0 9 minuti 6 mesi

Questo strano dispositivo protegge la tua auto dai ladri...

SCOPRI COME FATi Mappo!



Due poveretti presumibilmente intrappolati dall’FBI nel complotto per rapire il governatore del Michigan Gretchen Whitmer nel 2020 sono stati condannati con tutte le accuse martedì in un processo “truccato” e rischiano l’ergastolo.

Julie Kelly di American Greatness, che ha seguito il processo, ha detto Il giudice distrettuale statunitense Robert Jonker “truccato” il processo per ottenere il risultato desiderato dai federali.

Una giuria federale ha condannato oggi due uomini accusati di aver cospirato per rapire il governatore del Michigan Gretchen Whitmer nel 2020; il verdetto è una vittoria tanto necessaria per il regime in un caso che il Dipartimento di Giustizia considera una delle sue indagini sul terrorismo interno più importanti degli ultimi decenni.

All’inizio di quest’anno, una giuria non è riuscita a raggiungere un verdetto su Adam Fox e Barry Croft Jr. e il governo ha immediatamente annunciato che i pubblici ministeri avrebbero cercato un altro processo. Entrambi sono stati giudicati colpevoli di rapimento federale e accuse di armi di distruzione di massa e Croft è stato ritenuto colpevole di possesso illegale di armi da fuoco.

I giurati hanno ascoltato la testimonianza di diversi esperti e investigatori dell’FBI durante gli otto giorni del processo presso il tribunale federale Gerald R. Ford a Grand Rapids. Croft, Fox e altri quattro sono stati arrestati nell’ottobre 2020 per la loro presunta partecipazione allo scioccante complotto, che ha portato alla copertura delle notizie nazionali solo poche settimane primagiorno delle elezioni. Ad aprile, una giuria assolto due uomini, Brandon Caserta e Daniel Harris, con tutte le accuse dopo che i loro avvocati hanno sostenuto con successo che gli uomini erano stati incastrati dall’FBI. Altri due imputati, Kaleb Franks e Ty Garbin, si sono dichiarati colpevoli e hanno testimoniato per il governo in entrambi i processi.

[…] Osservatori legali setolato al processo di selezione della giuria di un giorno gestito quasi esclusivamente dal giudice distrettuale degli Stati Uniti Robert Jonker, che ha anche presieduto il primo processo. Il primo giorno di testimonianza, gli avvocati difensori informato alla corte che un giurato è stato potenzialmente compromesso per aver detto ai colleghi che “aveva già deciso il caso e intendeva garantire un risultato particolare alla conclusione del processo”. Jonker ha incontrato privatamente il giurato e ha rifiutato di consentire ai pubblici ministeri o al difensore di partecipare alla riunione; ha ordinato che tutti i documenti relativi rimanessero sotto sigillo.

Jonker ha ripetutamente rimproverato Gibbons e Blanchard per quello che ha visto come sprecare il tempo della giuria in linee di interrogatorio “merda”. Prima della testimonianza dei testimoni del governo mercoledì scorso, Jonker ha compiuto il passo senza precedenti di limitare la quantità di tempo per il controinterrogatorio. Blanchard ha accusato Jonker di favorire apertamente i pubblici ministeri mentre spesso interferiva e interrompeva l’avvocato difensore. “Limitarci è ingiusto ed è incostituzionale, e non aiuta la giuria nella ricerca della verità”, Blanchard detto Jonker il 17 agosto dopo che la giuria era stata licenziata per la giornata. “Sta creando una percezione di come finisce questo caso”.

Il Dipartimento di Giustizia ha anche cercato una definizione più ristretta di intrappolamento, chiedendo essenzialmente a Jonker di rendere più difficile per la giuria concludere che gli imputati fossero stati incastrati dall’FBI.

Il caso era in gran parte centrato accuse di un’operazione di intrappolamento ad ampio raggio dell’FBI che ha coinvolto l’uso di numerosi gestori dell’FBI, agenti sotto copertura e informatori per un periodo di sette mesi. Sembra che questa volta la giuria non fosse convinta che l’FBI avesse svolto un ruolo determinante.

“Permettere [the government] sappi che questo non è l’aspetto di un processo equo in America”, ha detto alla giuria Christopher Gibbons, avvocato di Fox, durante le discussioni conclusive lunedì mattina. “Non approvare o premiare questo tipo di comportamento. È tempo di porre fine a questa debacle ed è tempo di ripristinare la libertà di Adamo”.

Joshua Blanchard, difensore d’ufficio di Croft, ha notato che il governo ha raccolto 1.000 ore di conversazioni registrate tra i beni dell’FBI e gli imputati, ma ha riprodotto meno di due ore di clip per la giuria; una clip durava solo quattro secondi. “L’FBI non esiste, non dovrebbe esistere, per far sembrare le persone dei terroristi quando non lo sono”, ha detto Blanchard durante la sua chiusura. «Tutta questa faccenda è stata una grande farsa dell’FBI. Questa non è la Russia, non è così che funziona il nostro Paese”.

La difesa ha condannato quella che hanno descritto come una testimonianza non veritiera degli agenti dell’FBI e dell’informatore chiave, Dan Chappel, un veterano della guerra in Iraq e spedizioniere di posta per il servizio postale degli Stati Uniti che è stato assunto dall’FBI nel marzo 2020 per infiltrarsi in un gruppo online di sostenitori del Secondo Emendamento anche contrario alle politiche di blocco del Michigan. Chappel, collaborando con almeno una dozzina di informatori dell’FBI e agenti sotto copertura, ha coordinato l’addestramento sul campo e le escursioni di sorveglianza per attirare gli obiettivi nella trappola. Chat di gruppo crittografate creato di Chappel forniva informazioni direttamente ai suoi gestori dell’FBI che lavoravano all’epoca dell’ufficio sul campo dell’FBI di Detroit.

Conosciuto come “Big Dan” per gli obiettivi del governo, Chappel ha gradualmente ricucito il gruppo e ha sollecitato specificamente Fox, che all’epoca viveva nella cantina fatiscente di un’officina di riparazione di aspirapolvere in un centro commerciale di Grand Rapids. Durante due giorni di testimonianza la scorsa settimana, Chappel ha ammesso di aver offerto a Fox una carta di credito con un limite di $ 5.000 almeno quattro volte e ha suggerito a Fox di poter utilizzare la carta per acquistare armi per eseguire il piano di rapimento. (Fox ha rifiutato di accettare le carte.) Fox e Chappel hanno comunicato quotidianamente per quasi quattro mesi, a volte più volte al giorno.

Il governo compensato Chappel circa $ 60.000 in contanti e rimborsi per oggetti personali tra cui un computer portatile, un orologio intelligente e pneumatici nuovi per il suo veicolo. Nel dicembre 2020, due mesi dopo la fine della truffa, l’FBI ha consegnato a Chappel una busta contenente $ 23.540. Blanchard ha accusato l’FBI di aver consentito a Chappel di violare le regole dell’FBI avanzando la presunta cospirazione e prestando giuramento come comandante in una milizia creata dall’FBI.

Cinque informatori dell’FBI sono stati incaricati di sorvegliare Croft, che è stato nel radar dell’FBI dal 2019 per i commenti “anti-governativi” sui social media. Durante un evento in Wisconsin, Jenny Plunk, la principale informatrice dell’FBI assegnata a Croft, ha condiviso una stanza d’albergo con il suo obiettivo. Quando il gruppo iniziò a dividersi alla fine dell’estate tra le preoccupazioni per i discorsi selvaggi di Croft, il responsabile dell’FBI di Plunk la esortò a ricordare agli altri il valore di Croft. ”Mostra loro che sono stati riuniti da Croft e che ha buone idee. Continua a lavorare per risolvere le differenze nel gruppo “, l’agente speciale dell’FBI Christopher Long ha scritto a Plunk il 10 agosto 2020. Per i suoi servizi, Plunk è stata pagata almeno $ 8.000.

Senza alcuna proposta per rapire e assassinare Whitmer a quel punto, l’FBI ha accelerato le sue operazioni introducendo un altro agente dell’FBI sotto copertura per agire come esperto di esplosivi e convincere il gruppo ad acquistare materiali per costruire una bomba. L’agente Timothy Bates, noto come “Red”, ha incontrato gli obiettivi del governo nel Michigan il 12 settembre 2020 dove ha mostrato un video di un veicolo fatto saltare in aria da un ordigno esplosivo. Il video è stato prodotto dall’FBI.

Bates ha ammesso durante la testimonianza la scorsa settimana che la “squadra per il caso” delle risorse dell’FBI si è incontrata la sera prima per tracciare piani per guidare gli obiettivi al remoto cottage per le vacanze di Whitmer a Birch Lake, la presunta scena del crimine. Bates ha portato apparecchiature per la visione notturna e radio ricetrasmittenti da distribuire come oggetti di scena, il tutto fornito dall’FBI.

“Gli uomini sono stati giudicati da una seconda giuria, più diversificata rispetto al primo processo, che si è concluso senza condanne per il governo”, il Detroit Free Press segnalato.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche