0 2 minuti 2 mesi


Un adolescente californiano è stato arrestato per aver guidato un veicolo della Border Patrol “clonato”.

Il veicolo aveva un elaborato lavoro di decalcomanie per sembrare un SUV ufficiale.

Domenica sera, verso le 18:25, gli operatori del sistema di videosorveglianza remota della stazione di El Centro hanno notato una possibile Chevrolet Tahoe clonata della pattuglia di frontiera.

“Gli agenti hanno risposto e tentato di fermare il veicolo sul veicolo clonato, ma il veicolo ha continuato a viaggiare in direzione est”, ha detto Border Patrol in un comunicato stampa sull’incidente. “Un agente posizionato davanti alla posizione del veicolo ha schierato con successo un dispositivo di sgonfiaggio dei pneumatici controllato per rallentare il veicolo fino all’arresto completo, vicino a Mount Signal Road e all’autostrada 98”.

TENDENZA: La madre nera del Massachusetts si filma mentre aiuta la figlia ad attaccare brutalmente una ragazza di 12 anni mentre la chiama “Dumb White Ho”

Quando gli agenti si sono avvicinati al veicolo, l’autista ha tentato di fuggire a piedi e di nascondersi in qualche boscaglia vicina.

“In seguito è stato arrestato e in un’immediata perquisizione del veicolo, gli agenti lo hanno confermato come clone. Gli agenti hanno stabilito che il cittadino statunitense era l’unico occupante del veicolo”, ha aggiunto il comunicato stampa.

L’autista, un cittadino statunitense di 18 anni, è stato posto agli arresti e trasportato al Centro di elaborazione El Centro per ulteriori indagini. Il suo nome non è stato reso pubblico dall’agenzia.

“Il confine nel settore El Centro è chiuso, e questo è un altro esempio della nostra tolleranza zero per il contrabbando e l’ingresso illegale”, ha affermato l’agente capo della pattuglia Gregory Bovino. “Sono così orgoglioso dei professionisti della sicurezza di frontiera di El Centro che rendono terribilmente difficile per i trafficanti fare il loro mestiere qui!”

Il veicolo sarà sequestrato secondo la politica dell’agenzia.





Source link

Lascia un commento

Leggi anche