0 8 minuti 2 mesi

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!


Uno studio condotto dagli scienziati dell’Università del Colorado conferma che la stragrande maggioranza dell’umanità non ha avuto assolutamente scelta se desidera ricevere o meno l’iniezione di Covid-19 perché i vaccinati hanno trasmesso gli anticorpi generati dalle iniezioni attraverso gli aerosol .

I risultati non dovrebbero tuttavia sorprendere perché un documento riservato della Pfizer aveva già confermato che l’esposizione alle iniezioni di mRNA era perfettamente possibile tramite contatto pelle a pelle e respirando la stessa aria di qualcuno a cui era stato somministrato il vaccino Covid-19.

Inoltre, sfortunatamente, aggiungono peso alle affermazioni fatte dal dottor Phillipe van Welbergen, che ha dimostrato che il grafene, un presunto ingrediente non divulgato delle iniezioni di Covid-19, viene trasmesso dai vaccinati ai non vaccinati e distrugge i globuli rossi e causando pericolosi coaguli di sangue.

Lo studio, intitolato “Evidenza del trasferimento di aerosol dell’immunità umorale specifica per SARS-CoV2”, e pubblicato il 1° maggio 2022, è stato condotto dai seguenti scienziati per l’Università del Colorado:

  • Ross M. Kedl, Elena Hsieh,
  • Thomas E. Morrison,
  • Gabriela Samayoa-Reyes,
  • Siobhan Flaherty,
  • Conner L.Jackson,
  • Rosmarino Rochford.

L’abstract dello studio recita quanto segue:

Nonostante l’ovvia conoscenza che le particelle infettive possono essere condivise attraverso la respirazione, se altri costituenti dei fluidi nasali/orali possano essere trasmessi tra gli ospiti, sorprendentemente non è mai stato nemmeno postulato, figuriamoci indagato.

Le circostanze dell’attuale pandemia hanno facilitato un’opportunità unica per esaminare a fondo questa idea provocatoria. I dati che mostriamo forniscono la prova di un nuovo meccanismo attraverso il quale può manifestarsi l’immunità di gregge, il trasferimento di aerosol di anticorpi tra ospiti immuni e non immuni.

E qui ci sono i principali risultati degli autori dello studio:

I mandati estesi per l’uso della maschera sia negli ambienti sociali che di lavoro hanno fornito un’opportunità unica per valutare la possibilità di scadenza degli anticorpi aerosol da individui vaccinati.

Utilizzando un test immunologico su microsfere multiple basato su citometria a flusso (MMIA) per rilevare gli anticorpi specifici per SARS-CoV-2 (Figura 1A e B) 4,5 e un metodo precedentemente utilizzato per eluire l’anticorpo da macchie di sangue essiccato reidratato (DBS), abbiamo identificato anticorpi specifici anti-SARS-CoV-2 eluiti da mascherine chirurgiche indossate da membri del laboratorio vaccinati donate alla fine di una giornata lavorativa.

Coerentemente con i risultati riportati da altri, abbiamo identificato sia IgG che IgA nella saliva di individui vaccinati (Figura 1C e D). Non è stato quindi sorprendente rilevare sia IgG che IgA dopo l’eluizione dell’anticorpo dalle maschere facciali (Figura 1C e D).

Alla luce di queste osservazioni, abbiamo ipotizzato che il trasferimento di anticorpi goccioline/aerosol potrebbe verificarsi tra individui, proprio come le particelle virali goccioline/aerosol possono essere scambiate per la stessa via.

Fonte

Ciò significa che lo spargimento del vaccino Covid-19 è perfettamente possibile se prendiamo in considerazione uno studio effettuato per conto di Pfizer in Giappone.

Il studia osservato la distribuzione dell’iniezione di Covid-19 nei corpi di Wister Rats per un periodo di 48 ore. Uno dei risultati più preoccupanti dello studio è il fatto che l’iniezione Pfizer si accumula nelle ovaie nel tempo. La più alta concentrazione è stata osservata nel fegato. Ma si accumula anche nelle ghiandole salivari sulla pelle.

Fonte

Non è noto se l’iniezione continui ad accumularsi dopo 48 ore a causa dell’interruzione delle osservazioni dopo questo periodo di tempo nello studio. Ma questi risultati, uniti al primo studio di cui sopra, ci dicono che per un minimo di 48 ore una persona non vaccinata rischia di essere esposta all’iniezione di Covid-19 se respira la stessa aria o tocca la pelle di una persona che ha stato vaccinato.

Ciò non dovrebbe tuttavia sorprendere perché Pfizer lo ha ammesso nella sua ‘UNO STUDIO DI FASE 1/2/3, CONTROLLATO CON PLACEBO, RANDOMIZZATO, OSSERVATORE-CIECO, PER VALUTARE LA SICUREZZA, LA TOLLERABILITÀ, L’IMMUNOGENICITÀ E L’EFFICACIA DEI CANDIDATI AL VACCINO SARS-COV-2 RNA CONTRO COVID-19 IN INDIVIDUI SANI documento.

Il documento contiene un’intera sezione che copre la possibilità di “spargimento del vaccino a mRNA” in cui è possibile che coloro che sono stati in prossimità di qualcuno che ha avuto il vaccino a mRNA della Pfizer subiscano una reazione avversa.

La sezione 8.3.5 del documento descrive come l’esposizione durante la gravidanza o l’allattamento al vaccino per mRNA di Pfizer durante gli studi deve essere segnalata a Pfizer Safety entro 24 ore dalla consapevolezza dello sperimentatore. Questo è strano perché le donne incinte/neo-mamme facevano e non fanno parte delle prove di sicurezza. Quindi come possono essere esposti?

Fonte

Bene, Pfizer conferma che l’esposizione durante la gravidanza può verificarsi se una donna viene trovata incinta ed è esposta al vaccino durante la gravidanza. Il documento afferma che l’esposizione ambientale durante la gravidanza può verificarsi se un membro femminile della famiglia o un operatore sanitario riferisce di essere incinta dopo essere stata esposta all’intervento dello studio per inalazione o contatto con la pelle. O se un membro maschio della famiglia di un operatore sanitario che è stato esposto all’intervento dello studio per inalazione o contatto con la pelle espone la sua compagna prima o intorno al momento del concepimento.

Fonte

In parole povere, Pfizer ammette in questo documento che è possibile esporre un altro essere umano al vaccino mRNA Covid semplicemente respirando la stessa aria o toccando la pelle della persona che è stata vaccinata.

Tutto ciò rende le scoperte del Dr. Philippe van Welbergen ancora più preoccupanti.

Dr. Philippe van Welbergen (“Dr. Philippe”), Direttore medico di Cliniche biomedicheè stato uno dei primi ad avvertire il pubblico dei danni causati al sangue delle persone dalle iniezioni di Covid rilasciando immagini l’anno scorso di campioni di sangue al microscopio.

In inizio luglio 2021Dr. Philippe, è stato intervistato e ha spiegato che quando i suoi pazienti hanno iniziato a lamentarsi di stanchezza cronica, vertigini, problemi di memoria, a volte anche paralisi e insorgenza tardiva di mestruazioni abbondanti (donne dai 60 anni in su), ha prelevato campioni di sangue.

Il loro sangue aveva insolite strutture tubolari, alcune particelle che si illuminavano e molte cellule danneggiate. Erano visibili poche cellule sane. Fino a tre mesi prima non aveva mai visto queste formazioni nel sangue.

Quindi, nel febbraio 2022, il dottor Philippe ha presentato le immagini dei suoi ultimi vetrini di sangue e ha spiegato cosa mostrano le immagini. Le sue diapositive mostrano che i pazienti senza vaccino sono stati “infettati” dalle tossine del vaccino attraverso lo spargimento, incluso quello che si dice sia grafene.

È possibile visualizzare una recensione completa delle sue diapositive qui. Ma ecco una breve clip della sua presentazione:

Ciò che il dottor Philippe van Welbergen ha dimostrato è che il grafene iniettato nelle persone si sta organizzando e crescendo in fibre e strutture più grandi, acquisendo proprietà magnetiche o una carica elettrica e le fibre mostrano indicazioni di strutture più complesse con striature.

Ha anche dimostrato che “frammenti” di grafene vengono trasmessi da persone “vaccinate” a persone non vaccinate o non vaccinate, distruggendo i loro globuli rossi e causando coaguli di sangue nei non vaccinati.

Sembrerebbe che non sia mai stato necessario sprecare una quantità esorbitante di denaro dei contribuenti in propaganda per costringere il pubblico a ricevere le iniezioni di Covid-19. Perché il contribuente non ha mai avuto scelta in materia. Tutto quello che dovevano fare era respirare.





Source link

Lascia un commento

Leggi anche