0 3 minuti 5 mesi


Bill Gates, che possiede già quasi 270.000 acri di terra negli Stati Uniti, ha ottenuto l’autorità legale per acquistare altri 2100 acri nel North Dakota, nonostante le proteste dei residenti locali.

Gates, già il più grande proprietario di terreni agricoli del paese, si è assicurato il via libera per acquistare il terreno per 13,5 milioni di dollari sotto la sua società “Red River Trust”.

Gates sta eludendo una legge anti-aziendale sulla proprietà agricola del 1932 impegnandosi a restituire in affitto la terra agli agricoltori una volta completato l’acquisto.

Il Rapporti del Daily Mail:

Il commissario per l’agricoltura del Nord Dakota, il repubblicano Doug Goehring, ha affermato in precedenza che molte persone si sentono sfruttate dagli ultra ricchi che acquistano terreni ma non condividono necessariamente i valori dello stato.

“Ho avuto un grande orecchio su questo da tutto lo stato, non viene nemmeno da quel quartiere”, ha detto Goehring a KFYR-TV. “Quelle persone sono arrabbiate, ma ce ne sono altre che sono semplicemente furiose per questo.”

Gates ora possiede 268.984 di terreni multiuso in 19 stati:

Come abbiamo precedentemente notatoBill Gates e altri miliardari hanno acquistato enormi quantità di terreni agricoli mentre erano americani vengono raccontati dai tecnocrati neofeudali del “Great Reset” che il futuro è uno senza proprietà privata.

Gates è anche intenzionato a promuovere prodotti a base di carne sintetica al 100% mentre acquista quantità record di terreni agricoli e monopolizza la produzione alimentare globale.

—————————————————————————————————————————

METTERE IN GUARDIA! Nell’era della censura di massa della Silicon Valley è fondamentale rimanere in contatto.

Abbiamo bisogno che tu ti iscriva alla nostra newsletter gratuita qui.

Sostieni il nostro sponsor – Turboforza – una spinta sovraccarica di energia pulita senza il calo.

Inoltre, abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno finanziario qui. —————————————————————————————————————————





Source link

Lascia un commento

Leggi anche