0 5 minuti 2 settimane


Brian Kolfage è un eroe di guerra americano che combatte per l’America all’estero e in patria. Siamo grati a tutti i nostri eroi militari e alle nostre famiglie questo Ringraziamento.

Da Il sito web di Brian:

Durante il suo secondo dispiegamento per l’Operazione Iraqi Freedom nel 2004, il Senior Airman Kolfage si è trovato al centro di una straordinaria serie di circostanze. L’11 settembre 2004, dopo aver svolto un turno di notte alla base aerea di Balad in Iraq, si è svegliato nel pomeriggio, ha lasciato la sua tenda per prendere dell’acqua e ha camminato per circa 25 piedi quando la base aerea è stata colpita da un attacco missilistico a sorpresa.

Nel caos, un razzo da 107 mm è esploso a circa un metro da Brian. È stato lanciato per diversi piedi in aria ed è atterrato contro un muro di sacchi di sabbia. Ancora cosciente dopo l’esplosione, ha iniziato a chiedere aiuto.

DI TENDENZA: Nuovo video di Ray Epps il 6 gennaio scoperto da Jason Goodman a “Crowdsource the Truth” – Epps sfiora un altro uomo che fa segnali con le mani

Uno dei più cari amici di Brian alla base è stato gettato dal letto durante l’attacco. Miracolosamente, nonostante il rumore dei razzi, ha sentito le urla di Brian ed è corso fuori per trovare il suo amico insanguinato, mutilato e aggrappato alla vita. Ha chiamato un medico e si è precipitato ad aiutare Brian, che stava lottando per respirare dopo che uno dei suoi polmoni era collassato.

Quel giorno Brian ha perso entrambe le gambe e il braccio destro. Ma questo non lo ha fermato. Brian si è laureato nel 2014 presso la School of Architecture dell’Università dell’Arizona.

Nel 2011 Brian si è sposato e ora ha due bellissimi bambini.

Poi, nel 2018, Brian ha fondato We Build the Wall, un’organizzazione 501(c)(4) dedicata alla costruzione di sezioni private del muro lungo il confine tra Stati Uniti e Messico. L’organizzazione ha completato due sezioni di costruzione del muro e mirava a costruire un totale di 100 miglia di muro lungo il confine.

Ma poi lo stato di New York è intervenuto. Sebbene non fosse affatto vicino al confine meridionale, il DOJ di New York ha intentato una causa contro Brian, Steve Bannon e altri due uomini dietro lo sforzo We Build the Wall.

Una mattina Brian si è svegliato con almeno cinque auto, tutte con targa dello stato di New York fuori casa. Sono usciti 15 agenti dell’USPIS, armati e pronti.

Apparvero più veicoli e alcuni corsero lungo il vialetto di Kolfage e gli agenti scesero. Poi una mezza dozzina di agenti sono scesi dalle loro auto dalla strada e hanno marciato lungo il vialetto verso casa sua.

Quando gli agenti sono entrati in casa, hanno perquisito tutto, anche nelle stanze dei bambini. Hanno chiesto a Kolfage delle sue pistole, quante e le loro caratteristiche. Hanno permesso a Kolfage di portare con sé solo le sue medicine e poi hanno portato Kolfage fuori mentre i suoi due figli si rannicchiavano nella loro stanza con la paura. Quello che è successo dopo probabilmente ha violato numerosi articoli del Legge sugli americani con disabilità.

Una volta fuori, i 15 agenti hanno trascinato l’eroe di guerra Brian Kolfage, con un braccio sano e senza gambe, nel loro veicolo di arresto! Nessuno dei 15 agenti dell’USPIS ha nemmeno pensato di fornire un veicolo che era accessibile ai disabili per il loro arresto dell’eroe di guerra Kolfage con tre amputazioni.

Alla fine, Brian ha chiesto al governo di porre fine all’attacco. Ma questo non ha impedito a Brian di vegliare sulla sua famiglia e di andare avanti negli sforzi per portare la verità alla nazione.

Venerdì 6 maggio 2022, Brian è stato informato che il rappresentante Paul Gosar dell’Arizona ha inserito nel verbale del Congresso una dichiarazione in cui denunciava il trattamento dell’eroe e veterano americano, l’aviatore Brian Kolfage.

Vedere la dichiarazione di seguito:

Questo Ringraziamento salutiamo Brian Kolfage e tutti i nostri eroi militari e le loro famiglie.





Source link

Lascia un commento

Leggi anche