0 9 minuti 2 settimane


Ted Snider

Per mesi gli Stati Uniti si sono rifiutati di tenere colloqui diplomatici con la Russia. Poi, il 6 novembre, si è improvvisamente saputo che il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan era “in contatto con Yuri Ushakov, consigliere per la politica estera di Putin” e con il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev.

Sullivan si è poi recato a Kiev per colloqui con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Durante quei colloqui, Sullivan “ha notato la necessità di una soluzione diplomatica alla guerra” e in privato ha esortato Zelensky a “segnalare la sua disponibilità a negoziare con la Russia e ad abbandonare il suo rifiuto pubblico di tenere colloqui di pace a meno che il presidente Vladimir Putin non venga rimosso”.

L’8 novembre, in un’improvvisa revoca del suo decreto che vietava i negoziati con Putin, Zelensky ha annunciato di essere aperto ai colloqui di pace con Putin. Zelenskyj ha esortato la comunità internazionale a “costringere la Russia a veri colloqui di pace”. Zelensky ha insistito sul fatto che le sue precondizioni per i colloqui erano “il ripristino dell’integrità territoriale[dell’Ucraina]… il risarcimento per tutti i danni di guerra, la punizione di tutti i criminali di guerra e la garanzia che nulla di simile accadrà di nuovo”.

Questi prerequisiti sono quasi impossibili. Ma con un altro improvviso cambio di tono, Washington ha iniziato a segnalare che “ritengono che Zelensky probabilmente sosterrebbe i negoziati e alla fine accetterebbe concessioni, come ha indicato all’inizio della guerra”. Credono che Kiev stia cercando di ottenere il maggior numero possibile di successi militari prima che arrivi l’inverno, quando potrebbe esserci una finestra per la diplomazia”.

Quindi, il 7 novembre, è trapelato come potrebbero essere questi “conquiste militari”. Secondo La Repubblica, “Stati Uniti e Nato ritengono che se Kyiv riprendesse Kherson, sarebbe possibile avviare colloqui di pace sull’Ucraina”. Washington ritiene che la riconquista di Kherson possa essere abbastanza strategicamente e diplomaticamente significativa “per condurre i negoziati da una posizione di forza”.

Che questa possa essere la “finestra per la diplomazia” è suggerito anche da un rapporto della NBC, in cui si afferma che “politici americani e occidentali” hanno affermato: “Se l’Ucraina vince a Kherson, potrebbe trasformare il governo Zelensky in un… portare migliori negoziazioni posizione”. Secondo La Repubblica, gli Stati Uniti non solo hanno discusso di questa possibilità con la NATO ei suoi alleati, ma anche “hanno iniettato questa idea nel regime di Kiev”.

Il 9 novembre si è saputo che la Russia si stava apparentemente ritirando dalla città di Cherson.

Tutti questi eventi sono accaduti in pochi giorni. Questa sequenza di eventi potrebbe essere il risultato di colloqui segreti? Se gli Stati Uniti avessero colloqui con la Russia, come durante la crisi dei missili cubani, vorrebbero mantenerli segreti. Nessuna delle due parti vuole che gli obiettivi promessi vengano abbandonati e nessuna delle due parti vuole che le concessioni siano viste come una debolezza. Gli Stati Uniti ei loro alleati non vogliono che l’Ucraina subisca pressioni diplomatiche, soprattutto quando ciò implica un accordo formale secondo cui il territorio controllato dalla Russia nell’Ucraina orientale diventerà territorio russo.

Sebbene la Russia si stia apparentemente preparando da settimane per un ritiro strategico da Kherson, avrebbe potuto sfruttare la situazione per adattarsi alla situazione diplomatica.

L’improvviso annuncio di Putin che non parteciperà al prossimo vertice del G-20 in Indonesia per distogliere la pressione e l’attenzione da un possibile incontro con Biden, e l’improvviso annuncio simultaneo che Biden è a margine del vertice con il partner strategico della Russia, i cinesi Il presidente Xi Jinping potrebbe anche indicare colloqui segreti dietro le quinte.

Zelensky potrebbe essere pronto per i colloqui se ottiene una vittoria a Kherson e la Russia è pronta a ritirarsi da Kherson per raggiungere i colloqui?

Alcuni analisti militari ritengono che l’Ucraina dovrà affrontare condizioni del terreno più difficili e maggiori sfide logistiche man mano che si sposta più a est, e che Kherson sia probabilmente l’ultimo territorio controllato dalla Russia che l’Ucraina possa riconquistare in qualunque momento presto.

È questo il momento in cui la guerra vacilla o la Russia decide di intensificare? Potrebbe essere che gli Stati Uniti stiano premendo per la diplomazia nel momento più opportuno prima di una massiccia spinta russa?

Putin potrebbe essere alla ricerca di un modo per restituire Kherson senza mantenere la sua promessa post-referendaria di non restituire i territori annessi, accontentandosi di negoziare il Donbass come voleva fin dall’inizio?

Che questa sorprendente catena di eventi suggerisca una diplomazia backdoor è pura speculazione. Anche se tutti gli eventi sono basati su fatti, probabilmente non sono collegati. Mi è stato detto che non vi è alcun riferimento a questo nei media russi.

Ma per la prima volta dall’inizio della guerra, tutti sembrano pronti a parlare. All’inizio della guerra, l’Ucraina e la Russia erano pronte per i colloqui, ma gli Stati Uniti e il Regno Unito lo hanno impedito. Gli Stati Uniti hanno chiuso tutte le linee di comunicazione con la Russia e Zelenskyj ha vietato i negoziati con la Russia fino a quando un nuovo presidente non siederà al Cremlino.

La pressione per avviare i negoziati sta crescendo. Ora ci sono molti nell’amministrazione Biden che vogliono negoziati su un cessate il fuoco. Il fatto che Sullivan sia “noto all’interno dell’amministrazione per aver spinto per le comunicazioni con la Russia anche quando altri alti responsabili delle decisioni ritengono che i colloqui non sarebbero fruttuosi nell’attuale ambiente diplomatico e militare” potrebbe spiegare perché lui e il ministro degli Esteri Antony Blinken non si sono recati a Mosca e Kiev, come ci si poteva aspettare.

Il Pentagono sembra spingere per i colloqui. Il 10 novembre il presidente del Joint Chiefs of Staff, il generale Mark Milley, ha dichiarato che il ritiro della Russia da Kherson, unito all’attuale situazione di stallo, “potrebbe fornire a entrambi i paesi l’opportunità di negoziare la pace”. “Se c’è un’opportunità di negoziare, se la pace può essere raggiunta”, ha detto Milley, “allora dovrebbe essere colta”.

Anche il Regno Unito ha recentemente dichiarato di essere “pronto ad aiutare” se “Ucraina e Russia cercano una soluzione alla guerra”. Anche Germania e Francia hanno esortato l’Ucraina a essere più flessibile e Zelensky ha revocato il divieto di parlare con Putin ed è aperto a “veri colloqui di pace”. Il 14 novembre, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha confermato che quel giorno si sono svolti colloqui tra Russia e Stati Uniti.

I partner BRICS di Putin sostengono i colloqui. Xi ha recentemente esortato l’Europa a facilitare i colloqui di pace. Il primo ministro indiano Narendra Modi ha dichiarato che l’India è pronta a mediare nello sforzo di pace. Il neoeletto presidente del Brasile Lula da Silva ha indicato la sua disponibilità a svolgere un ruolo nei negoziati.

La pressione e lo slancio per questi negoziati stanno aumentando. La solidità della coalizione occidentale si sta erodendo. Un inverno rigido è davanti all’Europa. La guerra sembra dirigersi verso un vicolo cieco. I timori del Pentagono che una spinta russa cruciale e rivoluzionaria potesse essere fatta su Odessa sono svaniti, almeno per ora, con la perdita di Kherson.

Il passo successivo è o una situazione di stallo prolungata o una devastante escalation russa. L’Ucraina è probabilmente nella posizione più forte sul campo di battaglia che può raggiungere nei negoziati. Gli Stati Uniti avevano segnalato che riconquistare Cherson potrebbe essere il momento. La Russia potrebbe essere pronta ad abbandonare Kherson senza infrangere la sua promessa e negoziare la fine della guerra con l’Ucraina al di fuori della NATO e del Donbass e della Crimea in Russia.

Se i colloqui segreti non sono già in corso, si spera che lo siano presto.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche