0 3 minuti 2 mesi


Gli attivisti pro-vita hanno manifestato mercoledì il loro patriottismo davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti.

Durante la manifestazione davanti alla Corte Suprema, un grande raduno di persone ha cantato l’inno nazionale. Mercoledì, la Corte Suprema ascolterà le argomentazioni orali in Dobbs v. Jackson Women’s Health Organization, un caso incentrato su una legge del Mississippi che proibisce la maggior parte degli aborti dopo 15 settimane di gravidanza di una donna.

Molti degli attivisti cantanti portavano cartelli con messaggi come “la vita ne vale la pena” e “chiamami estremista, ma penso che lo smembramento sia sbagliato”.

TENDENZA: ESCLUSIVO: Monumento dimenticato agli orfani morti dai tortuosi e mortali test sull’AIDS di Fauci si trova nello stato di New York – FOTO STRINGENTI

Mary Margaret Olohan, una giornalista del Daily Signal, ha twittato il filmato dicendo: “Il lato pro-life della folla canta l’inno nazionale”.

Molti ritengono che il caso abbia il potenziale per ribaltare Roe v. Wade, che avrebbe importanti conseguenze per l’accesso all’aborto in tutto il paese. La Corte Suprema del Mississippi stabilirà se lo statuto del 2018 che vieta la procedura sia legittimo o meno. Dalla decisione del 2018, molti tribunali di grado inferiore si sono pronunciati per impedire il divieto, che consente l’accesso all’aborto fino a circa 24 settimane di gestazione.

Dobbs fa un’eccezione nei casi in cui il feto abbia una malattia “incompatibile con la vita” o in cui la gravidanza rappresenti un pericolo per la salute della madre.



Scopri tutto di te con il test del DNA più completo

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche