0 4 minuti 1 settimana

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici

L’ex procuratore generale William Barr ha affermato che l’ex presidente Donald Trump non dovrebbe essere il candidato alla presidenza dei repubblicani per il 2024, sostenendo di essere “ovviamente incline alla vendetta più di ogni altra cosa”.

“Penso che il futuro sia luminoso per il Partito Repubblicano. Vedo il 2024 come un altro 1980, quando [former President] Reagan ha vinto due mandati e poi [former President George H.W.] Bush ha vinto un terzo mandato”, ha detto Barr a Catherine Herridge di CBS News venerdì.

“Ed è quello che penso tu abbia davvero bisogno per rendere di nuovo grande l’America, sai, una vittoria decisiva e la reazione agli eccessi dei democratici progressisti”.

“E penso che potremmo farlo di nuovo e ottenere davvero una vittoria decisiva con il candidato giusto, ma non penso che Trump sia quel candidato”, ha continuato Barr. “Il giorno in cui sarà eletto, sarà un 78enne zoppo che ovviamente è incline alla vendetta più di ogni altra cosa”.

briscola disseccato Barr a marzo per aver respinto le accuse di frode elettorale nelle elezioni del 2020, sostenendo che i Democratici lo “hanno rotto”.

“L’ex procuratore generale Bill Barr non conoscerebbe la frode elettorale se lo stesse fissando in faccia – e lo era”, ha detto Trump in una nota. “Il fatto è che era debole, inefficace e totalmente spaventato dall’essere messo sotto accusa, cosa che i Democratici minacciavano costantemente di fare. Lo hanno “spezzato”.

Trump non ha annunciato ufficialmente una corsa presidenziale, ma Democratici e Repubblicani RINO si stanno esprimendo contro di lui nella speranza di far deragliare le sue prospettive.

Ad esempio, l’ex vicepresidente Dick Cheney profondamente impopolare questa settimana ha pubblicato una campagna pubblicitaria per sua figlia Liz Cheney, affermando che “non c’è mai stato un individuo che sia stato una minaccia più grande per la nostra repubblica di Donald Trump”.

Trump “ha cercato di rubare le ultime elezioni usando bugie e violenza per mantenersi al potere dopo che gli elettori lo avevano respinto”, ha detto Cheney. “È un codardo. Un vero uomo non mentirebbe ai suoi sostenitori. Ha perso la sua elezione e ha perso molto. Lo so, lui lo sa e, in fondo, penso che la maggior parte dei repubblicani lo sappia”.

Tuttavia, i sondaggi mostrano Trump avrebbe battuto sonoramente Biden in un incontro testa a testa del 2024 nonostante la copertura mediatica negativa che circonda il 6 gennaio.

Trump è ancora estremamente popolare tra la base repubblicana, come dimostra la massiccia affluenza alle sue ultime urne rally venerdì a Waukesha, Wisconsin.

Inoltre, numerosi candidati sostenuti da Trump che in Arizona e Michigan chi ha criticato le elezioni truccate del 2020 e ha funzionato su una piattaforma di integrità elettorale ha vinto gare primarie chiave martedì sera, evidenziando ulteriormente l’influenza duratura di Trump nel GOP.


Twitter: @WhiteIsTheFury

Verità sociale: @WhiteIsTheFury

Gettr: @WhiteIsTheFury

Gab: @WhiteIsTheFury

Menti: @WhiteIsTheFury





Source link

Lascia un commento

Leggi anche