0 4 minuti 2 settimane



L’Associated Press lunedì ha licenziato uno dei due giornalisti con un sottotitolo il rapporto ora ritirato della scorsa settimana che affermava che “missili russi” erano “attraversati nella Polonia membro della NATO” e ucciso due persone.

Da The Daily Beast, AP licenzia il giornalista dietro la storia ritrattata dei “missili russi””:

Quel rapporto, che è stato ampiamente citato su Internet e sui notiziari via cavo, è stato messo offline il giorno successivo e sostituito con una nota dell’editore che ammetteva l’unica fonte [a “senior U.S. intelligence official”] era sbagliato e che “il successivo rapporto ha mostrato che i missili erano di fabbricazione russa e molto probabilmente lanciati dall’Ucraina per difendersi da un attacco russo”.

Lunedì, l’AP ha licenziato James LaPorta, il giornalista investigativo responsabile di quella storia, ha appreso Confider.

Il pezzo, originariamente scritto insieme a John Leicester (che sta ancora lavorando all’AP), attribuiva l’informazione a un singolo “alto funzionario dell’intelligence statunitense”, nonostante la regola dell’AP che “ricerca e richiede regolarmente più di una fonte quando l’approvvigionamento è anonimo.

L’unica eccezione, secondo la sua dichiarazione di valori e principi di notizie, è quando “il materiale proviene da una figura autorevole che fornisce informazioni così dettagliate che non c’è dubbio sulla loro accuratezza” – una situazione che apparentemente non si è verificata, poiché il rapporto è stato completamente ritirato mercoledì scorso.

Quando è stato contattato per un commento, un portavoce di AP non ha commentato la cacciata di LaPorta, ma ha invece scritto: “I rigorosi standard editoriali e le pratiche dell’Associated Press sono fondamentali per la missione di AP come organizzazione di notizie indipendente. Per garantire che i nostri rapporti siano accurati, equi e basati sui fatti, rispettiamo e applichiamo questi standard, incluso l’uso di fonti anonime”.

Il WashingtonPost ha accusato la “confusione e incomprensioni” interne per il rapporto:

Le comunicazioni AP interne visualizzate da The Post mostrano una certa confusione e incomprensioni durante la preparazione del rapporto errato.

LaPorta ha condiviso la soffiata del funzionario statunitense in un messaggio elettronico intorno alle 13:30 ora di New York. Un editore ha immediatamente chiesto se AP dovesse emettere un avviso sul suo suggerimento, “o avremmo bisogno di conferma da un’altra fonte e/o dalla Polonia?”

Dopo ulteriore discussione, un secondo editore ha detto che “voterebbe” per la pubblicazione di un avviso, aggiungendo: “Non riesco a immaginare che un funzionario dell’intelligence statunitense si sbaglierebbe su questo”.

Momento donna.

Ma una persona dell’Associated Press che ha familiarità con le conversazioni più ampie che circondano la storia quel giorno ha detto che LaPorta ha anche detto ai suoi redattori che un senior manager aveva già controllato la fonte della soffiata di LaPorta, lasciando l’impressione che l’origine della storia fosse stata approvata. Mentre quell’editore aveva firmato le storie precedenti usando la fonte di LaPorta, quell’editore non aveva preso in considerazione la storia del missile.

Easton ha affermato che l’organizzazione non ha previsto alcuna disciplina per gli editori coinvolti.

“Lei” ha votato per pubblicare questo rapporto bomba che violava le stesse regole dell’AP sull’uso di fonti anonime e rischiava di scatenare la terza guerra mondiale perché non poteva “immaginare” che un alto funzionario dell’intelligence statunitense potesse sbagliarsi, ma non è stata licenziata – solo LaPorta sta diventando inscatolato.

Alcuni grandi “standard” che hai lì, AP!



Source link

Lascia un commento

Leggi anche