0 2 minuti 7 giorni


Le nuove regole sul contenimento della pandemia prevedono l’esibizione del Green Pass base per usufruire dei trasporti pubblici. È chiaro che, una volta imposta la regola, si debba prevedere anche un piano di controlli affinché la legge venga rispettata altrimenti il nuovo decreto sul cosiddetto Super Green Pass non ha alcun senso. Proprio sui controlli sarebbe nato uno scontro tra Mario Draghi e Luciana Lamorgese, con il Ministro dell’Interno che ha palesato le difficoltà ad impiegare uomini delle forze dell’ordine a effettuare i controlli a campione previsti.

Green Pass sui mezzi pubblici: controlli a campione e scontro Draghi – Lamorgese

D’altra parte una previsione del genere oltre a essere nell’aria era anche piuttosto dovuta: la credibilità delle istituzioni, in questo caso del Governo e sul tema pandemia, la priorità assoluta della nazione, si misura anche sulla repressione del non rispetto delle regole. Negli ultimi tempi sono emersi casi non sporadici di controlli assenti o superficiali dei gestori degli esercizi commerciali, dunque lo Stato doveva per forza intervenire.“Non siamo in grado di garantire al meglio in piano dei controlli, siamo in carenza di uomini e risorse”, queste le parole pronunciate da Lamorgese, cui ha risposto in modo deciso Draghi: “Non posso sentire un argomento del genere, perché è fondamentale aumentare i controlli. E spetta all’Interno garantirlo”. Questione messa immediatamente a tacere, quindi. La ministra dovrà friggere il pesce con l’acqua, come si dice a Napoli.

Scopri tutto di te con il test del DNA più completo

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche