ma ha anche collaborato con la CDC Foundation sostenuta da Pfizer per aumentare la “fatturazione del vaccino” e ha mantenuto uno stretto rapporto con le agenzie federali statunitensi sulla messaggistica COVID .

Il gigante della tecnologia ha precedentemente utilizzato il blocco degli hashtag per censurare molti altri argomenti tra cui “#buchamassacre” (un blocco che in seguito ha detto essere un errore), “#Revolution” (che è stato bloccato in un fine settimana del 4 luglio) e “#SaveTheChildren. “



Source link

Lascia un commento

Leggi anche