0 5 minuti 1 settimana



Poco dopo il governatore Greg Abbott emesso un ordine esecutivo vietando i mandati di vaccino da qualsiasi datore di lavoro, che a sua volta è stato seguito da diverse importanti società del Texas – come IBM, American Air, Southwest – dicendo che avrebbero snobbato l’EO e indietro Biden sui colpi, siamo arrivati ​​a un punto in cui alcuni datori di lavoro si schierano con il governatore, altri con il presidente, mentre i dipendenti non hanno idea di cosa devono fare (o non fare), mentre un altro gruppo di (ex) i dipendenti che sono stati licenziati per essersi rifiutati di rispettare i mandati stanno ora cercando di riprendersi il lavoro.

Come Media pubblici di Houston rapporti, più di 150 ex dipendenti dello Houston Methodist Hospital, che si sono dimessi o sono stati licenziati a giugno a causa di una politica di mandato vaccinale, chiederanno di essere riassunti dopo che il governatore Abbott ha emesso un ordine esecutivo lunedì che vieta a qualsiasi entità nello stato di attuare tali mandati , secondo un avvocato che rappresenta gli ex dipendenti.

L’avvocato Jared Woodfill, che rappresenta quasi 200 operatori sanitari in molteplici cause contro i metodisti, ha affermato che l’ordine esecutivo GA-40 rende illegale la politica dell’ospedale.

“Il governatore Abbott dice molto chiaramente, ‘mentre innumerevoli texani temono di perdere i loro mezzi di sussistenza perché si oppongono a ricevere una vaccinazione COVID-19 per motivi di coscienza personale'”, ha detto. “Questo vale per ogni querelante che rappresento e per ogni querelante che l’ospedale metodista ha ritenuto opportuno licenziare”.

Woodfill ha dichiarato di aver pianificato di inviare una richiesta formale all’ospedale martedì nel tentativo di reintegrare gli ex dipendenti.

Come abbiamo riportato all’epoca, Houston Methodist, che gestisce diversi ospedali nella zona e ha più di 25.000 dipendenti, è stato il primo ospedale del paese ad attuare un mandato di vaccinazione per i lavoratori ad aprile, scatenando una feroce battaglia legale tra centinaia di dipendenti e l’ospedale. A giugno, 178 dipendenti sono stati sospesi dopo aver rifiutato di ricevere un vaccino contro il COVID-19. Settimane dopo, 153 dipendenti o si è dimesso o è stato licenziato. Secondo i numeri dei metodisti, 25 hanno scelto di farsi vaccinare e tornare al lavoro.

In una dichiarazione, l’amministratore delegato metodista Marc Boom non ha toccato se gli ex dipendenti sarebbero stati o meno autorizzati a tornare, ma ha affermato di essere “profondamente deluso” per ordine di Abbott. Ha aggiunto che l’ordine non avrebbe avuto un impatto su Methodist da quando l’ospedale ha implementato il suo mandato di vaccinazione mesi fa.

Il sistema ospedaliero sta ancora rivedendo l’ordine di Abbott e le sue possibili implicazioni, ma poiché la sua stessa regola è entrata in vigore mesi fa, il 100% dei suoi dipendenti è conforme alla politica sui vaccini, secondo Boom.

“Stiamo esaminando l’ordine ora e le sue possibili implicazioni”, si legge nella dichiarazione.

“Ci aspettiamo che tutti i nostri dipendenti e medici siano vaccinati poiché dobbiamo continuare a fare tutto il possibile per mantenere tutti i nostri pazienti e gli altri il più al sicuro possibile fino alla fine di questa pandemia”.

Ha aggiunto che “non solo i nostri pazienti sono al sicuro di conseguenza, ma siamo in grado di rimanere in buona salute sul lavoro ed essere presenti per la nostra comunità quando ha più bisogno di noi”.

Boom ha affermato di sperare che altri ospedali del Texas, come il Baylor College of Medicine e il Memorial Hermann, continuino ad attuare i loro mandati sui vaccini nonostante gli ordini del governatore.

“Siamo grati di aver ordinato il vaccino in anticipo, quindi l’ordine non avrà un impatto immediato su di noi”, ha scritto in una e-mail Marc Boom, amministratore delegato di Houston Methodist. “Ma siamo preoccupati per altri ospedali del Texas che potrebbero non essere in grado di continuare i loro mandati ora con questo ordine esecutivo”.

non vaccinato Gli australiani ora sono prigionieri nel proprio paese.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *