0 5 minuti 1 settimana

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici


Immagine: centinaia di membri della Guardia Costiera fanno causa al regime di Biden per i mandati del vaccino contro il covid

(Natural News) Più di 130 membri della Guardia Costiera degli Stati Uniti hanno citato in giudizio il regime di Biden per aver cercato di costringerli a farsi “vaccinare” per il coronavirus di Wuhan (Covid-19) contro le loro convinzioni religiose.

Depositata il 25 luglio presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale del Texas, divisione di Galveston, la causa sostiene che il mandato di jab del governo federale è incostituzionale.

Secondo Dale Saran, uno degli avvocati che rappresentano i membri del servizio, è probabile che il conteggio finale dei querelanti superi i 200. Gli imputati includono Alejandro Mayorkas, segretario del Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti (DHS); Linda L. Fagan, comandante della Guardia Costiera; Lloyd Austin, segretario del Dipartimento della Difesa statunitense (DOD); e la dott.ssa Janet Woodcock, commissario ad interim della Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

Tutti i querelanti sono membri in servizio o di riserva della Guardia Costiera e tutti “hanno sinceramente convinzioni religiose che vietano loro di ricevere il vaccino COVID-19”.

I rapporti indicano che i querelanti hanno presentato istanza di esenzione religiosa dal mandato, che è loro diritto, solo per essere negata dalla Guardia Costiera. Il mandato del 24 agosto 2021 del DOD afferma chiaramente che ci devono essere “richieste di alloggio medico, amministrativo e religioso (RAR) per il mandato”.

Due giorni dopo l’emanazione del mandato, vi si è aggiunta la Guardia Costiera, “incorporat[ing] le disposizioni del mandato del DOD”. (Correlato: i colpi di Covid stanno uccidendo le persone.)

“In pratica, vengono accolti solo i membri del servizio con motivi medici o amministrativi per un’esenzione dal mandato, e anche quelli con parsimonia, mentre i RAR sono universalmente negati a meno che il richiedente non sia idoneo alla separazione amministrativa, ovvero all’imminente uscita dal Servizio”, spiega la causa .

Brighteon.TV

Ciò “dimostra in modo conclusivo che i servizi armati hanno sistematicamente e intenzionalmente violato i diritti di libero esercizio dei membri del servizio ai sensi della RFRA [Religious Freedom Restoration Act] e il Primo Emendamento”.

La Guardia Costiera ha utilizzato il “linguaggio formulato” per negare le esenzioni con “lettere formali quasi identiche”

Il mandato del DOD afferma che qualsiasi membro del servizio che non prenderà i vaccini per l’influenza Fauci sarà separato involontariamente, che è ciò che i querelanti devono attualmente affrontare. Sono anche discriminati in base al loro stato di vaccinazione, che è illegale.

“A causa del loro stato di vaccinazione, i querelanti sono stati molestati, trattati in modo diverso rispetto ai loro coetanei, individuati pubblicamente dai loro leader, il loro normale congedo e la loro libertà sono stati limitati, sono stati rimossi da posizioni di alto livello/leader, gli è stata negata la promozione, hanno ricevuto disciplina ufficiale, sono stati esclusi dall’addestramento, viaggi, nuovi incarichi e ordini di cambio permanente di stazione (“PCS”) e devono affrontare l’imminente separazione involontaria, il tutto mentre hanno continuato a svolgere la missione insieme ai loro coetanei “vaccinati”, in molti casi, mentre i loro “vaccinati” “I coetanei si sono ammalati di COVID-19 in gran numero”, aggiunge la causa.

I ricorrenti affermano anche che ciascuno di loro ha ricevuto un’identica lettera di rigetto dalla Guardia Costiera usando “un linguaggio formulato”. Sembra che nessuno abbia nemmeno letto le richieste di esenzione e invece abbia semplicemente inviato lettere di brevetto a tutti i membri del servizio che ne hanno presentato uno.

Inoltre, nessuno dei 122 ricorrenti originali che hanno presentato istanza di esenzione ha ricevuto una risposta entro il termine di 30 giorni richiesto.

Più del 90 per cento dei querelanti ha comunque un’immunità naturale, non che questo dovrebbe essere un requisito per mantenere l’autonomia corporea, solo per essere chiari. Questo è solo un altro punto della causa sull’illegittimità del mandato del DOD per la Guardia Costiera.

La causa chiarisce anche che le iniezioni di mRNA (messenger RNA) di Pfizer-BioNTech e Moderna non sono, infatti, vaccini, ma piuttosto “trattamenti di terapia genica che non soddisfano nessuna delle definizioni legali e storiche per essere considerati “vaccini”. “

Altre notizie relative al vaccino per l’influenza Fauci possono essere trovate su Vaccines.news.

Le fonti per questo articolo includono:

TheEpochTimes.com

NaturalNews.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche