0 6 minuti 1 settimana

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici


Immagine: Capo medico della Casa Bianca: Biden ha

(Notizie naturali) Il medico capo della Casa Bianca, il dottor Kevin O’Connor, ha affermato che il presidente Joe Biden ha una “tosse sciolta” e continua a restituire un risultato positivo al test del coronavirus di Wuhan (COVID-19).

In un memorandum del 2 agosto indirizzato alla segretaria stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre, O’Connor ha indicato che Biden “continua a sentirsi bene” e “rimane senza febbre e di buon umore”. Il medico del presidente ha anche notato che i polmoni di Biden erano “puliti” e la sua “temperatura, polso, pressione sanguigna, frequenza respiratoria e saturazione di ossigeno rimangono del tutto normali”.

Tuttavia, il capo medico ha detto che il presidente sta “sperimentando un po’ il ritorno di una tosse sciolta”.

“Data la sua positività al rimbalzo che abbiamo segnalato, abbiamo continuato il monitoraggio quotidiano. Questa mattina, il suo test antigenico è rimasto positivo”, ha aggiunto O’Connor.

Biden inizialmente è risultato positivo al COVID-19 il 21 luglio, secondo una dichiarazione di Jean-Pierre quel giorno. Si dice che i suoi sintomi all’epoca includessero naso che cola, tosse, mal di gola, una leggera febbre e dolori muscolari. L’addetto stampa ha aggiunto che Biden ha ricevuto quattro dosi del COVID-19 e ha iniziato a prendere l’antivirale Paxlovid.

Dopo il trattamento con Paxlovid, Biden ha restituito un risultato negativo al test il 27 luglio e alla fine è uscito dall’isolamento. Tuttavia, Biden è risultato nuovamente positivo al COVID il 30 luglio, in una cosiddetta infezione di rimbalzo.

Secondo il promemoria di O’Connor, questa è stata la prima volta che i sintomi – la “tosse sciolta” di Biden – sono riemersi a seguito di un caso di rimbalzo. (Correlato: Biden risulta positivo al COVID nonostante abbia ricevuto QUATTRO dosi del coagulo.)

Brighteon.TV

Prima di risultare nuovamente positivo per COVID-19, Biden ha avuto sei contatti stretti che erano negativi per SARS-CoV-2, ha affermato Jean-Pierre.

“Il presidente continuerà le sue rigide misure di isolamento come descritto in precedenza. Continuerà a condurre gli affari del popolo americano dall’Executive Residence. [He] continua a essere molto specificatamente coscienzioso nel proteggere qualsiasi membro della Residenza Esecutiva, della Casa Bianca, dei Servizi Segreti e di altro personale i cui compiti richiedono una qualsiasi – anche se socialmente distanziata – vicinanza a lui”, ha concluso O’Connor.

Infezioni di rimbalzo comuni tra coloro che assumono Paxlovid

La pillola Paxlovid usata per trattare l’infezione da COVID-19 di Biden è una combinazione di due farmaci antivirali: nirmatrelvir e ritonavir. Nirmatrelvir “ha dimostrato attività antivirale contro tutti i coronavirus noti per infettare gli esseri umani”, secondo il National Institutes of Health. Ritonavir, che in precedenza era usato contro l’HIV, assicura che ci siano livelli sufficienti di nirmatrelvir nel corpo.

Secondo il Food and Drug Administration (FDA), il farmaco anti-COVID prodotto da Pfizer “deve essere assunto entro cinque giorni dall’inizio dei sintomi”. Ha raccomandato il farmaco per le persone con COVID-19 da lieve a moderato che sono “ad alto rischio di progressione a COVID-19 grave, compreso il ricovero o la morte”.

National Public Radio, Radio Pubblica ha riferito che il reggimento di trattamento standard di Paxlovid consiste nell’assumere tre pillole due volte al giorno per cinque giorni. Ma dopo l’infezione di rimbalzo di Biden, O’Connor ha avvertito che non c’è motivo per il presidente di sottoporsi a un altro ciclo di trattamento con Paxlovid.

Biden non è l’unico individuo che ha riportato un’infezione di rimbalzo dopo il trattamento con Paxlovid. Alcuni individui che hanno assunto il farmaco antivirale hanno attestato che, sebbene alleviasse rapidamente i loro sintomi, sono risultati positivi ancora una volta e i loro sintomi sono tornati. La loro malattia è tornata tra due e otto giorni dopo la guarigione iniziale.

Anche il consigliere medico capo della Casa Bianca, il dottor Anthony Fauci, è stato vittima di un’infezione di rimbalzo dopo aver preso Paxlovid. Ha contratto per la prima volta SARS-CoV-2 a giugno, cosa che lo ha portato a seguire il suo primo ciclo di farmaco. Ma si è ammalato con sintomi peggiori di COVID-19 non appena ha terminato il primo regime di cinque giorni.

L’esperto di malattie infettive ha dichiarato il 26 luglio di essere al quarto giorno del suo secondo regime di Paxlovid.

“Mi sento abbastanza bene. Voglio dire, non sono completamente privo di sintomi, ma di certo non mi sento gravemente malato”, ha detto Fauci ai giornalisti durante una conferenza stampa alla Casa Bianca.

Guarda il dottor Anthony Fauci condividere la sua esperienza con un’infezione da rimbalzo dopo aver terminato il suo primo programma Paxlovid.

Questo video è del canale cinese che sta eliminando EVIL CCP Brighteon.com.

Altre storie correlate:

Le pillole “anti-covid” di Merck e Pfizer sono solo un’altra truffa di profitto per sfruttare l’isteria covid.

Il CEO di Pfizer si aspetta che in futuro più persone avranno bisogno delle pillole COVID, ammettendo essenzialmente che i vaccini non funzionano.

La FDA ammette che il farmaco antivirale Pfizer paxlovid provoca reazioni pericolose per la vita se assunto con farmaci comuni.

Le fonti includono:

ABC7Chicago.com

WhiteHouse.gov 1 [PDF]

WhiteHouse.gov 2

NPR.org

ABCNews.go.com

Brighteon.com



Source link

Lascia un commento

Leggi anche