0 22 minuti 2 settimane


 

I cambiamenti necessari non arriveranno dall’interno, dai politici che cercano di cambiare le cose dall’interno dove tutti gli altri non sono riusciti a farlo prima. Credo che in questo momento i cambiamenti di cui abbiamo bisogno siano così grandi da richiedere una massiccia pressione dall’esterno, che si ottiene organizzandosi ai livelli più grossolani. Ed è quello che stiamo facendo!”.

Greta Thunberg (2 novembre 2022) [1]

Sono giunta alla conclusione di partire dal fatto che ci sono diverse “C” di crisi allo stesso tempo – Clima, CO2, Corona, Capitale – e altre ancora – che ci costringono a “unire i puntini” del “quadro generale”. Qual è la causa comune di tutte queste crisi? Sullo sfondo c’è la grande trasformazione della civiltà moderna che è necessaria per salvarla – dal punto di vista dei suoi inventori che vogliono evitare che fallisca”.

Dott.ssa Claudia von Werlhof

Mercoledì 16 novembre, decine di attivisti ambientalisti hanno inscenato manifestazioni all’interno della sede della 27a Conferenza delle Parti della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (COP27), che quest’anno si è tenuta a Sharm El Sheikh, in Egitto. [2]

Una di queste proteste ha coinvolto operatori medici provenienti da Paesi di tutto il mondo che hanno inscenato un “die-in”, cercando di praticare la rianimazione cardiopolmonare a un globo di gomma del pianeta e facendo scrivere in rosso le parole “1,5” e “sopravvivere” sui palmi delle mani opposte. 

Stavano cercando di comunicare l’impatto sulla salute del mancato raggiungimento degli obiettivi ambientali indicati nel precedente accordo firmato a Parigi. [3]

Questo coincide con altre strategie notevoli e innovative, tra cui gruppi che inscenano azioni di eco-vandalismo contro i dipinti nei musei per indurre le persone a dare priorità al destino del pianeta rispetto al nostro amore per le arti. Il gruppo Extinction Rebellion ha inscenato pacificamente dei sit-in in luoghi pubblici, compromettendo la possibilità di raggiungere il posto di lavoro o qualsiasi altro luogo finché non saranno affrontate le preoccupazioni delle generazioni future. [4][5]

Poiché la conferenza è stata rinviata di un altro giorno, si potrebbe avere l’impressione che i Davide del mondo stiano forzando le mani dei grandi Golia del Nord globale sviluppato, senza considerare le potenti fionde che i popoli uniti possono brandire. [6]

Non c’è potere come il potere del popolo e il potere del popolo non si fermerà!”.

La sfortunata realtà che sta dietro a queste proteste è che le stesse richieste che stanno facendo sono ben allineate con gli interessi delle élite! Questo principio è illustrato sul sito web Wrongkindofgreen.org, dove si legge che:

Gli articoli di questa sezione sono stati raccolti per mostrare la realtà vuota di gruppi come 350. org, WWF e Greenpeace, che sono gestiti dall’alto verso il basso e hanno una politica prioritaria: mantenere il sistema industriale in funzione a qualsiasi costo, anche se ciò significa salvare la reputazione di politici corrotti (ognuno di essi), invitare le multinazionali al gioco (e assicurarsi che l’acqua sia bella e calda), mentire al pubblico su quanto potere hanno (nessuno di essi in questo sistema) e ignorare il semplice fatto che la civiltà industriale è insostenibile e deve finire (la verità).” [7]

Alla luce di quanto detto, ci si potrebbe chiedere quali siano le intenzioni specifiche di questi raduni di leader mondiali in nome della “salvezza del pianeta” da un cambiamento climatico catastrofico. Questo sarà l’argomento di questa puntata di Global Research News Hour.

Nella prima mezz’ora, ci raggiunge il giornalista investigativo, attivista ambientale e autore Cory Morningstar, che discuterà alcuni degli obiettivi del vertice delle Nazioni Unite sul clima di quest’anno e le realtà della transizione economica che si sta ipotizzando per il miglioramento del pianeta. L’intervista è seguita dalla dott.ssa Claudia Von Werlhof, la quale si spinge oltre, affermando che la solida scienza che descrive il cambiamento climatico, provocato dall’aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera, si rivela una frode e che l’ingegneria militare, sotto forma di riscaldamento ionosferico e gestione delle radiazioni solari, è in definitiva il colpevole.

Estratto dell’intervista a Claudia von Werlhof

Claudia von Werlhof è professoressa emerita di Scienze politiche e Studi sulle donne presso l’Università di Innsbruck in Austria. È autrice di numerosi libri e si è impegnata a fondo per far sì che l’importante libro di Rosalie Bertell, Planet Earth: The Latest Weapon of War on Geoengineering di Rosalie Bertell sia nuovamente disponibile in tedesco, spagnolo, italiano, francese e inglese. Claudia è stata la fondatrice del Movimento Planetario per la Madre Terra (PMME) nel 2010. Recentemente ha curato e contribuito al libro Global War-ning: Geoengineering Is Wrecking Our Planet and Humanity  (GLOBAL WAR-NING! LA GEOINGEGNERIA STA DISTRUGGENDO IL NOSTRO PIANETA E L’UMANITÀ (E-BOOK GRATIS).

GR (GlobalResearch):  Claudia Von Werlhof è professoressa emerita di Scienze politiche e Studi sulle donne presso l’Università di Innsbruck in Austria. Claudia è stata la fondatrice del Movimento Planetario per la Madre Terra nel 2010 ed è ricercatrice associata del Centro di Ricerca sulla Globalizzazione. Prima di entrare nei dettagli, potrebbe fornirci le linee generali della sua tesi, perché è chiaro che non si tratta solo di un errore scientifico. C’è uno sforzo consapevole per ingannare il pubblico. A cosa serve questa distrazione consapevole e molto sofisticata?

Claudia von Werlhof (CVW):  Dal mio punto di vista, questa civiltà è arrivata a un bivio, perché il capitalismo sta trasformando la natura in capitale. E così, la natura se n’è andata, dopotutto. Questo problema non può essere risolto in tempi lunghi, perché la natura non funziona più e non si può più trasformare nulla. Quindi, questo è il caso che stiamo vivendo ora, e questa società deve trovare una soluzione. La soluzione non consiste in una soluzione rispettosa dell’uomo e della natura. Ma stanno cercando un modo per continuare con il loro modello senza doverlo abbandonare. Questo è il problema principale che abbiamo oggi. E credo che tutte le crisi in cui ci troviamo, dalla crisi della Corona alla crisi climatica e alla crisi del capitale, siano accomunate da una medesima strategia – o comunque stiano provocando una rispondenza dall’alto. Quindi, abbiamo studiato il problema anche negli anni precedenti, arrivando alla conclusione che solo un’economia e una società alternativa potrebbero risolvere il problema del capitalismo. E come lei ha già detto, il patriarcato, che è alla base di tutto. Ma invece di liberare le persone da questo orribile sistema, ora lo trasformano. È quello che chiamano “La Grande Trasformazione” e il cosiddetto “Nuovo Ordine Mondiale”, che è un sistema che verrà implementato dall’alto, come il ” Grande Reset”. È la formula del World Economic Forum. Il sistema deve essere resettato, il che significa che deve ricominciare da capo, ma mantenendo le sue caratteristiche principali. Questo significa che ciò che è necessario ora – vale a dire, non si deve andare avanti così.

Quindi, la prima cosa che vedo è che il sistema dovrà essere ridotto quantitativamente. Ciò significa – e questo è uno dei principali temi di propaganda dell’intera questione climatica mondiale – ridurre i consumi, ridurre la produzione e ridurre la popolazione. Quindi, questi saranno i cambiamenti quantitativi che ci aspettiamo. Dall’altro lato, ci sarà un cambiamento qualitativo, che è quello tecnologico. Ci sono molte nuove tecnologie sviluppate da un centinaio d’anni o nel corso del XX secolo, che verranno applicate ora, con la cosiddetta quarta rivoluzione industriale. Questo è un punto molto interessante, perché nella questione del clima, per esempio, questo sarà – giocherà un ruolo importante perché si suppone che le persone si identifichino e si integrino nei macchinari, nel sistema della mega-macchina, come viene chiamata. E questo sarà il secondo passo a cui si stanno avvicinando e che stanno preparando. Questo è il passo più interessante, oltre alla riduzione del sistema in quanto tale.

Quindi, credo che la questione del cambiamento climatico si avvicini a tutti i temi e le questioni dicendo che l’uomo è responsabile del problema climatico, perché consuma troppo e respira troppo, per così dire. E hanno scelto questa formula ideale della questione della CO2, il cosiddetto “killer del clima”, perché è applicabile a tutte queste questioni contemporaneamente.

Quindi, si può dire che tutti coloro che producono CO2 devono essere aboliti, per intenderci. Voglio dire, l’industria, la normale industria civile, basata sulla seconda rivoluzione industriale che utilizza tutti questi combustibili fossili, eccetera, vanno evitati perché devono essere ridotti. Penso che la riduzione dei consumi sia legata anche alla riduzione dell’energia, le normali energie che abbiamo avuto dalla seconda rivoluzione industriale sono il carbone, il gas e il petrolio, e più tardi l’energia nucleare che sarà mantenuta come una cosiddetta forma di energia rinnovabile, e questo non è vero. Non è vero nemmeno per le altre nuove energie rinnovabili, ma di questo possiamo parlare più avanti.

Ebbene, questo si basa sull’idea che la CO2 sia rilevante per il clima. E questa è una delle falsità che vengono propinate per realizzare questo programma, perché il clima, soprattutto il clima, non si può cambiare perché dipende dal sole e dal sistema solare. L’unica cosa che si può cambiare è il tempo, come le condizioni regionali e locali che si trovano sulla Terra. Ma lo chiamano cambiamento climatico perché altrimenti dovrebbero fare riferimento ai molti esperimenti e alle tecnologie già esistenti in relazione al controllo e alla modifica del tempo atmosferico e ad altre tecnologie che sono, ad esempio, spiegate dalle Nazioni Unite nella Convenzione ENMOD, che riguarda la Convenzione sulla Modificazione Ambientale del 1977, in cui tutti questi problemi sono già spiegati. È quindi molto strano che l’ONU, nella sua stessa conferenza, non faccia riferimento alle proprie conoscenze.

GR: La stragrande maggioranza degli scienziati del clima, che sono migliaia, afferma che l’aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera è il principale responsabile dei cambiamenti climatici a cui abbiamo assistito per decenni. Circa il 97,5%, secondo una stima che ho visto di recente. Lei ha scritto delle lettere a Greta Thunberg [SIC], credo, per spiegare come…

CVW: Greta Thunberg, sì. (GRETA E LA GRANDE CONFUSIONE, 2. LETTERA APERTA A GRETA THUNBERG)

GR: Sì, come si fosse sbagliata su ciò che affligge il pianeta. E non ha mai risposto, ma immagino che se potesse, direbbe che gli scienziati ci dicono che dobbiamo ridurre le emissioni di combustibili fossili. Si tratta sempre di ciò che dicono gli scienziati. Quindi, come può dire con tanta sicurezza che tutti questi scienziati…

CVW: No, ma…

GR: – si sbagliano?

CVW: Ma non è vero. Questo è ciò che dice l’IPCC, il Gruppo internazionale di esperti sul cambiamento climatico. È un’istituzione politica, non scientifica, ed esclude tutti i membri che non sono d’accordo con le conclusioni dell’IPCC, che sono proprio quelle che lei cita. Ma il resto della comunità scientifica, e c’è persino una lista di circa 30.000 scienziati che sostengono che la CO2 non costituirà mai una questione importante per il clima. Proprio nel clima, nemmeno nel meteo, perché la CO2 ha solo lo 0,04% di importanza nell’atmosfera. E l’80% è costituito da vapore. Quindi, il contributo umano alla CO2 è talmente minuscolo che non si vede nemmeno. Insomma, è davvero ridicolo usare la CO2 come killer del clima. Non è nemmeno un killer del meteo, per non parlare del clima. La comunità scientifica, quella veramente scientifica, è contraria all’idea della CO2. Sono solo le istituzioni politiche e le…

GR: – pensa che sia un messaggio falso rispetto alla verità.

CVW: Beh, sai, gli studi peer-reviewed, ormai non hanno più alcun valore. Per esempio, Marvin Herndon, uno degli scienziati di San Diego. Ha scritto un ampio saggio su questo tema, sulla corruzione delle scienze. E devo dire che, come scienziato politico e sociale, ho le mie esperienze. Voglio dire, per favore, non ditemi che la scienza sia scienza. Sarebbe bello se lo fosse, ma non è così.

Quindi, la corruzione è cresciuta sempre di più. E l’IPCC è un’istituzione che non ha nulla a che fare con la verità. Nulla. È un’istituzione politica e serve gli interessi che cercano di trasformare il mondo in un nuovo ordine mondiale totalmente diverso da quello che conosciamo ora. Sono tutti agenti di una rivoluzione dall’alto e che ora verrà smantellata.

Voglio dire, se verrà realizzata o smantellata è la questione che dobbiamo risolvere. È davvero ridicolo – intendo dire che ci sono molti premi Nobel che ridono di questa idea della CO2. È davvero strano come sia possibile. Ed è spiegabile solo con la corruzione, con una corruzione mondiale che ha permesso a questa tesi di diffondersi così tanto.

Quindi, credo che possiamo davvero considerarlo un fatto storico. Questo è ciò che ho imparato da Rosalie Bertell. Non dobbiamo semplicemente andare in giro senza sapere nulla, perché la geoingegneria, la geoingegneria militare, cioè non quella civile, ovvero – tutto questo fa parte di essa. Queste tecnologie sono state sviluppate da un centinaio di anni e stanno modificando il tempo – non il clima, questo non è modificabile – ma le condizioni atmosferiche in molte parti del mondo. E quello che vediamo ora, tutte queste catastrofi di inondazioni, di calura, eccetera, sono tutte – possono essere tutte prodotte. Esistono tecnologie per questo. Perfino nella Convenzione ENMOD delle Nazioni Unite si può trovare un elenco di ciò che possono produrre. Possono produrre terremoti ed eruzioni vulcaniche e possono addirittura modificare le correnti oceaniche; è possibile modificare la corrente a getto. Si possono avere tutte queste catastrofi che abbiamo ora sulla Terra quasi ogni…

CVW: Insomma, l’ONU sarebbe un’istituzione cospiratrice, perché nella Convenzione ENMOD, che è stata definita dopo la guerra del Vietnam, sono state presentate molte di queste tecnologie di modificazione ambientale, come venivano chiamate all’epoca, come l’Agente Arancio, eccetera. Quindi, dopo la guerra del Vietnam, le Nazioni Unite hanno stipulato questa convenzione per proibire qualsiasi uso ostile di queste tecnologie. Furono dichiarate esistenti – come tecnologie esistenti, quindi nel 1977. E oggi parliamo di una teoria della cospirazione – scusatemi.

Guardando i numerosi documenti, vediamo che si parte da un centinaio di anni fa con la produzione di pioggia e l’inseminazione delle nuvole, eccetera. Sono stati i primi tentativi. E poi c’è stato, soprattutto durante la Seconda Guerra Mondiale, il Progetto Manhattan e lo sviluppo della bomba atomica. Questa è stata utilizzata dopo la Seconda Guerra Mondiale fino alla fine degli anni ’90, l’industria atomica e le bombe atomiche, anche quelle all’idrogeno, sono state utilizzate per esplorare l’atmosfera fino alla Cintura di Van Allen, che fa parte del campo magnetico della Terra, che è stata in parte distrutta da quell’attacco e non si è più ripresa.

Bisogna considerare che nei 50 anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale sono state sganciate più di 2.000 bombe atomiche nell’atmosfera, sott’acqua e a terra. E questa è stata la prima fase, dopo la Seconda Guerra Mondiale, della vera geoingegneria, la geoingegneria militare. Quindi, non si può dire che questo non sia successo o che sia una teoria della cospirazione. Si trattava di una sperimentazione di base per capire cosa fosse l’atmosfera. Cioè, la stratosfera, la troposfera e la ionosfera. E ora ci sono queste tecnologie che attaccano direttamente la ionosfera.

Abbiamo visto i riscaldatori della ionosfera, come HAARP e simili, che oggi sono circa due o tre dozzine nel mondo. Sono gli strumenti più importanti per il cambiamento climatico o meteorologico, per così dire, nel mondo. E possono produrre tutti questi effetti, già spiegati nella Convenzione ENMOD. Il libro immediatamente successivo riguardava l’aeronautica militare degli Stati Uniti. Il titolo era “Owning the Weather in 2025” e “Weather as a Force Multiplier”. E siamo a questo punto, quindi tra due anni l’Esercito avrà il controllo del tempo in tutto il mondo. Insomma, non è una teoria della cospirazione, è reale. Solo che la gente non vede questo, non lo considera.

Pensano che non esista e che non si può – e anche quando si parla con ingegneri sociali o con persone che parlano di geoingegneria civile, che esiste ormai da una decina d’anni, dicono di non avere alcun rapporto con questo lato militare e con la storia e il background di questa tecnologia. Negano semplicemente la cosa, vedete. Questo non è scientifico. Scientificamente, bisogna prima guardare alle origini della propria scienza. E questo è ciò che negano. Ci dicono persino che la geoingegneria, quella che chiamano civile – la geoingegneria – salverà il pianeta, mentre invece lo sta distruggendo. Insomma, è proprio questa la cosa buffa, è tutto…

CVW: Come ha spiegato Rosalie Bertell, è tutto molto chiaro. Sparano – in realtà si tratta di miliardi di watt – le loro onde elettromagnetiche nella ionosfera, dove le riportano sulla Terra. E quando arrivano sulla Terra, si verificano terremoti, eruzioni vulcaniche, eccetera. Si tratta di forze distruttive di grande portata. Uno scienziato normale non si aspetterebbe mai – tutto questo è dovuto alle ricerche di Nikola Tesla, che non è mai stato – che non è stato nemmeno istruito all’università. Nikola Tesla ha inventato l’uso dell’elettromagnetismo sulla Terra e ha inventato tutte queste possibilità, che sono state brevettate. Ci sono chissà quanti brevetti, centinaia di brevetti statunitensi in cui viene spiegato l’uso di queste onde elettromagnetiche e del calore ionosferico, eccetera. Quindi…

GR: Ok. C’è qualcos’altro che vorrebbe dire o sottolineare sull’argomento prima di chiudere l’intervista?

CVW: Vediamo. Voglio dire, il metodo, come introducono tutte queste catastrofi che stiamo vivendo ora, è sempre dall’alto e sono tutte nuove tecnologie che la gente non conosce. Quindi, la gente è confusa, non sa come giudicare. E tutto questo è accompagnato da molta corruzione e da molte forzature. Si sa, girano molti soldi, eccetera. Quindi, l’intera scienza, il mondo accademico, è davvero ridotto in ginocchio.

Io stesso sono un accademico, quindi vedo questo intorno a me. È una tragedia, insomma, il come insegnare alle persone a guardare ciò che sta accadendo e a non credere alla propaganda e all’ideologia del nuovo ordine mondiale.

È così importante, perché anche quando guardiamo a quello che io chiamo patriarcato c’è quello che interessava anche a Rosalie, cioè che la parte patriarcale della società è quella che vuole trasformare la vita come nata dalle madri o da madre natura, in qualcosa che è inventato dagli uomini e inventato come una nuova creazione. E questo finisce nella tecnologia della macchina. La macchina dovrebbe essere la nuova vita e la vita migliore, al posto della vita reale o della vita naturale. E lo abbiamo ora con il transumanesimo, la nuova tecnologia che include o cerca di includere l’uomo in quanto tale dentro la macchina, che è anche il programma del WEF, il Forum Economico Mondiale.

Quindi, la gente dovrebbe sapere che questo macchinario sarà sempre di più un’arma. È la militarizzazione – come diceva Rosalie – del mondo, non solo della tecnologia ma di tutto ciò che accade. Anche il vaccino è diventato un’arma, con queste strane iniezioni nei casi che riguardano il Corvid. E lo stesso vale per la questione del clima per quanto riguarda la geoingegneria. Questa è un’arma, un’arma di distruzione di massa in tutti i sensi.

La gente non lo vede, perché pensa che la macchina sia il progresso e lo sviluppo, e che sia comunque meglio – quindi, viviamo sia con la macchina, sia senza – e che, addirittura, dobbiamo essere integrati nella macchina attraverso le nuove tecnologie del transumanesimo. Quindi…

Selezione del testo-estratto e traduzione a cura di NOGEOINGNERIA 

ARTICOLO INTEGRALE https://www.globalresearch.ca/what-a-scam-it-actually-is-assessing-cop27-and-modern-climate-activism/5799585

Se volete essere aggiornati sulle ultime novità, iscrivetevi al CANALE TELEGRAM https://t.me/NogeoingegneriaNews.

PIANETA TERRA – ARMA DA GUERRA

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte.
NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche