0 8 minuti 1 settimana

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici

Quando l’economia rallenta, inevitabilmente si verificano licenziamenti. Abbiamo assistito a questo su larga scala nel 2008 e nel 2009, e ora sta accadendo di nuovo. I numeri economici degli Stati Uniti stanno rapidamente peggiorando e le aziende di tutta l’America non vogliono essere beccate con buste paga gonfie mentre sprofondamo in una recessione. Come vedrai di seguito, molte delle aziende che licenziano i lavoratori sono nel settore immobiliare o nel settore tecnologico. Quelle sono due industrie che erano all’avanguardia dei “tempi del boom”, e ora sembra che saranno anche sull’orlo dell’emorragia con il crollo dell’economia.

È sempre una tragedia ogni volta che un americano che lavora sodo è costretto a lasciare il lavoro. Sfortunatamente, quello a cui stiamo assistendo in questo momento è solo l’inizio. Quello che segue è un elenco di 11 grandi aziende che hanno annunciato licenziamenti nelle ultime 2 settimane…

# 1 Ultratec Inc. afferma che licenzierà più di 600 lavoratori.

#2 Il produttore di camion elettrici Rivian licenzierà circa 840 lavoratori.

#3 7-Eleven ha annunciato che eliminerà 880 posti di lavoro nelle aziende.

#4 Shopify sta licenziando circa 1.000 persone.

#5 Vimeo afferma che eliminerà il 6% della sua attuale forza lavoro.

#6 Redfin ridurrà le dimensioni della sua forza lavoro dell’8%.

#7 Compass ridurrà le dimensioni della sua forza lavoro del 10%.

#8 RE/MAX ridurrà le dimensioni della sua forza lavoro del 17%.

#9 Robinhood ridurrà le dimensioni della sua forza lavoro del 23%.

# 10 È stato riferito che Ford “si prepara a tagliare fino a 8.000 posti di lavoro nelle prossime settimane”.

# 11 Geico ha chiuso tutti i suoi uffici nello stato della California, e ciò comporterà la perdita del lavoro di un gran numero di lavoratori…

Secondo quanto riferito, GEICO, una delle più grandi compagnie assicurative degli Stati Uniti, ha chiuso tutti i 38 uffici della California lunedì, provocando il licenziamento di centinaia di lavoratori.

Secondo la compagnia, GEICO non lascerebbe definitivamente e continuerà a offrire polizze direttamente online, con tutte le funzioni assicurative che continueranno normalmente. Non sarà però possibile acquistare direttamente tramite gli agenti per telefono.

“Continuiamo a scrivere polizze in California e rimaniamo disponibili attraverso i nostri canali diretti per gli oltre 2,18 milioni di clienti californiani attualmente assicurati con noi”, ha affermato GEICO in una dichiarazione lunedì.

Oltre a tutto il resto, Amazon ha annunciato di aver ridotto le dimensioni della sua forza lavoro di circa 100.000 dipendenti in un solo trimestre…

Con l’aumento dei timori di recessione – e l’inflazione, la guerra in Ucraina e la persistente pandemia che stanno prendendo il sopravvento – molte aziende tecnologiche stanno ripensando alle loro esigenze di personale, con alcune di loro che istituiscono blocchi delle assunzioni, revocano offerte e licenziamenti.

Amazon.com Inc. è stata una delle ultime aziende a discutere i suoi sforzi per stringere la cinghia questa settimana. Durante la chiamata sugli utili trimestrali di giovedì, il gigante dell’e-commerce ha affermato di aver aggiunto posti di lavoro al ritmo più lento dal 2019. Dopo aver fatto affidamento sull’abbandono per vagliare il proprio personale, Amazon ora ha circa 100.000 dipendenti in meno rispetto al trimestre precedente.

Potresti riempire due stadi di calcio molto grandi con 100.000 lavoratori.

Alla fine, questa ondata di perdita di posti di lavoro diventerà uno tsunami e milioni di americani scopriranno improvvisamente di non essere in grado di continuare a pagare le bollette.

Nel frattempo, anche il nostro nuovo crollo immobiliare sta iniziando a prendere velocità.

In effetti, abbiamo appena assistito a un picco assolutamente enorme nel numero di americani che cercano il termine “vendere la mia casa velocemente” su Google…

A poche ore dall’ultimo rapporto sul PIL di giovedì, che ha sollevato i timori che gli Stati Uniti potessero entrare in una recessione, il volume di ricerca online di “vendere la mia casa velocemente” ha raggiunto un enorme 2.750%.

Poco dopo che il Dipartimento del Commercio ha pubblicato il rapporto il 28 luglio, rivelando che l’economia ha mostrato una crescita negativa per il secondo trimestre consecutivo – in calo di un ritmo annuo dello 0,9% – i venditori di case che sperano che i prezzi delle case continuino ad aumentare sono ora preoccupati.

Proprio come nel 2008 e nel 2009, molti americani che hanno acquistato vicino al picco del mercato finiranno sott’acqua nelle loro case.

Non abbiamo imparato dalla storia, quindi ora lo stiamo ripetendo.

E le cose andranno sempre peggio per il mercato immobiliare poiché la Federal Reserve continua ad aumentare i tassi di interesse.

Ovviamente non saranno solo gli Stati Uniti a soffrire nei prossimi mesi.

L’intero pianeta sembra essere diretto a una grave recessione e una delle più grandi compagnie di navigazione del mondo ha appena confermato che l’attività economica globale sta davvero iniziando a rallentare…

Mercoledì AP Moller-Maersk ha previsto un rallentamento della domanda globale di container marittimi quest’anno a causa dell’indebolimento della fiducia dei consumatori e della congestione della catena di approvvigionamento.

La società danese di spedizioni e logistica, una delle più grandi e un ampio barometro del commercio globale, ha affermato di aver caricato il 7,4% di container in meno sulle navi nel secondo trimestre rispetto allo stesso periodo del 2021, spingendola a rivedere l’intero anno prospettive per la sua attività di container.

L’Europa viene colpita più duramente che altrove.

Molti dei numeri che escono dall’Europa sono sorprendentemente negativi, e ora grazie alla guerra in Ucraina si stanno preparando per un inverno estremamente freddo e amaro…

Il palazzo presidenziale tedesco a Berlino non è più illuminato di notte, la città di Hannover sta chiudendo l’acqua calda nelle docce delle sue piscine e palestre e i comuni di tutto il paese stanno preparando paradisi di riscaldamento per proteggere le persone dal freddo. E questo è solo l’inizio di una crisi che si diffonderà in tutta Europa.

Potrebbe essere ancora piena estate, ma la Germania ha poco tempo da perdere per evitare una carenza di energia questo inverno che sarebbe senza precedenti per una nazione sviluppata. Gran parte dell’Europa sta risentendo della pressione esercitata dalla Russia sulle forniture di gas naturale, ma nessun altro paese è esposto come la più grande economia della regione, dove quasi la metà delle case dipende dal combustibile per il riscaldamento.

Non abbiamo visto niente di simile in Europa dalla seconda guerra mondiale.

In Spagna, hanno già fatto ricorso a misure estreme mentre tentano disperatamente di risparmiare energia…

In risposta alla crisi energetica europea, la Spagna ha vietato in modo controverso che l’aria condizionata scenda al di sotto dei 27°C (80,6°F) in estate.

Il nuovo decreto del governo, che si applica a tutta una serie di edifici pubblici, negozi, hotel e altri luoghi, interromperà anche l’aumento del riscaldamento oltre i 19°C durante l’inverno.

“Le regole saranno obbligatorie in tutti gli edifici pubblici e commerciali, inclusi bar, cinema, teatri, aeroporti e stazioni ferroviarie”, riferisce EuroNews.

Sono sbalordito da molte delle cose che vedo nelle notizie ogni giorno.

E le cose peggioreranno solo con il passare del tempo.

Decenni di decisioni incredibilmente sciocche ci hanno portato a questo punto e invece di invertire la rotta i nostri leader continuano a portarci esattamente sulla stessa strada.

Quindi raccoglieremo ciò che abbiamo seminato e sembra che ci sia un’enorme quantità di dolore all’orizzonte.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche