0 5 minuti 5 mesi


I lettori al di fuori dell’Australia potrebbero riconoscersi in questo racconto poichè l’istinto autoritario è stato risvegliato praticamente in tutto il mondo, tuttavia è davvero difficile identificare un’altra democrazia che abbia abbandonato i principi di libertà e sovranità individuale per perseguire la salute pubblica.

Gli australiani hanno passato gran parte della loro storia a combattere per la propria libertà all’estero ma mai in casa propria. Occupano uno dei due continenti che mai ha vissuto una guerra civile sul proprio suolo, l’altro è l’Antartide. La nozione illuministica del concetto di libertà è stata ben chiara e radicata fino dall’inizio dell’insediamento europeo e mai è stata contestata. Nel suo libro del 2013, How we invented freedom and why it matters, Daniel Hannan ha elogiato il fatto che  l’Australia fosse l’incarnazione della filosofia di Mill. Adesso dovrebbe rivedere la propria posizione o almeno rendere conto dell’esperimento autoritario durato due anni.

Se cerchiamo una spiegazione ai problemi attuali, possiamo trovarla nell’arrivo di una classe che D.H.Lawrence dichiarò mancante all’indomani della prima guerra mondiale, una classe dirigente che prende decisioni per il resto della popolazione. “In Australia nessuno governa e nessuno governa”, scrisse nel 1923. “L’istinto del luogo era assolutamente e categoricamente democratico. Il demos, il popolo, qui era il padrone in maniera indiscussa”. 

Tuttavia in occasione del Covid-19 una elite autoproclamatasi tale si è infiltrata nelle nostre vite private che un tempo consideravamo inviolabili. Queste elite hanno derubato il popolo australiano della sua dignità, negato il libero arbitrio e chiesto la completa obbedienza. Laddove avrebbero potuto attingere alle abbondanti riserve di buona volontà tipica degli australiani, hanno invece fatto ricorso alla pianificazione e alla coercizione centralizzate. In conseguenza a ciò, l’Australia si è avvicinata alla distopia da cui ci aveva messo in guardia Friedrich Hayek in Road to Serfdom (La via della Schiavitù).

L’ascesa di quella classe era nell’aria molto prima che arrivasse il covid-19. Abbiamo osservato questo gruppo di persone mostrare i propri muscoli per almeno tre decenni, se non di più, prendendo forza man mano che prendeva il controllo delle istituzioni e sviluppava modalità ingegnose per aggirare la democrazia, lo stato e la legge. Abbiamo visto queste elite che crescevano di potere basandolo sul consenso dei poveri mortali inferiori, con sicurezza crescente nei loro progetti. Il disprezzo per l’ordine liberale stabilito è cresciuto, e la loro fiducia di poterlo abbattere e creare qualcosa di meglio è divenuta sempre più ferma, nonostante il fallimento e il costo del loro fallimento.

Il modo con cui hanno acquisito potere durante la pandemia è stato delineato con precisione più di un quarto di secolo fa da Thomas Sowell nel suo capolavoro The Vision of the Anointed. Prima si afferma che vi sono grandi pericoli per l’umanità, poi si richiamano continue azioni affinchè tali pericoli si possano evitare. Il governo è chiamato a ridurre drasticamente i comportamenti pericolosi  dei molti, in risposta a quanto previsto dai pochi. Le argomentazioni contrarie sono respinte, perché considerate non informate, irresponsabili o motivate da scopi indegni.

Non posso offrire una spiegazione migliore per l’incredibile allontanamento dell’Australia dallo stato di equanimità che lo ha reso un paese così attraente dove trasferirmi quando sono emigrato dalla Gran Bretagna nel 1989. E mentre ho ancora fiducia nei pesi e contrappesi presenti in una sorta di democrazia liberale, al momento non si può più confidare in una crescita nel nome della libertà, della prosperità e della giustizia che un tempo sembravano parte naturale di questo paese straordinario, popolato da persone intraprendenti, fieramente egualitarie, attaccati all’idea che tutti ce la potessimo fare. In questi giorni quella espressione vernacolare di genialità, di attaccamento, e ottimismo semplice, della serie senza pensieri, esce meno dalle bocche degli australiani.

Comunica il Tuo Dissenso le T-Shirt Ribelli

Let's go Brandon Anti Biden Trump T-shirt

VISITA ORA



Source link

Lascia un commento

Leggi anche