0 11 minuti 3 giorni

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE LIBERA SU TIPEEE


È riemerso un articolo del 2012 pubblicato da Child Health Safety. L’articolo ha dettagliato a articolo pubblicato da un coraggioso medico e ricercatore medico investigativo, Lucija Tomljenovic, che ha portato alla luce 30 anni di trascrizioni ufficiali segrete di riunioni dei comitati vaccinali del governo del Regno Unito e dei presunti “esperti” medici indipendenti che siedono su di loro con i loro collegamenti con l’industria farmaceutica.

Lucija Tomljenovic, PhD, è ricercatrice presso il Neural Dynamics Research Group, Dipartimento di Oftalmologia e Scienze Visive dell’Università della Colombia britannica, Canada. Ha una vasta esperienza nello studio della sicurezza degli adiuvanti del vaccino.

Come ha notato Andrew Baker di Food Freedom News in un articolo l’anno successivo, i documenti ufficiali segreti mostrano che gli esperti del governo hanno:

  1. Noto che i vaccini non funzionano.
  2. Noto che causano le malattie che dovrebbero prevenire.
  3. Noto che sono un pericolo per i bambini.
  4. Colluso per mentire al pubblico.
  5. Ha lavorato per prevenire gli studi sulla sicurezza.

“Quelli sono gli stessi vaccini obbligatori per i bambini negli Stati Uniti”, ha scritto Baker.

Abbiamo ripubblicato l’articolo di Child Health Safety di seguito. L’originale è archiviato QUI. Grazie al Ministero della Leonessa di Giuda per aver portato all’attenzione questi preziosi articoli.

30 anni di trascrizioni ufficiali segrete mostrano che gli esperti del governo britannico coprono i rischi dei vaccini

Inserito il 14 marzo 2012 da ChildHealthSafety

[ED: Readers should note that a paper presented at a scientific conference is a citable reference for publication purposes.  That applies to Dr Lucija Tomljenovic’s paper discussed in this article.]

Un nuovo straordinario documento pubblicato da un coraggioso medico e ricercatore medico investigativo ha scavato il terreno su 30 anni di trascrizioni ufficiali segrete di riunioni dei comitati vaccinali del governo del Regno Unito e dei presunti “esperti” medici indipendenti che siedono su di loro con i loro collegamenti con l’industria farmaceutica.

Se vuoi avere un’idea di chi è responsabile delle condizioni di tuo figlio derivanti da una reazione avversa al vaccino, allora questo è il documento da leggere. Quello che devi chiederti è se le persone in questi comitati sono oneste e onorevoli e agiscono nel migliore interesse dei bambini britannici, come è successo da almeno 30 anni?

Questo è ciò che tutti hanno sempre saputo ma non avrebbero mai potuto dimostrare prima d’ora. Passa queste informazioni ad altri in modo che possano vedere cosa succede nei comitati sanitari del governo dietro le porte chiuse.

Citiamo qui dal riassunto dell’autore e dal documento:

Nascondere deliberatamente informazioni ai genitori al solo scopo di indurli a rispettare un programma di vaccinazione “ufficiale” potrebbe essere considerato una forma di violazione etica o cattiva condotta. Documenti ufficiali ottenuti dal Dipartimento della Salute (DH) del Regno Unito e dal Joint Committee on Vaccination and Immunization (JCVI) rivelano che le autorità sanitarie britanniche si sono impegnate in tale pratica negli ultimi 30 anni, apparentemente al solo scopo di proteggere il programma di vaccinazione.

Il documento di 45 pagine con prove dettagliate può essere scaricato qui: La politica di vaccinazione e il Codice di condotta del Comitato misto per la vaccinazione e l’immunizzazione (JCVI): sono in contrasto? Lucija Tomljenovic, Gruppo di ricerca sulla dinamica neurale, Dipartimento di oftalmologia e scienze visive, University of British Columbia, Vancouver, Canada. È stato presentato e fa parte degli atti della conferenza scientifica BSEM 2011 ora pubblicata online qui: Conferenza scientifica BSEM sui rischi per la salute della prevenzione delle malattie, marzo 2011*.

[ED: BSEM HAVE REORGANISED THEIR WEBSITE AND THIS PAGE NO LONGER EXISTS THERE – Note Added 8 May 2014]

Ci sono anche altri documenti trovati a quel link che troverai un’ottima lettura.

L’autrice, la dott.ssa Lucija Tomljenovic, scrive:

Qui presento la documentazione che sembra dimostrare che il JCVI ha compiuto continui sforzi per nascondere dati critici su gravi reazioni avverse e controindicazioni alle vaccinazioni sia ai genitori che agli operatori sanitari al fine di raggiungere i tassi di vaccinazione complessivi che ritenevano necessari per “l’immunità di gregge” , un concetto che per quanto riguarda la vaccinazione, e contrariamente alle credenze prevalenti, non poggia su solide evidenze scientifiche come verrà spiegato. Come risultato di tale politica di vaccinazione promossa dal JCVI e dal DH, molti bambini sono stati vaccinati senza che ai loro genitori venissero divulgate le informazioni critiche sui rischi dimostrati di reazioni avverse gravi, di cui il JCVI sembrava essere pienamente consapevole. Sembrerebbe anche che, nascondendo queste informazioni, il JCVI/DH abbia trascurato il diritto degli individui a fornire un consenso informato in merito alla vaccinazione. In tal modo, la JCVI/DH potrebbe aver violato non solo le Linee guida internazionali per l’etica medica (ad esempio, la Dichiarazione di Helsinki e il Codice internazionale di etica medica) [2] ma anche il proprio Codice di condotta.

[ED: THE UK DEPARTMENT OF HEALTH APPEARS TO HAVE CHANGED ALL THE LINKS TO THEIR DOCUMENTS BY ARCHIVING THEM WITH THE UK NATIONAL ARCHIVE – IF READERS WOULD LIKE TO ATTEMPT TO FIND THE CORRECT LINKS ON THE UK NATIONAL ARCHIVE AND POST THEM IN A COMMENT HERE THAT WOULD BE WELCOME – Note Added 9 May 2014]

La dott.ssa Lucija Tomljenovic continua:

Le trascrizioni delle riunioni del JCVI mostrano anche che alcuni membri del Comitato avevano ampi legami con le aziende farmaceutiche e che il JCVI ha spesso collaborato con i produttori di vaccini su strategie volte a promuovere l’assorbimento del vaccino. Alcuni degli incontri in cui sono stati discussi argomenti così controversi non erano destinati a essere disponibili al pubblico, poiché le trascrizioni sono state rilasciate solo in seguito, attraverso il Freedom of Information Act (FOI). Questi incontri particolari sono indicati nelle trascrizioni come “confidenziali commerciali” e rivelano una chiara e inquietante mancanza di trasparenza, poiché alcune delle informazioni sono state rimosse dal testo (cioè i nomi dei partecipanti) prima del rilascio della trascrizione ai sensi del Sezione FOI sul sito web di JCVI (ad esempio, JCVI CSM/DH (Comitato per la sicurezza dei medicinali/Dipartimento della salute) Joint Committee on Adverse Reactions Minutes 1986-1992).

In sintesi, le trascrizioni delle riunioni JCVI/DH del periodo dal 1983 al 2010 sembrano mostrare che:

  1. Invece di reagire in modo appropriato riesaminando le politiche di vaccinazione esistenti quando sono stati identificati problemi di sicurezza su vaccini specifici dalle proprie indagini, il JCVI a) non ha intrapreso alcuna azione, b) ha distorto o rimosso selettivamente i dati sfavorevoli sulla sicurezza dai rapporti pubblici e c) ha intensificato sforzi per rassicurare sia il pubblico che le autorità sulla sicurezza dei rispettivi vaccini;
  2. Controindicazione significativamente limitata ai criteri di vaccinazione al fine di aumentare i tassi di vaccinazione nonostante problemi di sicurezza in sospeso e irrisolti;
  3. In più occasioni è stato chiesto ai produttori di vaccini di apportare modifiche specifiche alle loro schede tecniche, quando queste erano in conflitto con i consigli ufficiali di JCVI sulle vaccinazioni;
  4. Faceva costantemente affidamento su studi metodologicamente dubbi, mentre respingeva la ricerca indipendente, per promuovere le politiche sui vaccini;
  5. Ha costantemente e categoricamente minimizzato i problemi di sicurezza mentre gonfiava eccessivamente i benefici del vaccino;
  6. Promosso ed elaborato un piano per l’introduzione di nuovi vaccini di dubbia efficacia e sicurezza nel programma pediatrico di routine, partendo dal presupposto che le licenze alla fine sarebbero state concesse;
  7. Ricerca attivamente scoraggiata sui problemi di sicurezza dei vaccini;
  8. Ha approfittato deliberatamente della fiducia dei genitori e della mancanza di conoscenze rilevanti sulle vaccinazioni per promuovere un programma di immunizzazione scientificamente non supportato che potrebbe mettere alcuni bambini a rischio di gravi danni neurologici a lungo termine.

In particolare, tutte queste azioni sembrano violare il Codice di condotta della JCVI.

Leggi il documento qui per le prove complete a sostegno di queste conclusioni nelle sue 45 pagine. Un eccellente pezzo di ricerca investigativa: la politica di vaccinazione e il codice di condotta del comitato misto per la vaccinazione e l’immunizzazione (JCVI): sono in contrasto?

E non dimenticare di leggere di più dagli atti della conferenza scientifica BSEM 2011 ora pubblicati online qui: The Health Hazards of Disease Prevention – Conferenza scientifica BSEM, marzo 2011.

Conferenza scientifica BSEM, marzo 2011. [ED: BSEM HAVE REORGANISED THEIR WEBSITE AND THIS PAGE NO LONGER EXISTS THERE – Note Added 8 May 2014]


*Nota da The Exposé sulla conferenza scientifica della società britannica per la medicina ecologica (“BSEM”) a marzo 2011

Quanto segue è estratto dall’archivio di BSEM che può essere trovato QUI.

La conferenza scientifica BSEM del marzo 2011 con questo titolo è stata organizzata dal dottor David Freed. Abbiamo deciso di pubblicare gli atti online e David ha lavorato con i relatori per mettere i documenti in un formato concordato e accettabile e ha scritto un’introduzione personale. Il giorno dopo morì improvvisamente. Quelle che seguono sono le ultime parole che ha scritto. Parla dal cuore della scienza, della corruzione nelle alte sfere, dell’etica della cura del paziente e soprattutto della verità.

“Mi sembra che il background etico della vaccinazione – somministrare farmaci potenzialmente dannosi a individui sani nella speranza di mantenerli così – non sia mai stato affrontato in modo chiaro… Chi ci ha dato il diritto (a) di invadere il corpo di persone sane che non ci ha mai chiesto di farlo, e (b) di farlo non solo senza spiegare i possibili rischi, ma in alcuni paesi anche applicando pressioni coercitive, negando l’esistenza dei rischi e sopprimendo le informazioni rilevanti?” – Il dottor David Freed

La questione della vaccinazione e dei suoi rischi suscita forti emozioni, non ultima la paura – paura di un attacco pubblico per aver parlato, per esempio. Queste sono le presentazioni della conferenza che siamo autorizzati a pubblicare. Diversi oratori prenotati si sono ritirati, per vari motivi, quindi non vengono pubblicati. Alcuni relatori non hanno potuto partecipare, ma hanno voluto che i loro documenti fossero inclusi negli atti; sono pubblicati qui”.



Source link

Lascia un commento

Leggi anche