0 4 minuti 1 settimana

SOSTIENICI CON UNA  DONAZIONE LIBERA SU

Sostienici

Ad Alex Jones è stato ordinato di risarcire oltre 49 milioni di dollari ai genitori di una vittima di Sandy Hook per “diffamazione” e “inflizione intenzionale di stress emotivo” per aver definito la sparatoria una “bufala” quasi un decennio fa.

“In Texas, ci sono limiti legali ai danni punitivi, con un tetto per imputato di due volte l’importo dei danni economici, più l’importo dei danni non economici trovati dalla giuria, l’ultima parte non deve superare i $ 750.000”, riferisce Bloomberg Law .

“Il giudice Maya Guerra Gamble del 459° tribunale distrettuale della contea di Travis può ridurre i danni punitivi dati quei limiti, e gli avvocati di Jones hanno detto subito dopo il verdetto che avrebbero presentato una mozione per ridurre il lodo punitivo”.

Jones è stato dichiarato colpevole dal giudice democratico Maya Guerra Gamble prima dell’inizio del processo per presunto mancato rispetto della scoperta, il che ha consentito ai persecutori di Jones di eludere completamente la questione della libertà di parola e di avere solo una decisione della giuria sui danni.

La sua difesa è stata sabotata dal suo stesso avvocato che ha apparentemente inavvertitamente consegnato il contenuto del cellulare di Jones agli avvocati dei querelanti.

Il giudice Gamble ha detto che non avrebbe impedito al comitato del 6 gennaio di sequestrare i suoi tabulati telefonici privati ​​in modo che potessero perseguitarlo ulteriormente.

Jones ha fatto il possibile per difendersi in tribuna, ma il gioco è stato truccato fin dall’inizio.

Mancano ancora due prove, una ad Austin e l’altra in Connecticut. Jones è stato preventivamente dichiarato colpevole in entrambi.

Il regime sta facendo una corsa alla fine del Primo Emendamento per perseguitare Alex Jones per il suo discorso politico e mettere a tacere la sua voce.

[Header image by Sean P. Anderson via Flickr, CC BY 2.0]

Segui InformationLiberation su TwitterFacebook, Gab, Minds e Telegram.





Source link

Lascia un commento

Leggi anche