0 3 minuti 2 settimane

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici

Metà del mondo è in modalità panico.

La ragione di ciò sono le sanzioni russe imposte dall’Occidente a causa della guerra in Ucraina. Tuttavia, questi stessi ora stanno portando a un rapido deficit di gas in Europa.

Ma è proprio così uno lato della medaglia.

L’altro, la drastica carenza di approvvigionamento di petrolio greggio.

Pertanto, a causa dell’incapacità politica, i paesi dipendenti dal gas e dal petrolio si stanno dirigendo dritti verso una catastrofe senza precedenti nel settore energetico!

Parole drammatiche che il principe Abdulaziz bin Salman, ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita, ha trovato il 10 maggio 2022 in una conferenza ad Abu Dhabi. “Non ho mai visto cose del genere”, ha confessato. “Il mondo ha bisogno di svegliarsi e vedere una realtà esistente. Il mondo sta perdendo sempre più capacità di energia a tutti i livelli”.

Il principe saudita si riferiva ai prezzi in forte aumento della benzina e del gasolio negli Stati Uniti, che all’epoca erano ai massimi storici.

Non era solo nella sua valutazione. “Abbiamo avvertito di un deficit di investimenti in passato e questo deficit di investimenti sta ora raggiungendo molti paesi”, ha affermato Suhail al Masrouei, ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti. Perché senza investimenti aggiuntivi e sostenuti a livello globale, i paesi produttori di petrolio presto non sarebbero più in grado di garantire ai propri clienti consegne sufficienti.

Questo a sua volta non significa altro che imminenti colli di bottiglia nell’offerta di petrolio greggio a causa dell’aumento della domanda.

E anche Mohammed Barkindo, il Segretario Generale della Chiesa, recentemente scomparso Organizzazione dei paesi esportatori di petroliobreve OPEC, ha avvertito di gravi distorsioni nel settore energetico dovute alla guerra in Ucraina. Ma anche per l’abbandono dei combustibili fossili avviato in molti paesi occidentali.

Letteralmente, Barkindo ha detto poco prima della sua morte: “La guerra in corso in Ucraina, una pandemia di COVID-19 che è ancora con noi e le pressioni inflazionistiche in tutto il mondo si sono combinate per creare una tempesta perfetta che colpisce i mercati delle materie prime in generale crea una volatilità e incertezza significative . Ma soprattutto nel mondo dell’energia».



Source link

Lascia un commento

Leggi anche